Ipnosi: “6 consigli dalle Arance di Erickson” ;-)

Ciao,

visto il successo dello scorso audio-post dedicato al libro”la mia voce ti accompagnerà” ho deciso di registrare un altro audio tratto da un altro “racconto illuminante” di Milton Erickson.

Rivedrai alcuni elementi interessanti dello scorso post come quello della desensibilizzazione in trance e altri spunti davvero interessanti su come usare in modo efficace l’ipnosi moderna.

 

Hai ascoltato l’audio? scommetto che hai già trovato molte delle cose di cui ti ho parlato nelle nostre lezioni di ipnosi…vero? In questa storiella Erickson mette una marea di carne al fuoco e adesso, vediamo se è possibile fare una bella grigliata mista (spero che i vegetariani non se la prendano troppo).

 

Ecco i 6 aspetti “tecnici” di questo aneddoto:

 

1) Qui si vede tutta l’arte strategica di Erickson che organizza tutto un “teatro sociale” per operare il cambiamento e lo fa nella massima segretezza…una cosa oggi purtroppo difficile da applicare, vista la enorme psico-deontologia.

 

2) Erickson vuole mostrarci come i trattamenti di tipo sintomatico non solo non risolvano il problema ma spesso prendono strade particolari…nota che nonostante il farmacista “abbia solcato il cielo all’insaputa del mare”l’esperienza correttiva non ha sortito il suo effetto.

 

3) Ci mostra la sua arte nel disorientamento temporale, qui non si tratta di una “regressione ipnotica” ma di una manovra più elegante che disorienta la persona al punto tale di non farle sapere che cosa stia facendo e dove si trovi…sino a quando non è pronta.

 

4) Abbiamo nuovamente una forma di desensibilizzazione fatta attraverso il “mondo virtuale” (o quella che Rossi chiamava Realtà Ipnotica) come vedi spesso il cliente viene portato da una situazione difficile ad una in cui,attingendo dalle proprie risorse personali riesce a fare quello che deve fare…un passo alla volta.

 

5) Collegato al punto precedente c’è l’utilizzazione di cose che “sai…ma che non ricordi di sapere”. Qui l’importanza è nuovamente sul “non sapere e il non conoscere” tanto caro a Erickson.

 

6) Non solo le toglie i danni procurati dalla manovra maldestra del farmacista…ma le fa completamente dimenticare l’accaduto. Tanto da affermare di non sapere come fosse nata quella sua avversione verso le arance. Anche qui non si tratta di un’amnesia tipica della ipnosi vecchio stampo…ma di qualcosa di molto più elegante.

Come avrai intuito gli insegnamenti che ci da Erickson attraverso i suoi racconti sono molteplici. Oltretutto,aspetto da non trascurare, qui ci mostra il “giovane”Erickson che utilizza una ipnosi assolutamente direttiva.Ci parla di allucinazioni negative e positive, oltre alla di regressione di età (non comune).

Erickson ha iniziato ad essere più indiretto che diretto dopo il suo secondo attacco di polio. Ed essendo gli interventi indiretti spettacolari e innovativi, a chi studia in modo superficiale il suo lavoro sembra che”ipnosi ericksoniana” sia il corrispettivo di “ipnosi indiretta”…ma non è così 😉 ti basta ascoltare questo aneddoto o leggere i suoi articoli per scoprirlo.

Ti è piaciuto l’audio? lasciami un commento e fammi sapere che cosa ne pensi…

 

Aggiornamento: questo post è stato aggiornato nel 2018, non in quanto a contenuti ma come formattazione. Quando trovi un post interessante ti chiedo di fare alcune cose:

1- Guarda di che anno è: prima di commentare che sto dicendo cose vecchie cerca di capire se il post non sia realmente vecchio.

2- La formattazione: come sanno molti miei “ascoltatori” (si perché oggi Psinel è famoso per il podcast e non più per il blog) sono stato vittima di una sorta di “attacco” che ha sformattato tutti i miei contenuti.

3- Segnalamelo con un commento: appena avrò il tempo lo rimetterò a nuovo cercando anche magari di completarne i contenuti.

A presto
Genna

 

Ps. Questo post è così antico che ancora non avevo deciso di intitolare i miei audio come ANL o Audio Newsletter, il nostro “proto-podcast”.

 

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Ipnosi-terapia: Cosa distingue l’approccio di Erickson da tutte le altre “ipnosi”?
Ipnosi: “quando visualizzi sei in trance?”
Ipnosi e tratti di personalità
Scuola di ipnosi: i Test di suggestionabilità e ipnotizzabilità
7 Commenti
  • Ciao Genna! So che questo articolo e’ vecchiotto quindi potrebbe essere normale ma non riesco a trovare la registrazione inerente… forse e’ scaduta? E’ possibile ripristinarla?

  • Hello! I'm newbie in Internet, can you give me some useful links? I know only about Yahoo [url=http://yahoo.com]Yahoo[/url] http://yahoo.com Yahoo

  • ciao Genna, quando leggevo Erickson forse tu frequentavi la scuola elementare. Peccato non averlo approfondito ai tempi, ma adesso ci sei tu! Grazie, sarò un tuo assiduo lettore. Ciao e continua così

  • Ciao,

    X Enza: non sbagli…ne sono totalmente innamorato 😉

    X Jessica: che bello sentirti in modo informatico…si se leggerai il mio blog vedrai moltissime cose che tu hai sperimentato "sulla tua pelle" 😉

    Grazie 1000
    Genna

  • ciao Genna questo audio mi ha ricordato tanto le sedute passate,come mi mancano!!!
    e ti dirò che qs racconto mi ha fatto capire certe cose che in seduta non avevo captato.complimenti come al solito sei bravissimo un abbraccio jessi

  • Ciao Gennaro, io ammiro ed apprezzo le grandi intelligenze e Milton Erickson fa parte di queste.
    Credo che la sua grande dote fosse quella di non agire secondo gli schemi ma di applicare ad ogni caso una strategia individuale. Grande!!. E' molto piacevole ascoltare gli aneddoti, mi piace questa tua iniziativa. Posso dirti una cosa? secondo me tu ami tanto questa disciplina che vuoi trasmettere le tue conoscenze. Sbaglio?
    Ciao e buon lavoro.

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK