PNL: come raggiungere il cambiamento desiderato

Ciao,

dopo l’aneddoto ericksoniano “ci sta proprio” un bell’esercizio completo di PNL da seguire passo passo. Oggi ascolterai quello che Bandler ha definito “squash”…ma voglio da subito farti notare che quello che ho trovato non è un semplice “squash”, come quello che hai già ascoltato qui…ma una tecnica potentissima che fonde in se gli aspetti più affascinanti della PNL…

Lo hai ascoltato? altro che “semplice squash”, in questo esercizio tratto dal libro “Il potere della PNL e dell’inconscio” Bandler ha davvero dato il meglio. In questi passaggi si possono intravedere diverse tecnologie della PNL che lavorano all’unisono…come la ben nota integrazione delle parti, di cui si servono diverse scuole di psicoterapia e di coaching da anni.

Prima di ripetere l’esercizio rendendolo 2 volte più efficace, voglio fare luce sui suoi passaggi, in modo chela tua mente sia molto più ricettiva a quegli aspetti disseminati qui e là nell’audio…e che forse ha colto solo la tua parte inconscia…adesso….

1) Crea una rappresentazione vivida di te stesso,il più completa possibile, anche delle tue attuali difficoltà.

2) Come saresti se avessi già superato i tuoi problemi? Come ti vedresti? Come cammineresti? comerespireresti? come risponderesti alle persone? Crea una vivida immagine completa di comesaresti…e come agiresti diversamente…

3) Metti le immagini su ciascuna delle mani. Quipotresti addirittura usare la tua Time-line. Se ad esempio va da destra a sinistra, metti nella mano destra “come sei ora” e nella mano sinistra “come diventerai”.

4) Crea una dozzina di immagini intermedie che mostrino come hai raggiunto il risultato desiderato. Fai in modo che siano tutti passaggi logici e sequenziali…è come quando nella progettazione degli obiettivi, spezzetti un obiettivo più grande in tanti sotto-obiettivi.

5) Quando hai le immagini di tutti i passaggi, inizia ad avvicinare le mani, fondendo insieme tutte le singoleimmagini in un unico processo che inizia e che finisce.Senti la sensazione di “unità” fra le tue mani…

6) Ora, porta le mani giunte verso il tuo corpo,immaginando di far entrare dentro te stesso questa potente rappresentazione che hai appena creato.(questa è l’integrazione delle parti)…senti davvero entrare dentro di te qualcosa di nuovo…

7) Senti che genere di sensazione stai provando e amplificala facendola girare dentro di te velocemente e con forza. E mentre lo fai, guarda verso la direzione che hai scelto e decidi subito quale è il primo passo da compiere…poi il secondo, il terzo…e avanti così…

Insomma, come avrai intuito questo è un esercizio davvero potentissimo per portarti da uno statoattuale ad uno desiderato. Questa è a grandi linee anche la maggior parte della metodologia con cui sono costruiti gli esercizi di PNL. Per cui quando sarai in grado di svolgere per bene l’intero esercizio sarai anche in grado di fare ogni esercizio di PNL.

Infatti molti esercizi di PNL presuppongono alcune cose, soprattutto se li fai da solo, come ad esempio la capacità di visualizzare vividamente, il saper mettere una sopra l’altra le tue rappresentazioni (la sovrapposizione)…ecc…ecc… fai per bene questo esercizio e sarai ancora più bravo nel fare tutti gli altri.

Fammi sapere cosa ne pensi dell’esercizio, lascia un commento qui sotto e se vuoi seguire e sostenere il blog iscriviti ai miei feed e/o seguimi su facebook.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
PNL: Trainers – formatori italiani ed i loro “accenti” ;)
Dalla PNL al coaching la relazione d’aiuto secondo Armando Pintus
John Grinder vs. Judit De Lozier: “Il Nuovo Codice Vol 3”
I Segreti del Metamodello della PNL…”moderna”
14 Commenti
  • Ciao Jessica,
    è molto bello, quello che dici mi rende molto fiero. Sono contento che anche attraverso il blog tu possa ancora fare miglioramenti.

    Grazie se il mio miglior testimonial 😉
    Genna

  • Ciao Gennaro,ho potuto solo adesso fare l'esercizio,e como al solito ti faccio mille complimenti.Sono entrata subito in trans e mi è riuscito benissimo:é incredibile e ogni volta resto stupefatta da come l'inconscio possa avere una memoria e riuscire a rielaborare il lavoro che abbiamo fatto nelle ns sedute,e ti assicuro che fino ad ora non mi ero resa conto della mole di lavoro che in qs anni ho-abbiamo fatto.N on finirò mai di ringraziarti .un abbraccio jessi

  • Paola grazie
    per la correzione 🙂

  • Spero di riuscire a comprarlo anche io presto. Per ora ti segnalo un refuso ad inizio di questo post.
    "dopo l'aneddoto ericksonianano" invece che ericksoniano!.
    Buon lavoro e grazie ancora
    Paola

  • Ciao Enza,
    si è davvero un libro molto carino, pernso che questo esercizio sia uno dei più carini…

    Grazie
    Genna

  • Ciao Genna, ho ascoltato attentamente l'audio e penso che lo ascolterò più volte prima di metterlo in pratica come si deve ma fin da subito ho avvertito la potenza di questo esercizio per questo voglio eseguirlo molto dettagliatamente. Sto aspettando la consegna del libro e non vedo l'ora di leggerlo tutto.
    Ciao e buon lavoro.

  • Grazie Paola 🙂
    se poi avrai tempo e voglia, fammi sapere che cosa ne pensano i tuoi clienti 😉
    Genna

  • Ciao Genna,
    ho ascoltato il tuo esercizio ma non ho avuto il tempo di farlo con calma. Mi sembra fin da ora straordinario e anche se non l'ho completato mi sento già migliore 🙂
    Grazie…lo sfrutterò a dovere

    Paola Biondi

  • Ciao Patrizia,
    forse mi sono spiegato male: nella sinistra (nel tuo caso) metti una rappresentazione di come sei oggi completa. Nella destra metti quello che vuoi diventare e raggiungere…

    …poi fai le fasi intermedie…cioè i passi per passare "da una mano all'altra"…

    per cui le cose "brutte" le vedi solo una volta nella mano sinistra, ma ricordati che la rappresentazione è completa. Quindi non ci sono solo cose brutte…è semplicemente come ti vedi e percepisci ora…

    Genna

  • Patrizia ha detto……
    Ciao Genna buona giornata: ho letto il post ed ascoltato l'audio che ritengo vada benissimoooooooooooo per me, basta che riesca a farlo bene. Stasera ci provo subito però ho un quesito magari un po' stupido: quando visulizzi come sei adesso, nel mio caso la sinistra, poi vado avanti mettendo i cambiamenti nella destra, di quelli nella sinistra (brutti) cosa ne faccio? Li faccio sparire in qualche modo? Se no nelle mani mi ritrovo le vecchie più le nuove visualizzazioni. Non è che sono cavillosa ma vorrei farlo giusto.
    Grazie, grazie e buon lavoro. Ciao

  • Ciao Rosa,

    se hai letto fino in fondo l'articolo forse hai già la risposta…questo è un esercizio davvero molto avanzato che presuppone determinate abilità, come quella di "sapere che sai visualizzare";-)

    Se sei abbastanza "rilassata" quando ascolti la mia voce le immagini appaiono all'improvviso e nello stesso modo se ne vanno. Cioè le immagini sono falsh molto veloci, anche se le vedi per un solo istante va bene lo stesso, l'importante e che tu senta dentro di te "che lo stai facendo".

    Un modo ottimo per farlo e cambiare sistema rappresentazionale, magari seguendo lo schema, invece di richiamare immagini parti dalle sensazioni o dai suoni, e poi aggiungi un elemento visivo. Queto in PNL si chiama "sovrapposizione".

    Fammi sapere
    Genna

  • Carissimo dottore Gennaro,
    sono Rosa, ho ascoltato il suo vidio, la sua voce, ho esegiuto il suo esercizio, ma non ho avuto nessuna immagine, cosa fare in questi casi?
    grazie ROSA

  • Ciao Elisa,
    buon Lunedì anche a te 🙂

    Appena puoi trova il modo di ascoltarlo perchè penso sia uno degli esercizi più interessanti mai postati ;-)))

    Grazie
    Genna

  • Ciao Genna e buon lunedì 🙂
    in ufficio non posso sentire l'audio, ma ho letto il post e mi piace tantissimo! non vedo l'ora di ascoltarlo dalla tua voce 🙂

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK