Comunicazione Efficace: “comunicare con più precisione”

Ciao,

è da un pò che non ti parlo di comunicazione efficace,ed oggi voglio mostrarti un esercizio ideato per le coppie…ma che ritengo molto utile anche in contesti formatividiversi. Scopo principale dell’esercizio è quello di rendereconsapevoli i partecipanti del loro “modo di comunicare”…e di imparare l’uno dall’altro, come comunicare in modopiù preciso.

Ho preso l’esercizio da un articolo di Patricia Parr, RebeccaA. Boyle, Laura Tejada…del 2008 intitolato “Io Parlo, tu

parli”…articolo dedicato completamente alle coppie e quindialla terapia familiare. Ma secondo la mia esperienza puòessere usato sia come roleplay con “sconosciuti” (corsisti)o, ancora meglio, fra colleghi di lavoro e/o parenti. Insomma in un qualsiasi contesto dove saper comunicarein modo preciso è importante.

Vediamo i passi per svolgere l’esercizio:

1) Le coppie si mettono schiena contro schiena, in modo

da evitare di vedere la comunicazione non verbale dell’altro. Ad ognuno viene dato un foglio di carta su cui disegnare.

2) Un soggetto assume il ruolo di “parlante” ed uno assumequello di “ascoltatore” . Al parlante viene dato il compito di :descrivere un oggetto che “l’ascoltatore” deve disegnare eche gli è stato assegnato dalla guida (terapista della coppia).Nello stesso tempo il parlante deve egli stesso disegnare lostesso oggetto.

3) La coppia deve seguire alcune regole: a) il parlante

non può ripetere le sue istruzioni; b) l’ascoltatore non può fare domande. Questo costringe “il parlante” ad essere preciso nella comunicazione e, costringe l’ascoltatore ad ascoltare;)

4) Si invertono i ruoli, chi faceva il parlate diventa

ascoltatore e viceversa.

Finito il compito si chiedono ad entrami due semplici

domande: A quale altra esperienza assomiglia quella appena provata? Domanda che serve per vedere in quali altri contesti la coppia prova le stesse sensazioni/emozioni… Che cosa è stato facile o difficile non vedere dell’altro? Questa domanda serve per sottolineare l’importanza della comunicazione non verbale…

L’esercizio originale è diverso e si tuffa nelle emozioni piùforti della coppia. Come hai visto questo semplice esercizio

può davvero rendere la tua comunicazione più precisa. L’assunto di base è che, da quella posizione il modo di comunicare di una coppia, anche se si conosce da anni, è assolutamente nuovo…e privo di inquinamenti dovuti alla troppa confidenza (la famosa lettura nel pensiero;-)).

Vuoi apprendere la Comunicazione Efficace, svolgendo

esercizi simili a questo dal vivo?: il 30 ed il31 Gennaio terrò un Corso dal Vivo a Rivarolo Mantovano dove avrai modo di confrontarti con persone diverse, avere feedback professionali e apprendere tutte le più moderne metodiche legate alla comunicazine efficace…dalla PNL alla ipnosi conversazionale…se sei interessato mandami una mail in privato…cliccando qui.. :-)Se vuoi seguire gli aggiornamenti del blog, iscriviti ai mieifeed rss oppure seguimi dal tuo account di facebook.A prestoGenna

Ps. Il corso è solo per chi ha davvero intenzione di

migliorare il proprio modo di comunicare. Ed è indicato a tutti, da chi vuole farsi ascoltare dalla “riunione di condominio” a chi usa la comunicazione per lavoro (psicologi, medici, venditori, avvocati, ecc.). Evita dichiederti se ci sarà + PNL o + ipnosi…ci sarà tuttoquello che funziona davvero 😉

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Sviluppo Personale: “come essere produttivi con il sorriso” :-)
Psicologia: “Mentalismo e NeuroMagia”…
Sviluppo Personale: “nessuno è perfetto” ;-)
Psico-marketing: “una proposta unica che non puoi rifiutare” ;)
3 Commenti
  • capito, grazie…
    ps. peccato non poterci essere al corso :-(((

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Doc,
    a questo livello la scelta dell'oggetto "non ha significati"…e può essere un oggetto qualsiasi purchè sia semplice. Nell'articolo citano due esempi come gatto e casa.

    L'esercizio in realtà è molto più lungo e va ad inserire stimoli verbali e non verbali ansiogeni per la coppia. Dopo sono i coniugi a scegliere cosa disegnare e allora scatta l'analisi del significato.

  • ciao Genna, scusa la curiosità, ma secondo quale principio il terapeuta sceglie l'oggetto, è una scelta casuale oppure sceglie qualcosa di simbolico, mi fai qualche esempio?
    grazie

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK