Comunicazione non verbale: “riconoscere le emozioni inconsciamente?”

Ciao,

abbiamo parlato un sacco di volte di comunicazione nonverbale, di emozioni e di neuroni specchio. Sono alcuni deitemi più apprezzati nel mondo della psicologia e delleneuroscienze (a parte il non verbale)… Che le emozionifossero contagiose non è un mistero, infatti gli studi fattidal Prof. Jacoboni ci mostrano che “una parte del nostrocervello risponde alle emozioni altrui imitando quello stessopattern (cioè i neuroni delle persone si imitano fra loro).

Le emozioni sono contagiose, cioè se vedi uno che rideti viene da ridere Ulf Dimberg, Monika Thunberg e KurtElmehed della Università di Uppsala hanno dimostrato chequesta reazione spontanea avviene anche quando ai soggettivengono presentate delle immagini subliminali ( al si sottodei 30 millisecondi)…ecco come è andato lo studio:

Utilizzando un elettromiografo (una macchina in grado diregistrare i movimenti muscolari, anche minimi) i ricercatorihanno notato che quando presentavano delle immagini checorrispondevano alle emozioni di felicità e paura (le due chesi pongono agli estremi fra le emozioni positive e quellenegative) e facce neutre…i muscoli facciali dei soggettitendevano ad imitare l’espressione del viso. Questa non èuna vera e propria novità in questo campo…ma…

…i ricercatori allora si sono chiesti se anche l’esposizionesubliminale (sotto la soglia della percezione cosciente)potesse provocare le stesse reazioni nei soggetti. Per cuisi sono avvalsi delle stesse immagini (chiaramente susoggetti diversi) ed hanno raccolto risultati simili. Cioènonostante i partecipanti non “vedessero” le immaginirealative alle emozioni i loro muscoli facciali rispondevanonello stesso identico modo in cui avrebbero risposto sel’avessero visto.

Vedo già le facce soddisfatte degli appassionati di quellapsicologia dietrologista dove “siamo tutti manipolati” ;-)Ma voglio mostrarti la cosa da un punto di vista diverso,cioè quello di chi vuole utilizzare queste informazioni perstare meglio e far stare meglio le altre persone. Se hai lettogli scorsi articoli sulle microespressioni sai che esistonodiverse tipologie di mimiche facciali ed anche diversi tipidi modi di “esporre” la stessa mimica. Per cui ci sonopersone trasparenti, persone che lo sono meno e anchepoker face 😉

Le implicazioni di questo studio possono essere applicate amolti campi, da quello più “spietato della vendita” (e infattisono rare le pubblicità dove la gente piange) e sia nel campodella prevenzione della salute psicologica o a quello dellacomunicazione efficace. La cosa più importante per te, èsapere che le emozioni che tu esprimi vengono riconosciuteed imitate da chi ti sta davanti, per cui se vuoi far starebene una persona tu per primo devi “stare bene”.

Questo principio è molto famoso in PNL e viene chiamatoanche come “Go first“, cioè “vai per primo”…se vuoi chequalcuno entri in un determinato stato emotivo ci deviandare tu per primo. Ed è per questo che questo studio ècosì importante, perché sottolinea quanto l’intuizione dialcuni grandi pensatori del nostro secolo siano valideanche quando poste sotto l’occhio acuto dei ricercatori 😉

Fammi sapere cosa ne pensi, lascia un commento quisotto e se vuoi seguire e sostenere il blog iscriviti ai miei feed e/o seguimi su facebook.

A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
“Ricercatore Indipendente della Crescita Personale”
Sviluppo Professionale: “il Pulitzer online”
Ipnosi: Induzioni Rapide…l’incredibile maestria di Milton Erickson
I “Segreti” della Persuasione
5 Commenti
  • Ecco quello che avremmo voluto sentire a Festa italiana, ma quelle quattro oche starnazzanti non ne volevano prorio sapere, è difficile accettare certe cose quando il tuo orizzonte culturale non va oltre Donna Moderna. Tu un po' hai ceduto ed un po' hai resistito, ma si vedeva che soffrivi e che il vaffa non è partito solo per educazione : )

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ahahah…lo credevo anch'io 😉

    Ho usato un verbo inappropriato…meglio "installare". Sarebbe stato più semplice montarla da zero 🙂

  • ma perchè, si montano le lavatrici? O_O
    non basta attaccare la spina???

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Elisa,
    si ancora peggio 😉 le microespressioni sono spesso più veloci della percezione cosciente…

    Grazie
    Genna

    Ps. sto montando la lavatrice nuova…ammazza che fatica :DDD

  • pensi che questo possa valere anche con una persona prevenuta nei nostri riguardi?

    ciao e buona giornata 🙂

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK