Sviluppo Personale: Auto-aiuto e affermazioni…funzionano?

Ciao,

hai mai sentito parlare delle Affermazioni? si tratta difrasi positive che, se ripetute a dovere, dovrebbero potermodificare comportamenti, convinzioni e stato mentaleper migliorarsi. Sono state per anni il baluardo delloauto-aiuto (self-help)…tuttavia alcuni studi stannodimostrando la loro inefficacia…e addirittura il fattoche potrebbero peggiorare la situazione.

In modo istintivo viene subito da pensarci: “ma perchédiavolo ripetermi delle cose dovrebbe cambiarmi?” alcunirispondono dicendo che è così che sei stato programmatoe per questo motivo funzionerà anche “ri-programmarti”nella giusta maniera… Non solo, abituarsi a dire cosepositive fungerebbe da allenamento verso laristrutturazione di quello che “ti dici”…

…altri affermano che le parole, essendo delle ancore (deglistimoli) attivano dentro di te delle associazioni positive checambiando il tuo stato di coscienza (come fa un mantra)possono generare cambiamenti profondi…

…nessuna di queste ipotesi è completamente sbagliata…tuttavia alcune ricerche dimostrano che ripetersi cosebuone allo specchio può addirittura abbattere il morale epeggiorare la situazione… se NON credi veramentea ciò che ti stai dicendo!

Quando qualcosa stride con ciò di cui sei convintola tua mente, per tollerare la dissonanza, troverà unmodo per confermartelo. E’ l’esempio della dissonanzacognitiva di Festinger: anche se leggi sul pacchetto disigarette “nuoce gravemente alla salute” questo nonferma il fumatore…che per colmare la dissonanzasi cerca delle “scuse”… che lo convincono ancora di piùdelle sue “buone ragioni”.

Allo stesso modo se ti ripeti che “sei figo” ma in fondoin fondo non ci credi, ecco che accade la stessa cosa…I risultati dello studio sono chiari: chi ha una bassa auto-stima rischia, utilizzando le affermazionidi abbassare il proprio morale…fino, in alcunirari casi a riscontrare episodi depressivi :-O

Concludendo: chi si occupa da anni di questi argomentisa che le affermazioni da sole non hanno un grande effettoa meno che non si parta da una condizione di buona e/osufficiente autostima. In Rilassamento Dinamico timostro un modo mooolto migliore per ottenere buonirisultati partendo prima…dalla tua posizione naturale.

Fammi sapere che cosa ne pensi! lascia un commento quisotto e se non lo hai ancora fatto, iscriviti ai miei feed rssoppure seguimi dal tuo account di facebook.

a prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Miss Muretto…e l’identità di Ruolo…
Comunicazione non verbale: “gli uomini sono più bravi delle donne a scovare il tradimento?”
PNL: “Guida agli Audio…allo swish cinestesico”
Ipnosi: video divertente…e istruttivo ;-)
7 Commenti
  • A me ha funzionato quando andavo alle medie. I primi 2 anni prendevo smpr voti bassi, poi all'inizio del terzo mi ripetevo sempre che sarei andato bn e all'esame presi ottimo

  • Ciao Alberto,

    si i mantra sono molto utili, ma servono per ottenere un determinato stato di coscienza…e non per installare "convinzioni positive" o "motivazione"…

    …ma potrebbero fare bene anche questo! l'importante è, secondo questo studio, che non ci sia un grande gap fra ciò che pensi di te stesso e ciò che ti dici…

    Se la tua ancora fuzniona è perchè sei molto bravo tu a rievocarla…e perchè probabilmente è congruente con te stesso…

    Genna

  • Genna,
    io penso che i mantra posso essere d'aiuto, però sono d'aiuto se ci ancorano ad un'emozione ok.

    Per esempio io ho un'ancora che uso spesso prima di una trattativa di vendita, sia a livello fisiologico che con le parole.

    A.. quest'ancora l'ho creata 5 anni fa ad un corso di Roberto Re e tutt'ora funziona..

    A presto

    Alberto

  • Ciao Enrica,

    grazie mille per la risposta "meidata fra blog" 😉

    Si…effettivamente accettare le cose negative è la cosa migliore…ma bisogna pur sempre avere un bagaglio di esperienze che permetta il "giusto assorbimento" 😉

    Grazie
    Genna

  • Confesso che non credo molto neppure io al "pensa positivo" e "ditti tante cose belle" e vedrai che il tuo mondo cambierà,
    Credo molto però al fare cose diverse da quelle che hai sempre fatto. Saranno le nuove emozioni a far scattare quella molla che ti farà venire la voglia di cambiare e che ci farà provare un benessere diverso. Anzi sai che ti dico? Che per anni ho cercato di cancellare i momenti bui. Mi costringevo a Pensare Positivo e facendo finta che tutto andasse bene, mi portavo dietro un magone invalidante. Oggi quando arrivano i momenti no, li rispetto. Li coccolo e mi fermo. A volte permetto che defluiscano dicendomelo proprio che mi sento giù, che ho voglia di mollare, che … E loro spariscono in tempi che prima erano impensabili. Se sono e mi sento una cicciona ridicola (ora non più) che senso ha pensare che però sono intelligente, buona, brava. Preferisco dirmi che faccio schifo e che da questa situazione ne devo uscire. Anzi, ne sono uscita proprio quando me lo sono detto molto chiaramente.
    Mha … mi sa che oggi ho le idee un po' confuse. 🙂

    Enrica

    PS: Rispondo qui alla domanda che mi hai fatto sul mio blog. Quel poco che ho imparato su come gestire il blog lo devo ad Orazio, che è chiarissimo ed anche una "somara" come me riesce a copiare. Il link è http://creareblog.blogspot.com/. Il post sulle emoticon è http://creareblog.blogspot.com/2009/06/come-inserire-le-faccine-animate-nei.html
    Spero di esserti stata utile e sono contenta di aver fatto pubblicità ad Orazio. Anche se ha un Blog tecnico, arriva che è proprio una bella persona.

  • Ciao Andrea,

    eh…grazie per la testimonianza 😉

    Lo studio è alquanto allarmistico, ma in realtà tutti si sentono un pò stupidi nel ripetersi certe cose senza crederci…

    e come andare da un tifoso del milan e dirgli che, per stare meglio, deve uralare "forza…inter" 😉

    Genna

  • Ciao Genna!
    In effetti mi è capitato di sentirmi "stupido" nel dirmi delle affermazioni che non rispecchiavano veramente il mio stato d'animo.
    Erano le volte in cui volevo stare subito meglio, magari dopo aver commesso un errore, senza passare per il necessario momento di debug.
    Il risultato è stato un evidente peggioramento della situazione..
    Per cui sono d'accordo con te che nei momenti in cui la stima di se stessi non è medio/alta è ncessario lavorare su se stessi in maniera differente.. E io mi trovo molto bene con RD! 😉
    Ciao

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK