Comunicazione Efficace: il linguaggio volgare…

Ciao,

ti ho già parlato del “linguaggio volgare” e di come alcunevolte sia utile in formazione per aprire la mente dellepersone. Nonostante questo molti miei colleghi ma anchesemplici lettori di passaggio sono un po’ irritati dal fattoche io cerchi di scrivere “come parlo”. Sicuramente avrainotato che come prima cosa ti do del “tu”, cosa che vienespesso poco accettata nel mondo pomposo dei mieicolleghi…ma questo è solo l’inizio della faccenda…

Così da quando ho iniziato a bloggare ho preso la decisionedi essere il più colloquiale possibile nella scrittura. Qualchefurbone potrà pensare che io utilizzi questo modo di faresolo per una questione di copywriting…ma così non è. Infatti se ci pensi il modo migliore per parlare a qualcuno èquello di essere chiaro e semplice…senza troppi paroloniche spesso vengono usati a sproposito. Questo mio mododi fare è lo stesso che hanno usato nostri predecessoricome Dante e Boccaccio…mica pizza e fichi 😉

Per questo motivo mi ritrovo a scrivere mettendo tantipuntini di sospensione…perché sono ancora più efficacidelle virgole e dei punti. Ma ci sono altri motivi che sonolegati alla comunicazione efficace dei contenuti:

1) Il linguaggio volgare, cioè quello parlato è il modomigliore per entrare in rapport con qualcuno. Perchéti permette di restare su un certo livello, se poi questosi alza, puoi alzarlo anche tu…ricalco e guida…

2) Il linguaggio volgare fa ridere 😉 e la risata attivala tua memoria. Noi ricordiamo attentamente solo ciò checi emoziona…e dovendo scegliere fra le emozioni da usareper ricordare…preferisco di gran lunga quelle positive 😉

3) Il linguaggio volgare è emotivo cioè è il modo concui le persone esprimono le loro emozioni…e come si sa èdavvero importante che una persona possa liberamenteesprimere le proprie emozioni.

Concludendo: se vuoi imparare l’italiano forbito questonon è il posto giusto 😉 perché qui cerco di “parlare comemangio”…e ti assicuro che sono davvero disordinato nelfarlo…cioè nel mangiare 😉 Oltretutto sono certo chechi mi legge apprezzi questo genere di linguaggio, ancheperché non se ne può più dei professori e professionistibarbosi che quando parlano avrebbero bisogno dei sottotitoli 😉

Fammi sapere che ne pensi, lascia un commento quie se ti piace il mio blog, seguilo dai feed rss oppuredal tuo account di facebook.

a prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Psicologia e psicoterapia, coaching e counseling – “come affrontare la consulenza del futuro?”
Psicologia del Benessere: scrivere ad una persona cara…riduce il colesterolo :-)
Sviluppo Personale: “potenziare la mente attraverso la lettura ;-)”
Comunicazione Efficace: “Anti-comunicazione il potere della solitudine”
9 Commenti
  • Ciao Simone,

    grazie mille… so che le tue parole arrivano dalla esperienza diretta ed essendo anche narcisista le accetto volentieri 😉
    Grazie—

    Ciao Claudio,

    ahhh…"parlare potabile"…in base alle persone che hai davanti. Se uno può bere solo un certo tipo di acqua bisogna dargliela altrimenti muore di sete…e come si sa l'acqua è il nostro primo alimento per restare vivi…

    …per cui è molto bella come metafora 😉

    Genna

  • Ciao Genna,
    sono assolutamente d'accordo con le tue parole e il tuo ragionamento.
    A volte mi capita di criticare amici o colleghi che, appassionati o studiosi i un determinato argomento, quando gli viene posta una domanda iniziano a rispondere con tecnicismi e termini settoriali che pompano di orgoglio il loro ego, ma lasciano spiazzato il povero interlocutore.
    Ciò che ribadisco sempre loro è che il livello di comunicazione va sempre tarato in base alla persona che si ha di fronte.
    Se, come dovrebbe essere, l'obiettivo della mia comunicazione è trasmettere al mio interlocutore dei contenuti e che questi siano ben chiari, allora in paroloni e tecnicismi non fanno altro che andare verso la direzione opposta.

    Un mio amico consilgia spesso di "PARLARE POTABILE"! e la tua acqua è purissima 😉

    Un abbraccio

    Claudio

  • hi Gen, sei un Filone !!! A te piace parlare così, ma tu sai di saper parlare benissimo!
    Saper parlare ed usare le parole implica di conoscerle, scegliere il livello…si può cercare di apprendere (anche in fantastici corsi di comunicazione, talvolta talmente efficaci che ci si innamora della infinita esplorazione…e sorrido felice).
    secondo me, nel tuo blog hai scelto un livello che mette molto a proprio agio, non capisco come descriverlo, ma penso sia un linguaggio "universale", nel senso che sembra che sempre chiunque possa seguirti…
    Se penso a quei professori da te citati che usano sempre solo paroloni,ne conosco , in ogni settore ci sono esemplari fantastici …. ma questi, con i loro figli come parleranno? con la loro moglie? quando devono decidere se cambiare il rubinetto del giardino che il ghiaccio ha fatto scoppiare…?
    Insomma se vogliono COMUINICARE, che tono, impostazione o livello terranno …? quello dei paroloni….?!? mah…
    Ecco il linguaggio universale che ci mette in comunicazione e se vogliamo anche a buon agio fra intrlocutori… oppure.., no….
    Mabbell'antonio, sei fantastico !

  • Sta vignetta mi ricorda qualcosa;-)

  • Genna…

    … condividuo ed applico tutti i giorni quanto tu descrivi in questo post anche perché "sento" che…

    …la ns.lingua ossia la Lingua Italiana è oggi una lingua MORTA…

    … e tanto più è MORTA quando dobbiamo utilizzarla per comunicare a proposito del mondo del lavoro…

    … è invece (la ns lingua italiana) davvero viva quando la utilizziamo per farci seghe-mentali&C.

    un saluto di cuore
    Piero

  • waa sono assolutamente d'accordo 😛 basta col linguaggio da professorone che parla per ore e ore usando termini che manco il vocabolario c ha 😛 e che dopo 5 minuti ti viene un forte mal di testa 🙂 e soprattutto non ci capisci nulla 😛
    Daniela

  • "Così in alto così in basso." Così nella 'scienza ermetica'. Ma anche nella vita (quella non vegetale – o meramente vegetativa). Nei fatti – parliamo nello specifico del linguaggio -, conviene dapprima 'ricalcare' (in 'basso': il 'mondo' è, in genere, terra-terra…), poi 'guidare' (verso l''alto'), per poi 'riatterrare' e 'ri-decollare'. In pratica, un'altalena tra 'stalla' e 'stelle': tutto questo per 'sondare' tutte le possibilità dell'esistenza (e del linguaggio): che non è solo 'mercato'… (nel senso di Nietzsche – "… il deserto cresce: guai a chi cela deserti dentro sé!"). La varietà – tassonomica e cromatica – del 'giardino' è, infatti, ben più interessante del giardino di solo rose (per di più senza spine) o di sole margheritine selvatiche (che non ispirano più di tanto…), o di 'sole' (nel senso, sia di 'astro celeste' sia, alla romana, di …'bidoni'). "Per aspera ad astra….".

  • Ciao Piergiorgio,

    parole sacrosante…quelle che hai detto e che è giusto noi recapitiamo all'indirizzo dei nostri clienti. Indirizzo che deve essere uguale altrimenti il postino si inkazza e le mette in giacenza 😉

  • Avanti così Genna, da Amico e collega trovo la tua comunicazione efficace e di facile lettura. La nostra professione deve poter produrre dei cambiamenti nelle persone, se vogliamo generare dei cambiamenti dobbiamo essere compresi, e il modo migliore è utilizzare lo stesso "codice" di comunicazione, se invece vogliamo fare "accademia" e sentirci strafighi, solleticando il nostro ego, possiamo usare termini tecnici complessi e di difficile comprensione "parlandoci addosso…tra le due, io sposo la tua linea di pensiero…e anche alimentare… 😉

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK