Psicologia e Social Network: descrivi davvero chi sei su Facebook ?

Ciao,

l’altro giorno ho parlato di come alcuni tratti di personalitàsono legati a come mantieni o crei le tue amicizie online.Oggi invece ti parlo di uno studio simile ma è basato su unaspetto ancora più interessante ed è: “quanto possiamofidarci dei profili che troviamo sui social network? esoprattutto questi rispecchiano realmente la personalitàdell’utente?”. Ad oggi ci sono circa 700 milioni di utenti checonnessi fra facebook, myspace, e altri…sono davvero tante..cosa dicono i loro profili sulla loro vera personalità? 😉

I ricercatori hanno reclutato 236 studenti americani etedeschi che utilizzano quotidianamente i social network,i quali sono stati tutti sottoposti al test dei “big five“. Chesi divide in 5 tratti principali: estroversione, apertura,coscienziosità, amabilità e nevroticismo. Successivamenteai soggetti è stato somministrato un questionario pervalutare la loro “personalità ideale”…cioè chi sarebberovoluti essere…

Dopodiché sono stati reclutati un gruppo di giudici allooscuro di tutto. Ai quali è stato chiesto di valutare lapersonalità dei profili di facebook dei partecipanti. Aquesto punto i ricercatori hanno tutti i dati per potertrarre le loro conclusioni: secondo te la valutazione deigiudici indipendenti rispecchia la “vera personalità” deiprofili oppure rispecchia di più la loro “personalitàideale?”.

Al contrario di quanto si possa immaginare, la personalitàdescritta dai giudici (che ti ricordo sono persone alle qualiè stato semplicemente chiesto di valutare la personalità dipersone che posseggono un profilo su un social network) èstata più vicina a quella reale che non a quella ideale.Le persone sono risultate essere terribilmente onestenella descrizione di se stesse tramite i loro profili.

Questo studio è davvero interessante perché smonta ilvecchio stereotipo che internet sia una giungla infestatadi porcherie. In parte è vero, ma ad oggi gli utenti sonodiventati sempre più esperti e sanno riconoscere i veripericoli dalle “paranoie collettive”. Non solo prova ancheche una delle osservazioni fatte da Freud è a tutt’oggivalida…anche nel mondo virtuale: “non puoi nasconderechi sei, questo trasparirà da tutti i pori della tua pelle”.(diceva all’incirca così)…

Al contrario di quanto sostenevano tempo fa gli studiosi,cioè che internet spinge le persone a crearsi una loroimmagine ideale…questo studio dice praticamente l’opposto. E questo sicuramente spiega la attualesuper popolarità dei social network, perché la onestàe la verità trascinano le persone. E’ chiaro che ognunodi noi ci “mette del suo” per apparire in un certo modopiuttosto che in un altro…ma questo lo fai anchedal vivo 😉

Le persone hanno davvero compreso l’efficacia del webcome “nuovo” mezzo di comunicazione. Ti basta dareun’occhiata al nuovo giornalismo online o altre cose delgenere per capire che ormai…non puoi più nascondertidietro ad un avatar … alle persone piace avere a chefare con persone vere. Questa è la rivoluzione dal bassoche mi piace tanto e che mi spinge a scrivere tutti igiorni su questo blog 😉

Fammi sapere se te gusta l’esercizio lascia un commentoqui ti piace il mio blog, seguilo dai feed rss oppure dal tuoaccount di facebook.

a prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
“Come Auto-Suggestionarsi”
Psicologia: Effetto Placebo e Caffeina
Richard Bandler: “Audio-Esercizio Anti-Ansia” ;-)
Psicologia: “video giochi poco educativi?”
2 Commenti
  • Hai perfettamente
    ragione Daniela 😉

  • ahha me gusta l'esercizio 😛
    penso che su internet trovi di tutto … io personalmente ho conosciuto brave persone, ci stanno i profili che corrispondono al vero 🙂 ma ci stanno anche i paraculo :)) ops
    Daniela

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK