Comunicazione Efficace: “perchè esporre le cose in modo semplice”

Ciao,quando faccio formazione mi piace prendere le cose”difficili” e farle “diventare semplici”. Se fai questo mestiere sai che non è assolutamente una cosa facile…e qualche tempo ne avevamo già parlato interpellando in video il Prof. Lucchini sulla importanza di un linguaggio”pulito”… girovagando per il web ho beccato questo video molto divertente di Lutazzi …Hai visto il video? eccezionale no? quello che dice il prof.Fontecedro è verissimo 😉 quello che dice è davvero unadefinizione matematica. In modo scherzoso Lutazzi affermauna enorme verità. Cioè che spesso ci fanno credere chesapere le cose è sufficiente per insegnarle…e invece non èvero! bisogna anche saperle esporre… e anzi, soprattuttosaper esporle.Adesso magari qualche purista del contenuto mi dirà cheè necessario soprattutto saperle. E invece no! immaginadi essere un insegnante di storia, ti sarai dovuto laurearein quella materia, l’avrai studiata… poco importa se acasa, prima di andare a lezione ridai un’occhiata alledate… oppure a qualche cognome. L’importante e chetu lo sappia.Ok…ho preso un esempio estremo, perché la storia èsoprattutto contenutistica…ma anche in questo caso ilrequisito più importante per poter “comunicare in modoefficace” con gli allievi o con i tuoi figli, non è conoscere a mena dito le date…ma saper esporre efficacemente i contenuti. Purtroppo questa è una abilità che a scuola non ci insegna nessuno :-O

Chiaramente se il tuo lavoro non è concentrato sulloinsegnamento, non sarà necessario che tu riesca atrasmetterlo alle altre persone. Ma questa condizione èoggi sempre più rara… Oggi è sempre più raro trovarelavori dove non sia necessario “spiegare” ad altrepersone che cosa fai nella vita. I motivi sono molti,primo fra tutti il fatto che oggi le persone sono semprepiù informate…

…così, ad esempio, quando una persona entra nel miostudio spesso ha già una diagnosi in testa. E anche se ilmio lavoro non consiste nello spiegare che cosa vuol direquella “patologia” o quel determinato “problema” ènecessario che io sappia descriverlo in modo semplice esai perchè? perchè molte volte queste auto-diagnosi nonsono vere ma sono farcite da: paure, pregiudizi, falseinformazioni che girano qui e la…ecc. 😉

Un famoso aforisma di Einstein contiene il senso di

questo post: “se non sai spiegarlo a tua nonna significa che non l’hai capito davvero”…più o meno ;-)Concludendo: essere competenti in un campo specificonon significa saperlo trasmettere. Rendere più semplici lecose non è facile ma è indispensabile se nella vita svolgi unmestiere che lo contempla 😉Fammi sapere che cosa ne pensi lascia un commentoqui sotto, e se vuoi seguire il blog puoi farlo daimiei feed rss o da facebook.A prestoGennaNB. domani scade la promozione del Corso dal Vivo…anche se non sarò presente a casa per modificare ilcosto…sappi che passata la mezzanotte del 23 lapromozione sarà annullata. Il pratica il corso passerà da 200 a 250 euro…è giusto premiare chiè arrivato prima 😉

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Come Smetterla Di Farsi Raccontare Bugie
Psicologia: “Derek Ogilvie afferma di avere un contatto telepatico con i bambini, sarà vero?”
Effetto placebo e nocebo nella qualità del sonno e non solo…
Sviluppo Personale: Kipling e i Simpson ;-)
4 Commenti
  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Esatto "anonimo" 😉
    quelli sono i linguaggi meno puliti che esistano…ancora meno di dialetto e slang ;-))

  • mi viene in mente il burocratese, politichese, medicalese… che vengono usati al contrario proprio per non farsi capire 😀

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    ahahah…grazie Elisa 😉
    buon weekend anche a te…

  • ahahah Genna il video è fantastico!!!

    Però non ho capito cosa intendevi dire col post…. ahhahaha 😉 scherzo scherzo… sono perfettamente d'accordo con te!

    buon week end!

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK