Psicologia: “Derek Ogilvie afferma di avere un contatto telepatico con i bambini, sarà vero?”

Ciao,un po’ di tempo fa ho iniziato ad analizzare le persone chehanno qualcosa di straordinario…un po’ per curiosità e unpo’ per trovare nuove persone da modellare. Così tiho parlato del ragazzo che “vede senza occhi” e dell’uomoche riesce a controllare la propria temperatura corporea.Tanti altri sono stati analizzati, quello di oggi è davverodavvero incredibile… si tratta di Derek Ogilvie…Hai visto il video? Derek Ogilvie afferma di riuscire a parlare con i neonati attraverso una sorta di telepatia e interpretando il loro linguaggio pre-verbale. Le affermazionidi Derek sono talmente bizzarre da aver destato l’interessedel CICAP americano (quello originale) ed è stato messosotto osservazione proprio da James Rending il fondatoredel “Cicap internazionale”.Il professore che viene intervistato nella seconda parte delvideo (clicca qui per vederla) parla di Cold Reading…disciplinache dovresti conoscere ;-))) e pare che Derek faccia proprioquesto. Facendolo con i genitori, ovviamente è loro che ti devi”lavorare” se vuoi sfruttare questa psuedo-dote. Infattii ricercatori hanno creato un esperimento in cui non ci fossero i genitori. Il ricercatore sottolinea anche che probabilmente Derek non è consapevole di usare il Cold Reading, nonostante sia un maestro nel farlo.Quando gli viene comunicato che non ha passato il test, Derek si mette anche a piangere davanti alla telecamera. E’ quasi inutile che ti dica che non ha vinto il “milione di dollari” che il “Cicap” mette a disposizione a chi prova di avere un potere para-noramale. Randi afferma che probabilmente Derek ha davvero una grande abilità nel leggere il comporamento dei bambini, ma contemporaneamente usa, consciamente o inconsciamente alcune tecniche di Cold Reading.L’ultimo esperimento fatto con un EEG ha dimostrato cheDerek non ha poteri paranormali ma ha una capacità superiore alla norma di leggere la comunicazione nonverbale dei bambini. Il ricercatore dice anche che, daquesto dato è possibile ipotizzare che anche altre persone possano migliorare questo aspetto…ma orafacciamo un po’ noi i cold reader…e guardiamo chefaccia fa la prima volta che Derek piange e dice seccamente “non dico stronzate“… Le due facce sono quelle riprese qui in alto …hai vistoanche io ti ho “ingannato” 😉 Tu che cosa ci leggi? facciamo una rapida analisi: partiamo da quella di destraperché è la prima che fa in ordine temporale. Se guardiritrae le labbra, come se fosse imbarazzato. Ma unapersona che sa di saper fare qualcosa e non ci riesce,magari perché i controlli non glielo permettono dovrebbeprovare rabbia… no?Invece nel secondo fotogramma, mentre tenta (forse)di dimostrare il suo dispiacere (tra l’altro la cosa comicaè che lo fa proprio come i bambini, piangendo) la suabocca è assimetrica. Altro segno non verbale del fattoche, probabilmente sta mentendo. Attenzione ci tengo asottolineare che se così fosse, non significa che egli non sia in buona fede. Infatti è probabile che la sua spiccataabilità nel leggere il non verbale gli faccia credere di avere realmente dei poteri. Anche se il suo inconscio,a giudicare dal viso… non è d’accordo 😉 Fammi sapere che cosa ne pensi lascia un commentoqui sotto, e se vuoi seguire il blog puoi farlo daimiei feed rss o da facebook.A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Psicologia: intervenire sulle fobie…e paure…
Aiuto…sono dipendente…dai baci;-)
Psicologia e sonno: Perché dormiamo?… e come dormire meglio?
Sviluppo Personale: “5 passi per migliorarsi semplice-mente”

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK