Comunicazione: E’ possibile leggere nel Pensiero..per davvero??

Ciao,

ti ricordi che cosa è la “calibrazione“? Qualche tempo faavevo postato un articolo che illustrava un esercizio cheaveva come scopo quello di “leggersi nel pensiero”…nonnel senso della deformazione semantica del milton modelma nel vero senso della parola 😉 Quando due personesono in rapport spesso riescono a prevedere le mossealtrui non è magia ma sono i neuroni specchio…

Ma non riesco più a trovarlo…per cui ho deciso di farneun altro molto simile. Nello scorso corso di comunicazionealcuni partecipanti sono riusciti addirittura a fare coseabbastanza al di là del normale. L’esercizio va fatto conalmeno 2 persone, ma è ancora meglio se viene fatto in3 di modo che ci sia un osservatore in grado di valutarela genuinità dei risultati.

1) Siediti davanti ad un’altra persone e segna su un pezzodi carta un oggetto semplice, come una casa, unbambino o una figura geometrica…

2) Inizia a ricalcarne il respiro e quando senti di essereentrato in rapport…invece di guidare… inizia a vederenella tua mente quell’oggetto in modo vivido…

3) Il “ricalcato” deve semplicemente restare li senzafare nulla…e lasciare che la sua mente vaghi…quandopensa di “ricevere telepaticamente l’immagine” si develimitare a dirla senza filtri…

Se mi leggi sai che sono molto scettico e che, in linea dimassima non credo a queste cose, però di assicuro che,più e più volte si è verificato che questo avvenisse nellarealtà durante i corsi. Magari ti starai chiedendo perquale motivo lo faccio fare…eh? semplice perché inquesto modo le persone smettono di farsi le seghe mentali sul fatto se stanno facendo bene l’esercizioo meno e si concentrano su altro mentre imparano 😉

Ti ricordi gli articoli di Tressoldi sulla parapsicologia?esistono delle ricerche davvero serie sull’argomentoma nonostante questo …la cosa mi turba ancora…male affinità fra il mio lavoro che include gli “stati modificati della coscienza” e “la parapsicologia”sono troppo forti per scartarle a priori. Ed è perquesto che chiedo il tuo aiuto…o per lo meno l’aiutodella tua esperienza personale.

Fai l’esercizio e fammi sapere se anche tu riscontriqualche evento “para-normale” ricordandoti che staiparlando con uno scetticone…quindi please niente angelie canalizzazioni con il supremo ;-))) quelle le lascio al mioamico Josè…al quale faccio una pubblicità indiretta enon richiesta…ma solo perché gli voglio bene ;-))

A prestoGenna

Ps. la qualità degli articoli varia in base al mio statod’animo…e il mio stato d’animo in questi due giorninon è dei migliori…sorry 😉

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Svelare le menzogne: “la Reid Technique – una tecnica di interrogatorio – “
Psicologia: “imitarsi non è sempre funzionale”
Aiuto…sono dipendente…dai baci;-)
Psicologia: l’anno dei telefilm a sfondo psicologico
17 Commenti
  • Esattamente la prima che hai detto 😉

  • SCUSATEMI SE SCRIVO SOLO ORA MA QUESTO ESERCIZIO COSA CONSENTIREBBE DI LEGGERE IL PENSIERO INTESO COME LINGUAGGIO NON VERBALE OVVERO EMOZIONI ECC… OPPURE SAREBBE UNA SORTA DI TRASMISSIONE DI IMMAGINI MENTALI (OVVIAMENTE SOLO PER SUPPOSIZZIONE SONO ANCHE IO MOLTO SCETTICO)SOLAMENTE CHE NON HO CAPITO BENE LO SVOLGERSI DELL'ESERCIZIO

  • Ciao Josè
    amico mio 🙂

    Già ti ho citato…in tribunale :DDD perchè voglio dare il segnale che non mi importa che convinzioni hanno le persone…

    e credo che tutti dovremmo fare così, ovviamente bisogna sempre stare attenti perchè se il tuo migliore amico vuole trascinarti in giri strani di satanismo 😉 ma non è di certo il tuo caso 🙂

    Se…ho passato due settimane molto belle e poi, puff, sono caduto perchè non mi ero reso conto di essere andato troppo in la…magari te ne parlerò in privato.

    Fortunatamente adesso sto 1000 volte meglio… sai con tutte le tecniche che conosco ci mancherebbe solo che non le applicassi su me stesso 😉

    Tu come stai? mi fa sempre piacere averti qui 🙂
    e come dici tu…
    un abbraccio
    Genna

  • Jose' - RicchezzaVera.com
    Rispondi

    Genna!
    Ma ti vedi se mi devi citare e neanche me lo vieni a dire!!!
    🙂
    Poi, un giorno forse comprenderai che parli di magia da anni e che non te ne sei mai reso conto!
    😀
    Penso che sia moooooolto sottile la linea di confine e tu sei con un piede dentro e anche l'altro… solo che non vuoi accettarlo!
    😛
    Grazie mille per la graditissima citazione, ti voglio bene anche io!
    🙂
    Anzi, quando vorrai tornare a scrivere anche da me, io e i miei lettori ne saremo felicissimi!
    🙂
    1abbraccio forte…
    Josè

    PS
    ho letto che non te la stai passando benissimo… mi dispiace, se posso fare qualsiasi cosa per te, conosci il mio numero.
    😉

  • Ohi Andrè isola diversa stessa scena, parlo anzi scrivo, perchè ho visto mia nonna all'opera e non per altro,nulla togliendo a statistiche e cold reading credo che alcune tecniche che utilizzava erano molto più simili a questo liberare la mente che ad altro, questa ovviamente è una mia opinione da profano (nell'una e nell'altra disciplina) tra le altre cose tieni presente che io al seminario non c'ero e non ho ancora provato l'esercizio, quindi mi manca l'esperienza diretta per giuduicare in maniera più obiettiva il tutto…

    Oh Gennaaaaa, non ci dai la tua opinione? che aspetti a venire a dirci che sto scrivendo una marea di K@774t3?

  • Ahhh…dimenticavo di
    dirti…

    Che Andrea, oltre ad esssere un mio caro amico e collega…è un super esperto di spiritualità e religione…per cui se avete qualche domanda bizzarra a riguardo credo che lui saprà rispondere alla grande 🙂

    Sono in attesa che apra finalmente il suo spiritual-blog 🙂

  • Grande Andre…

    non solo mi hai anticipato in tutte le risposte…facendomi risparmiare anche un bel pò di tempo 😉 ma hai anche colto molto bene nel segno..

    Grazie mille e
    grazie a tutti oggi
    sto davvero bene :-)))

    Genna

  • Ciao Doc!
    Il mondo rurale e magico di cui tu parli lo conosco molto bene perché è lì che affondano le mie radici:
    sono Sardo 😉 e tra le mie ave (ancora non mi è stato rivelato se fosse mia nonna o una mia prozia) c'era una "dejina"..
    ti risparmio le elucubrazioni wikipediane, ma se vuoi approfondire lo sciamanesimo femminile sardo basta che digiti su un motore di ricerca la parola "deina" o "orassionarja".. Oppure ti compri il romanzo "accabadora" di Michela Murgia (spero che Genna non me ne voglia per questa pubblicità)..

    Ciò di cui si parla nel post, però, mi sembra un pò diverso da quello che facevano quelle "vecchiette". Loro sapevano quali erbe utilizzare, quali muscoli massaggiare e arti da sistemare, quali gesti e quali riti compiere e sapevano altrettanto bene che "se non ci credi, non funziona", ecco perché il tutto era infarcito di religiosità (conoscevano l'effetto placebo? 😉 )…

    L'unica cosa che non sapevano, e che invece noi sappiamo oggi, è il motivo per cui queste cose funzionano.

    Il rapport intimo che si crea in questi casi, è quello creato da ogni sensitivo e mago "che si rispetti" e che è stato molto bene analizzato da Genna nei post sul Cold Reading. Questo genere di cose impari a farle anche senza sapere cosa fai. I toni di voce, l'etichettamento delle persone in base a caratteristiche di base, le suggestioni e le autosuggestioni ecc

    L'esperimento di cui Genna si è fatto promotore è invece un metodo per affinare la nostra capacità di entrare in rapport, "liberando la mente" dal nostro dialogo interno in modo da accogliere immagini/suoni/sensazioni che vengono dall'esterno.

    Nel corso che ha tenuto il mese scorso alcuni partecipanti hanno condiviso le stesse immagini.. E' stato un ottimo rapport o un pensare alla stessa cosa perché ce l'avevano lì davanti?

    Concludo dicendo che anche io sono uno "scetticone" come te, ma anche a me piace ogni tanto pensare che ci sia una certa "magia", nel senso di mistero, energia spirituale, che ci lega e che crea connessioni com ein avatar.. una bella fantasia che mi aiuta ad entrare in uno stato più positivo, ma poi basta..

  • Ciao Andrea,
    in parte credo tu abbia ragione (non conosco le statistiche a cui ti riferisci), però mi viene il dubbio che la tua visione non tenga in conto tutti i casi, prova a cambiare ottica per un attimo, fino a qualche decennio fa non era raro trovare nei paesini del profondo sud qualche vecchietta che leggeva le carte, sai loro non sapevano nulla di certe statistiche e se usavano dei trucchi spesso erano inconsapevoli di quello che facevano, avevano imparato a fare le carte da qualche nonna e forse sempre da quella nonna avevano impararato ad entrare in sintonia con l'altra persona…
    fermo restando che viviamo in un mondo di lupi ed è sempre bene diffidare, ti viene così difficile riuscire ad immaginare che esistono alcune persone:"queste vecchiette" che riescono ad entrare in sintonia con una persona e creare un "rapport intimo" senza avere studiato anni di psicologia, senza aver letto nulla, senza sapere neanche ciò che fanno o come lo fanno?

  • Ciao Genna,
    so che mi permetterai un'intrusione..
    vorrei rispondere a doc18: nelle sedute di cartomanzia, e in quell medianiche in generale, vi sono molti più trucchi di quelli si possono immaginare, e si tratta spesso di usare a proprio vantaggio quelle statistiche di cui parla "Born_Right_Now"..
    Nel caso del post di Genna si tratta di "tirare a indovinare", essendo consapevoli di cercare di entrare in sintonia con l'altra persona..
    Nei casi in cui le due persone si conoscono e si frequentano da molto tempo è facile che uno preveda le mosse, i pensieri, dell'altro..
    L'esperimento di Genna vorrebbe verificare se questo rapport "intimo" può essere ricreato in modo istantaneo..
    Spero di aver colto nel segno..

    Per Olga:
    sarei molto curioso di conoscere quali macchine ci rendono molto più che telepatici.. potresti darmi qualche dritta o è davvero pericoloso?

    Ringrazio Genna per questo spazio di discussione

  • partendo dal presupposto che sono per 4/4 scettico e 5/4 ateo e che molto probabilmente sto per scrivere una bestialità…ma questo non potrebbe essere uno dei tanti meccanismi in gioco durante le sedute di cartomanzia, genna tu che ne pensi?

  • secondo me si, a volte e' possibile … in certe situazioni vedendo il modo in cui si comportano le persone, le loro espressioni ecc.. ad es sul lavoro 🙂 quando hai la sensazione che ti stanno per fare un torto e stanno per dire una determinata cosa .. o in altre situazioni,a volte ci ho azzeccato 🙂
    Daniela

  • farò l'esperimento.

    Un abbraccio grande

  • 😉

  • Ottimo Genna!
    Dalla Sardegna ti mando un pò di pioggia (troppa) e i complimenti dalla mia famiglia e dagli amici di qua per la trasmissione e per il tuo impegno in quello che fai!

  • Genna,
    non so le tue vicissitudini ma posso intuire 😉

    Comunque per restare in tema, la ragione per cui puo' (forse) funzionare un simile esperimento (che ho gia' provato in altre forme, e che ovviamente provero' anche in questa modalita'), e' dovuto all'influenza reciproca.

    Discende certamente dal Principio di Indeterminazione di Heisenberg: cio' che osservi e' influenzato dall'osservatore.
    Anche non considerando gli eye contacts tra osservatore e osservato, il rapport puo' portare ad una tipologia di comunicazione piu' profonda e istintiva (direi fondamentalmente inconscia), che porta ad una sorta di intesa indiretta.
    Non mi stupirei quindi di una certa capacita' di comprendere l'immaginazione di una persona, significa spesso che l'abbiamo indotta ad immaginare quel che volevamo.

    Teniamo presente comunque che questo esperimento NON PUO' avere validita' scientifica per una semplice ragione: non si sa nulla della frequenza e della distribuzione del campione. Occorre avere una sua analisi statistica per comprendere dove e quando questa puo' essere piu' facilmente indovinata a caso o meno.

    Uno dei giochi piu' banali ma piu' utili a far comprendere la situazione e' il seguente:
    chiedete ad una persona di dare un numero a caso tra uno e dieci. Sarete sorpresi, ma la gran parte delle volte il numero e' SETTE, quindi chi "indovinasse" sempre 7 avrebbe ragione (?) in gran parte dei casi. Pur non avendo fatto altro che tirare a priori, avvantaggiandosi della distribuzione della serie storica (lo stesso gioco vale per un numero da 1-4, il 75% dei soggetti risponde 3).

    Sono sempre interessanti i tuoi posts, ciao,

    Andrea

  • Ciao a tutti…

    ehi ragazzi vi devo ringraziare pubblicamente per tutti i messaggi privati che mi avete mandato..

    non sto morendo 😉 è solo un momento particolare… capitano a tutti anche a chi dedica la sua vita a queste cose…anzi motivo in più per dedicarci la vita no???

    Grazie a tutti…siete davvero persone speciali…
    Genna

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK