Ipnosi e Furto: “il lato oscuro della ipnosi”

Ciao,

oltre un anno fa ho scritto questo post dove ti ho raccontato come funziona il famoso “furto con l’ipnosi”. Molti ormai sanno che è una abile mossa di prestigio comunicativo che,con l’ipnosi c’entra relativamente. Tuttavia gli si avvicina molto perché sfrutta meccanismi simili ma per ottenere effetti diversi.

Come ti ho già detto molte volte, l’ipnosi sono una serie di manovre per indurre uno stato naturale della mente chiamato trance…quindi da questa definizione qualsiasi manovra che non provochi uno “stato discreto di coscienza”, appunto la trance ipnotica, non è ipnosi. Pertanto chi utilizza queste tecniche non usa l’ipnosi ma tecniche molto simili…

Visto il video? un “disceplo di Derren Brown“ma questo lo commentiamo un’altra volta…adesso ti racconto la mia piccola e divertente esperienza. L’altro giorno, al bar della piscina, ordino alla signora un caffè e un “caffè zero“…lei mi guarda e mi dice…”a che gusto?” … io però, in mezzo a tanta folla capisco “Roma per toma”, e invece capisco”…”è chiuso! ..

Guardandomi attorno noto che ci sono altri baracchini che vendono gelati e penso “sarà chiuso il baracchino”e le dico…”allora anche per me un caffè normale“…la signora resta un attimo intontita e invece di prendere i miei soldi, me li restituisce e mi da anche il resto.

Sarà capitato a tutti di trovare il “negoziante” sbadato, ma ti assicuro che tutto si è svolto ad arte…ma un’arte a norma di legge e completamente casuale, visto che i soldi gli ho restituiti. E’ andata così, mentre facevo lamia ordinazione la signora ha preso i soldi, mentre alle sue spalle un ragazzino iniziava a fare i caffè ecc….

Quando la signora ha domandato “a che gusto?”…e io ho risposto “ah…allora anche per me un caffè normale”,ho involontariamente creato una forte confusione. E’rimasta con la banconota in mano e il braccio in “catalessi” per poi restituirmela con il resto.

Ti ripeto, non l’ho fatto apposta, ma gli anni di pratica e di osservazione mi hanno fatto intuire che stava accadendo…e infatti ho fatto notare, prima ad un mio amico e poi alla signora…giusto per riderci sopra.

Chi fa i famigerati “furti con l’ipnosi” utilizza strategie molto simili a questa. Solo che sono abilmente studiate a tavolino e spesso si servono anche di complici per aumentare la confusione. Dopo tutto le tecniche di confusione, distrazione (misdirection) e di sovraccarico…sono tutte ottime per indurre uno stato di trance anche all’interno di un contesto terapeutico.

NB. Usare queste tecniche in studio non serve per”fregare” il paziente…ma serve per aiutare i pazienti che hanno difficoltà a “lasciarsi andare”. Anche un semplice conteggio all’indietro, magari a gruppi di 3, avrebbe lo stesso effetto di sovraccarico e confusione.

Le tecniche per fare questo “genere di cose” sono molte e spaziano da quelle verbali a quelle non verbali…inutile nascondersi, sono divertenti ed affascinanti. Tempo fa ne ho fatte di diverse, ma in contesti in cui era possibile parlare a lungo…quindi con cameriere, baristi (quando sei seduto al bancone) ecc…ma mai con cassieri, come in questo report.

Penso che “il lato oscuro dell’ipnosi” sia da conoscere,non solo per difendersi ma anche per sapere, fino a che punto possono arrivare determinate tecniche…e le abilità umane….tu che cosa ne pensi?

Lascia un commento qui sotto e se vuoi seguire e sostenere il blog iscriviti ai miei feed e/o seguimi su facebook.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Ipnosi: “una diatriba costruttiva”
A scuola di Ipnosi Vol.6 “le presupposizioni”
Ipnosi non verbale Vol. 1
Meditazione e Ipnosi: Come Funzionano ?
6 Commenti
  • Ciao Elena,
    purtroppo la signora è stata vittima di "bravi truffatori". "Non è questione di imbecillità" quanto di suggestionabilità… che non significa ne "debolezza" ne stoltezza…è una predisposizione…

  • Sono capitata in questo sito quasi per caso… il fatto è che sono molto confusa e basita per quello che è accaduto qualche giorno fa a una signora che conosco molto bene e sono in cerca di chiarimenti.
    In poche parole: lei è anziana e vive da sola, ma non è una "vecchietta distratta e con poca testa", anzi, è molto in gamba e particolarmente diffidente. Nonostante questo è stata completamente derubata da tre uomini che si sono finti carabinieri, comparsi alla sua porta sostenendo che suo figlio contrabbandava banconote false e che loro dovevano controllare i soldi che aveva in casa. La sua prima reazione è stato un forte shock, quindi hanno creato, come scrivi tu, una situazione di confusione. Fino a qui potremmo dire che è un classico caso di truffa agli anziani, ma poi, le cose sono andate in una direzione strana: lei negava insistentemente, ma, non sa come, alla fine gli ha portato tutti i pochi soldi che aveva e senza capire nulla, quando loro le hanno ordinato di darle anche l'oro, lei li ha addirittura portati nelle varie stanze della casa e gliel'ha consegnato. La cosa assurda è che lei dice di non essersi resa conto di niente fino a quando non se ne sono andati, insomma, nella sua testa era tutto normale, anche quando loro hanno intascato spudoratamente il bottino davanti ai suoi occhi. Pochi minuti dopo che se ne sono andati si è subito accesa la spia della consapevolezza: "i ladri!!!".
    Mi ha anche raccontato di come loro tendessero, inizialmente, a farsi sempre più vicini e in qualche modo a spingerla indietro, verso l'interno della casa… però non so se ci siano stati contatti particolari come scrivi tu.
    La cosa che mi fa più male è che ora questa signora è veramente abbattuta e frustrata, non solo per il furto, piuttosto perchè si sente davvero "una vecchia rimbecillita" (uso le sue parole).

    Io non ho parole, solo un grande senso di schifo e, forse ingenuamente, anche un po' di paura…

    Mi piacerebbe sapere la tua opinione al riguardo, grazie anche per quello che ho letto su queste tue pagine!

    Elena

  • Ciao Cristina,

    ti do del tu..perchè faccio così con tutti e tutte 😉

    Allora, la prima cosa da notare è proprio se sono in 2… perchè in più persone sono in grado di creare maggiore confusione…

    Come seconda cosa bisogna di farsi toccare…infatti molti utilizzano i noti "passi dell'ipnosi" per farlo. Magari sfiorando leggermente il braccio e mani…(vedi le chiromanti che ti prendono la mano).

    Terzo, chi lo sa fare davvero si affida a "discorsi strani" e senza senso. Spesso fingono di non conoscere la nostra lingua per poter utilizzare il linguaggio…

    Quarto, ti guardano fissa negli occhi…

    Se noti che ci sono queste 4 caratteristiche "accenditi"…nessuno può ipnotizzarti contro la tua volontà, possono solo distrarti e andare via senza pagare…

    In poche parole, quando la situazione si fa ambigua (ti parlano in due, usano gesti e parole strane, ecc.)… spostati fisicamente e fai qualcosa.. fai domande specifiche di chiarificazione : "scusi non ho capito..che cosa ha detto? potreste parlare uno alla volta? ecc…ecc..

    Grazie per la testimonianza
    Genna

  • Ho un piccolo negozio di cartoleria e mi è accaduta una cosa analoga.
    Due donne a prima vista direi madre e figlia hanno comprato merce per un valore di €.50.00 e sono uscite senza pagare e me ne sono accorta dopo un po'.
    Non ti dico come ci sono rimasta male anche perchè in negozio ero da sola in quel momento e non c'era confusione, ma c'è un momento di vuoto nella mia memoria da quando sono uscite a quando ho realizzato cosa era successo.
    Tutti mi hanno detto che è stata solo la mia distrazione, forse, so soltanto che mi sono sentita veramente strana.
    Secondo lei come si può evitare di ricadere nel tranello "ipnotico"?
    Grazie
    Cristina

  • Ciao Marco,

    ahahaha…certo, magari ne recupero una anche per me 😉 ops…forse è un tantino illegale 😀

    Genna

  • Ciao Gennaro,
    guarda che io devo comprarmi una moto non è che mi accompagneresti? :oD
    ciao ciao
    marco

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK