3 regole per leggere il linguaggio del corpo

Ciao,

ti ho parlato molte volte di comunicazione non verbale, eper questo motivo ho anche creato un post apposta. Ieri, Matteo, mi ha scritto “Genna, quali sono le cose piùimportanti che devo conoscere per imparare a leggereil linguaggio non verbale?”…

Caro Matteo, come ti ho già scritto in parte, tu già leggi inmodo inconsapevole in linguaggio non verbale. Ma questa abilità può essere incrementata, soprattutto negli uomini,perché le donne sono giù brave in modo spontaneo…(hanno proprio tutte le fortune ;-))

Esistono 3 regole importanti per “leggere illinguaggio non verbale”:

1) Guardare tutto insieme: quando si apprendono irudimenti del linguaggio del corpo si tende a classificaretutto in modo categorico. Ma spesso osservando il contestosi scopre che non è così. L’esempio potrebbe essere unapersona con braccia e gambe incrociate per il freddo. Operché magari ha un buco nei pantaloni 😉

I PNListi non amano le classificazioni del linguaggio nonverbale perché non sono sensorialmente basate. E dire cheil gesto X corrisponde allo stato Y è una malformazionesemantica detta equivalenza complessa. Guardare tuttoinsieme consiste nel vedere il contesto e affidarsi ai proprisensi calibrando.

2) Osserva la congruenza: una persona è congruentequando il suo linguaggio non verbale e il suo linguaggioverbale “dicono la stessa cosa“. Uno studio ha provato cheil il non verbale è circa 5 volte più informativo di quelloverbale, per cui se il corpo dice una cosa e la voce un’altral’interlocutore sentirà “puzza di bruciato”.

Osserva con attenzione le differenze che ci sono fra questidue modi di comunicare. Fra le zone più di grandeinteresse guarda: il viso, le mani, le braccia e i piedi…Ognuna di queste zone potrebbe essere incongruente con il linguaggio…ma ance incongruenti fra loro stessi.(es. la testa che indica si, la voce che dice si, ed il corpoche si ritrae mentre le braccia si incrociano)…

3) Allenati: sbagliarsi è facile per cui è utile allenarsi. Esistono numerosi studi che provano il fatto che è utilee possibile diventare più abili nello scovare i segnali cheinvia il nostro corpo. Esistono due modi principali perallenarsi, uno conscio e l’altro inconscio.

Allenarsi consciamente significa apprendere i rudimentidel linguaggio non verbale (che trovi sia nei miei articoli chein molti libri) e osservarli dal vivo. I luoghi di ritrovo sonofra le migliori palestre… osserva le interazioni fra le personee fai le tue ipotesi.. Anche la Tv può essere un utile mezzo,spegni il volume e prova ad indovinare quali sono leintereazioni che avvengono fra le persone (pare cheallenarsi a leggere le labbra sia un utilissimo esercizio).

Allenarsi inconsciamente significa rilassarsi e meditare. So che può sembrare assurdo, ma gli studi sugli statimodificati di coscienza ha provato che, abbassare la propria”frequenza cerebrale” rilassandosi inspessisce (fisicamente)le aree del cervello adibite al riconoscimento del linguaggioextra-verbale, cioè non verbale.

Matteo, sono certo che questo articolo possa esserti diaiuto per “partire bene” con lo studio della comunicazionenon verbale…e sono certo che sia utile anche a te. Fammi sapere che cosa ne pensi, lascia un commento qui sotto.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Comunicazione non verbale: vuoi svelare le bugie?
Comunicazione non verbale: guardare il tuo pubblico aumenta l’apprezzamento musicale…
Comunicazione non verbale: gesticolare aiuta l’apprendimento?
Comunicazione non verbale: la dilatazione delle pupille nell’amore
9 Commenti
  • Bel post interessante 😉
    Per quanto riguarda i giochi credo che valga solo quando una persona sia abbastanza esperta o comunque abbia una strategia vincente.. Una persona che gioca "a caso" (nel senso che inizia con una mossa e poi fa le altre mosse per come meglio possa andare) sia poco prevedibile ^_^

  • Ahahah Grazie Mindcheats 🙂
    si ne ho incontrati molti e spero traspaia il fatto che io non voglio essere percepito come "guru" ma solo come un grande curiosone appassionato.

  • Bel post, contrariamente a molti che mettono solo una lista di interpretazioni delle varie posizioni corporee hai specificato chiaramente che invece è importante leggere tutto nell'insieme: sono sicuro che anche tu avrai incontrato gente che pensa di essere un guru del linguaggio non verbale, solo perché sa cosa significa grattarsi il naso o incrociare le braccia!

  • Certo Alfredo,
    in realtà è impossibile sgamare un attore vero. Qualcuno in grado di alterare le proprie base-line se non con dei macchinari 😉

  • Ciao Gennaro

    Credo bisogna distinguere i giochi di bluff e quelli di sola abilità,a risiko e scacchi posso mascherare le strategie e gli obiettivi non falsificare le forze che ho a disposizione,
    non credi?
    la seduzione delle bugie!!!

  • Ciao Alfredo,

    qualsiasi contesto giocoso dove bisogna influenzare e predire le azioni altrui è un ottimoe ersercizio…Risiko, scacchi, dama, ecc… oltre alle famosissme carte 😉

  • Volevo aggiungere che, per
    esperienza, uno degli esercizi migliori per la lettura dei non verbali è il tavolo da gioco;
    ovviamente il gioco per antonomasia è il poker, non a caso,
    Ekman cita la "poker face" dei professionisti nel suo libro I volti della menzogna, ma spesso mi dedico alla lettura degli avversari, delle carte che potrebbero avere in mano,e quindi delle loro reazioni, anche nella semplice briscola.

  • Ahahhah…Ciao Andre…

    quando mi è venuta in mente sono scoppiato a ridere 😉

    Oggi me ne vo in piscina, se hai voglia di fare un tuffo sai dove trovarmi ;-))

    Genna

  • Ciao Genna,
    non è proprio uno dei miei soliti commenti, ma oltre al bell'articolo..
    La battuta sul buco nei pantaloni mi ha fatto cappottare! 😀
    Buona giornata!

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK