Sviluppo Personale: brain training…ginnastica mentale…

Ciao,

ti ho parlato molte volte dei diversi Brain Trainings e dicome oggi esista una vera e propria moda per migliorarele prestazioni del cervello. Ma tutto questo è reale o èsemplicemente una mossa di marketing?

Alberto Oliviero, psicobiologo risponde a questa domandapartendo dai quesiti ingenui, come: è possibile allenare ilcervello? è possibile prevenire l’invecchiamento del cervello?ecc…con i più moderni studi sulle neuroscienze…

Negli scorsi articoli ti ho raccontato come, secondo me,questi esercizi servono solo a migliorarti nel fare gli esercizistessi. Ed è la stessa cosa che dice Oliviero, che “non c’ètransfert”…cioè le competenze non si trasferiscono da quelcontesto (gli esercizi) ad altri contesti (vita ditutti i giorni).

Il viaggio nell’ “allenamento mentale” può partire pensandoall’arricchimento ambientale. Cioè negli ambienti dove cisono più stimoli gli individui crescono con una vivacitàmentale maggiore, con un cervello più innervato…ecc.Capo stipite di questo approccio è stata Maria Montessori.(osannata all’estero e meno nel nostro Paese).

L’esperimento più importante fu effettuato da MarkRosenzweig, noto neuroscienziato. Che ha fatto cresceredue gruppi di topi, uno povero di stimoli e l’altro pieno distimolazioni. Risultato: i topi del secondo gruppo erano più”intelligenti”, e il loro cervello era maggiormentesviluppato.

Ryuta Kawashima dell’Università di Tohoru, nel 2003 hapubblicato “Training your brain: 60days to a better brain”un eserciziario per potenziare le capacità cognitive. Il libroè stato un best sellers ma non quanto la sua versione insoftware per la nota consolle Nintendo DS.

Kawashima non ha mai pubblicato le sue ricerche, mentreAlain Lieury…ha sottoposto il brain training ad una seriedi esperimenti molto rigorosi, giungendo alla conclusioneche l’utilizzo della consolle, non ha effetti rilevanti sulleprestazioni cognitive. Ma solo su quei determinati esercizi.

Ma esistono veri esercizi per allenare il cervello?

Michael Merzenich, un rinomato scienziato, ha creato unprogramma di “ginnastica mentale” provato e studiato suun campione di 468 anziani. Dimostrando un reale miglioramento cognitivo dopo 2 mesi di pratica. Puoiprovare online il gioco cliccando qui. Lo studio è apparsonel 2009 su Journal of the American Geriatrics Society.

Altri studi molto interessanti a riguardo sono quelli dedicatial Image Streaming…che puoi trovare modificati da me sulmio e-book. Anche questi studi sono stati sperimentati susoggetti e gli studi pubblicati… Dimostrando come la “sola”stimolazione sensoriale possa fare grandi cose per la tuaplasticità neurale…e sulla tua “intelligenza emotiva” 😉

Ti è piaciuto il post? allora scrivi un commento quisotto e se non lo hai ancora fatto, iscriviti ai miei feedoppure segui il mio blog da facebook 😉

A prestoGenna

-2 giorni alla scadenza della Offerta di AdM..;-)

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Persuasione: “carota o bastone?”
Persuasione: Avere alibi per apparire più abili? le scuse possono renderti più credibile?
Psicologia della Persuasione: “Nel web persuade di più la Razionalità o l’Emotività?”
Richard Bandler: “esercizio anti-stronzi” ;-)
10 Commenti
  • Perche non:)

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciriciao Ester 😉

    neanche io sono un grande fruitore televisivo…ma come te ho dei forti sospetti sull a loro agenda. Senza ricordare che il nostro presidente del consiglio le controlla tutte 😉

    Le scelte non possono essere casuali, dietro ci sono milioni di euro in investimenti (anche bellici) per cui…meditate..gente meditate 😀

    Grazie
    Genna

  • forse sarò esagerata, ma a me è balzato agli occhi, per esempio, che in certi periodi più intensi di altri, vengono diffusi filmati, reportages, documentari sulla guerra, ce la mettono sotto ogni salsa, tanto che chi si trova a "bersi" tutto ciò che propinano dalla comodità della propria poltrona, alla fine si fa l'idea che la guerra, lo sterminio, la fame le malattie sono avvenimenti "normali".
    Quando non esiste la necessità sopra, allora passano inonda una miriade di documentari sulla savana, sulla legge naturale ( per gli animali appunto) del più forte, della selezione naturale. Anche qui avrei altro da aggiungere, ma mi fermo…
    posso dire l'ultima??
    te la dico sottovoce…avvicinati… come mai tutte le reti da un paio di mesi a questa parte fanno vedere sceneggiati films e telefilms polizieschi polizieschi, sulle unità speciali, su fantomatici paladini extra-super segreti da fare un baffo alla Cia???? io ho una mia idea visto certe decisioni politiche sono state adottate o che forse verranno addottate… meditiamo gente… meditiamo!
    Ciao!

  • Ariciao Genna,
    io nn seguo la tv tranne che per qualcosa che mi interessi. Ti devo dire che prendo tutto abbastanza con le molle perchè so che fanno passare gli argomenti come pare a loro. Ritengo e notizie di per sè, evito i commenti e le considerazioni perchè, a mio modesto avviso, hammo sempre qualcosa di parte. Seguivo anche Vojager, e sto seguendo anche Misteri ma non pendo dalle loro labbra! Gironzolando poi per la rete si trova di tutto e di + Più che altro li seguo con mente critica e mi domando : dove vogliono andare a parare qusti qui?

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ester…

    mi sembrava troppo corto il tuo commento, e infatti c'era un pezzo in più 😉

    concordo con te, bisogna curarsi di se stessi anche da questo punto di vista. Non vedo l'ora di leggere il tuo blog…a giudicare da quanto scrivi sugli altri non oso immaginare la vastità degli articoli ;-))

    Grazie
    Genna

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Ester,

    si ne ho visto un pezzettino…e mentre lo guardavo pensavo "mi hanno letto nel pensiero" 😉 Infatti il post lo avevo già scritto e già messo in programmazione…

    e quegli stessi studi sono stati anche citati in vecchi articoli del mio blog…se clicchi sui link li trovi…

    Tra le altre cose hanno anche "sbagliato alcune citazioni"…o meglio hanno detto che la scoperta sugli animali è stata fatta da un italiano…ma non è così è stato il Rosenzweig…come scritto nell'articolo 😉

    Insomma, grazie ad un "bloggetto" si possono avere informazioni più attendibili di quelle di Quark :-O mi sto montando la testa ;-))

    Grazie
    Genna

  • Ho ripensato al periodo della mia vita in cui mi sono chiusa a riccio a 360 gradi, quindi avevo smesso di leggere, di interessarmi ad un mucchio di cose, e la mia memoria vacillava tanto che non distinguevo un giorno dall'altro, non mi ricordavo quello che avevo fatto il giorno prima ecc. D'accordo, evidentemente c'erano anche i risvolti della depressione, dell'apatia, ma il fatto di non ricordarsi il nome , per esempio, della fornaia che conoscevo da decenni, o la data di nascita dei miei figli, vuol proprio dire che il mio cervello stava andando a carte 48! Mi spazientiva questa cosa. e non poco. Poi, quando mi sono data uno scossone, mi sono "svegliata" ho ricominciato a prendere in mano le fila della mia vita, per gradi ho ripreso ad uno ad uno tutti i miei interessi e le cose sono migliorate. Per esempio adesso ricordo almeno la metà dei numeri di cellullari memorizzati sul telefonino. Certo, mi sono creata delle associazioni per fare questo, basta che guardo a tastiera e subito mi sovviene il numero voluto…
    Di recente ho guardato il dvd MA CHE BIP SAPPIAMO REALEMTE? illuminante!
    Credo sia importantissimo occuparci adesso della nostra vecchiaia, ora che la nostra mente, almeno ci auspichiamo! 🙂 funziona ancora bene, teniamoci allenati, attiviamoci per la sua manutenzione. Io ogni tanto mi butto in una cosa di cui non conosco praticamente niente, vedi per esempio internet, successivamente i blog.. ho sperimentato, mi sono messa in gioco e ora posso dire di essere lì lì per "sfornare" il mio blog, passami il termine, motivazionale. Un blog che possa essere utile a chi lo legge, proprio come fa il tuo.
    Spero di essere stata in tema.
    Buona giornata

  • Ciao!
    Proprio ieri sera su Quark hanno mandato in onda, tra gli altri, anche un servizio sul benefico influsso della socializzazione degli anziani con altre persone che siano da sprono per tenere attiva l'attività celebrale. Questo ritarderebbe di circa 5 anni il manifestarsi della demenza senile. Hanno inoltre evidenziato che gli anziani con un passato da studiosi, o comunque di persone con un intensa attività mentale, hanno molte più probabilità di trascorrere una vechiaia "lucida".

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Enrica,

    che bella testimonianza! 🙂 Il contatto con il lavoro e con i "due angeli" ha sicuramente fatto la differenza.

    Hai comparto il trattato di Granone? …grandissima… ma è un testo ultra scientifico, zeppo di esperimenti.. una roba davvero di niccha 😉 è in assoluto il trattato migliore mai scritto in linguaa italiana (è stato anche tradotto)…

    sono curioso di sapere come è fatta la nuova edizione…la mia è molto grande (tipico tomo universitario) di colore blu e bianco…con le pagine "patinate"…

    Grazie
    Genna

  • "negli ambienti dove ci
    sono più stimoli gli individui crescono con una vivacità mentale maggiore"

    Proprio ieri ho avuto occasione di toccare con mano quanto sia vero.

    Sinteticamente la storia di D. un giovane uomo di 37 anni con un importante ritardo mentale. Nel 1995 QI=40 e per questo Invalido Civile al 100%. Due Soci fantastici lo assumono comunque nella loro azienda e lo "adottano".
    Oggi in occasione di una revisione della sua Invalidità rifà tutti i test. QI=62.
    Sono convinta che il lavoro, variegato anche se semplice, sempre a contatto con tante persone e questi due Angeli abbiano fatto la differenza.

    Enrica

    PS: veramente, ero entrata nel tuo blog per dirti che mi è arrivato il Trattato di Granone. 🙂 perchè ti considero responsabile delle mie spese 🙂

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK