Psicologia: “verbale o non verbale? questo è il problema” ;-)

Ciao,

esistono parole per descrivere quasi tutto… tempo fa ti ho raccontato, in chiave rivisitata le percentuali di “efficacia” che si possono accreditare alla comunicazione non verbale e a quella verbale.

Proprio perché gli studi di Mehrabian…si azzardano percentuali. Nonostante nel mondo della formazione i meno in-formati continuano a raccontare questa “storiella” la ricerca procede e…

Un ricercatore e psicolinguistica James Pennebaker ha iniziato a raccogliere una serie di “parole” estratte dalle conversazioni di migliaia di persone. Le categorie delle parole erano divise in due grandi contenitori: parole contenuto (le parole con un significato) parole funzione (tutte quelle paroline che servono per dare struttura al discorso: pronomi, aggettivi, congiunzioni, ecc.

Lo scopo del ricercatore è fare ipotesi che abbiano a che fare con la personalità dei parlanti in relazione alla quantità di parole che si riferiscono ad un determinato argomento. Pennebaker si serve sia di software che di persone per valutare in quale categoria annettere la parola. Le parole funzione sono quelle più importanti per la socializzazione.

I risultati delle sue ricerche sono sorprendenti e ti assicuro che mi sentirai parlare molto di questo. Ad esempio uno dei frutti di queste ricerche ci arriva da Scherwitz, Berton e Leventhal che hanno studiato la correlazione fra “parole funzione” e attività biologica. Scoprendo che chi soffre di pressione alta parla usa più frequentemente i pronomi singolari in prima persona.

Ma ritorniamo per un attimo alla “famosa bufala” del”7% verbale”. Credo che queste “semplici” correlazioni alla ricerca di quelle che vengono chiamate “Junk word” la dicano lunga sull’importanza del verbale. Che bada bene nonostante si tratti del “verbale” qui si parla di analisi delle “parole funzione” che descrivono il processo. Quindi si può ancora lavorare solo sulla forma.

Concludendo: a quanto pare le parole che dici, cioè quello che gli “esperti comunicazione” chiamano non verbale sono importanti. E’ ovvio che le componenti non verbali siano altrettanto importanti (se non di più)ma sicuramente quello che dici ha il suo peso.

Fammi sapere cosa ne pensi, lascia un commento qui sotto e se vuoi seguire e sostenere il blog iscriviti alla nostra newsletter.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Non Verbale: Attrazione negli occhi…come notarla?
Comunicazione non verbale: la potenza del “tocco”
Comunicazione non verbale: le pause nella comunicazione pubblicitaria…
Comunicazione non verbale: guardare il tuo pubblico aumenta l’apprezzamento musicale…

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK