Comunicazione non verbale: la dilatazione delle pupille nell’amore

*articolo aggiornato il 10/09/2018

Ciao,

gli occhi sono lo specchio dell’anima” è una delle frasi più comuni all’interno della “psicologia ingenua”. Ti ho già raccontato come questo detto abbia delle basi fondate sul fenomeno della attrazione.

Tutto è basato su una disciplina che studia la comunicazione non verbale delle pupille…la pupillometria. Eckhard Hess della università di Chicago, uno dei primi che ha ricercato le cause psicologiche e il significato della dilatazione pupillare, ha scoperto questo affascinante fenomeno.

Quando siamo attratti da qualcosa le pupille si dilatano e quando invece proviamo una repulsione o sfida queste si chiudono a spillo.

La cosa affascinante di questo comportamento non verbale è la sua assoluta spontaneità,cioè la dilatazione non può essere controllata (se non con l’ausilio di sostanze chimiche).

Le pupille si dilatano quando:

  • vediamo una persona che ci attrae
  • quando vediamo qualcosa che vorremmo avere
  • quando risolviamo un problema
  • quando vediamo altre persone che hanno le pupille dilatate, sempre per effetto dei magnifici neuroni specchio.

La luce soffusa per gli incontri romantici sembra essere l’ideale per fare in modo di aumentare le pupille e dare l’idea ad entrambi che ognuno sia attratto dall’altro.

Questa tecnica è stata utilizzata abilmente anche nel mondo del marketing, infatti mettere una bella donna in copertina con le pupille dilatate al computer ha permesso alla nota marca di rossetti Revelon di aumentare del 45% la vendita dei propri prodotti.

Questo è anche il motivo per cui le bambole e i fumetti giapponesi attirano così tanto…perchè hanno delle pupille enormi.

Ecco un piccolo esperimento: guarda le dimensioni delle pupille di un soggetto e poi fagli fissare questa immagine per qualche istante:

Lo so è un po’ storta…ma come ti ho raccontato ormai 1000 volte non sono un grande grafico. Guarda le pupille del “soggetto” e nota che cosa è accaduto…ora invece fagli fissare questa altra immagine…

Nuovamente controlla la dimensione delle pupille, se il soggetto avrà fissato a sufficienza l’immagine, quasi di sicuro anche le sue pupille si saranno dilatate questo proverebbe non solo che esiste un effetto specchio ma che questo è addirittura indipendente dalla reale presenza o meno di un soggetto in carne ed ossa.

Siamo quindi geneticamente predisposti ad aumentare o diminuire la dimensione delle pupille…

E’ stato ampiamente dimostrato come anche nel gioco del poker vi sia questo effetto, ed è per questo che molti professionisti hanno gli occhiali da sole.

Infatti quando un giocatore ha un punteggio alto le sue pupille saranno decisamente più dilatate, e come già detto questo non è un comportamento che si può dissimulare poiché completamente inconsapevole.

 

Ecco un video più recente che mostra alcuni studi sullo sguardo:

 

 

E tu che cosa pensi sul fenomeno della dilatazione delle pupille? Lascia un commento qui sotto e se vuoi puoi seguire quotidianamente il mio blog dai miei feed rss e da facebook.

A presto
Genna

Qui tutti gli studi sulla Comunicazione non Verbale

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Comunicazione non verbale: 8 consigli per insegnare in modo efficace
Comunicazione non verbale: “perchè guardiamo gli altri negli occhi”? … come usare lo sguardo
12 Consigli “Non Verbali” Per Una Presentazione Efficace
Non Verbale: Come comunicare con gli Occhi e “sostenere lo sguardo”
12 Commenti
  • Ciao, l'altra volta ero in compagnia di un ragazzo e vedevo che le sue pupille si erano dilatate tantissimo e mi diceva che mi amava…..cosa secondo te ha provocato la dilatazione delle pupille??

  • Si, mi riferivo proprio a quel'immagine. Ma sotto un sole accesissimo, le pupille non dovrebbero essere due puntini ini ni soprattuto se sono due occhi azzurri? Cmq, tenendo conto di tutto quello che ti ho scritto, cosa deduci? Tra l'altro vorrei aggiungere che sono una donna, che ha avuto questo scambio di sguardi con un'altra donna. Non so quanto possa cambiare le cose, anche perché gli atteggiamenti, il linguaggio del corpo, interesse o non interesse, è palese a prescindere se hai davanti un uomo o una donna. Giusto? Avrei potuto anche tralasciare questo particolare, ma ho voluto dirlo. Forse per capirci qualcosa. Ad ogni modo, interessate il tuo blog e ho trovato interessante leggere queste cose che ho già letto in diversi altri libri. Ti faccio i complimenti.

  • Intendi l'immagine in alto? no non mi sembra che le abbia dilatate…

  • Ciao, ti posso chiedere una cosa? L'immagine a piè di pagina, è un ragazzo con pupille dilatate?
    Ti spiego, una volta incontrai una persona in pieno giorno, una persona che conosco e per cui provo un sentimento indescrivibile. Ci incontrammo casualmente al parco, lei era con suo figlio di pochi mesi. C'era moltissimo sole. Credo di averle notato le pupille dilatate ma non so, ho il dubbio. Ha gli occhi molto molto chiari. E la grandezza era più o meno come quella nell'immagine. Non erano a spillo, ricordo questo particolare perché inizia a fissarle gli occhi pensando che aveva gli occhi dilatai e cercavo di capirci qualcosa. Ci guardammo così dritto dritto negli occhi nonostante ci fossero altre persone con noi, e la cosa piacevole è che ci guardammo in silenzio per un tempo che io definirei infinito, un tempo che mi fece emarginare completamente dal Mondo, e per quei secondi che mi parvero secoli, io non sentii più alcun rumore e mi sembrava di navigare dentro quegli occhi blu. Non capisco se da parte sua i suoi occhi comunicavano attrazione/ricambio sentimento, visto quanto sentimento provo io per lei, o se è solo un caso, senza significato.Ricordo che iniziai a guardarla e lei si fece guardare senza sbattere ciglio, sembravamo due idioti, in silenzio con il resto delle persone vicino a noi, mentre io e lei con occhi dentro gli occhi , ed io che stavo dentro di lei.

  • ieri ho letto il tuo blog e devo dire che e molto interessante e poi è fatto bene.con il tuo modo semplice di spiegare le cose lo può capire anche una persona che non ha potuto studiare come me. complimenti.ciao .Milena

  • Grazie Jacopo,
    hai ragione però questo non toglie che si possa utilizzare come "indizio" di una emozione.

  • La dilatazione pupillare si può avere anche in conseguenza a una sensazione di paura e stress quindi non c'è motivo per cui un giocatore di poker debba portare gli occhiali da sole: un avversario con le pupille dilatate potrebbe avere un ottima mano come essere in bluff (e quindi avere paura). Io sarei più incline a vedere in questo look un tentativo di fare il figo piuttosto che un fine pratico ;-). Del resto, come dice Battiato "c'è chi si mette degli occhiali da sole per avere più carisma e sintomatico mistero". Ciao e complimenti per il blog, sono incollato da giorni ormai! Jacopo

    • se è vero quello che dici che le pupille si dilatano anche a causa di stress e paura mi hai chiarito le idee su una situazione un Po particolare ciao e grazie.milena

  • Mmmm io l'ho fatto una volta sola ed ha funzionato…prov disegnare tu i due diversi occhi su carta, riprova l'esperimento e fammi sapere…

  • Abbiamo provato a fare l'esperimento ma non ha funzionato :-/

  • le pupille sono direttamente connesse al cervello,i fasci di nervi dell'occhio non hanno intermediari e questo significa molto: "l occhio esprime direttamente ciò che il cervello comunica consciamente o inconsciamente."

  • ultimamente ho visto un doc. scientifico in cui si mostra quanto gli occhi sono direttamente collegati al cervello tramite i nervi,lo so lo si sapeva già,ma è importante sottolinearlo: "niente come gli occhi parla comunica cosi direttamente con il nostro inconscio."

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK