PNL: Come potenziare l’effetto delle ancore… :-)

Ciao,

se conosci la PNL sicuramente sai di che cosa si parla quandosi nominano le ancore. Qui ti ho mostrato più volte comeutilizzare questo potente strumento su te stesso e sugli altri…e in modo particolare scoprirai un trucchetto frutto deipiù moderni studi sulle neuroscienze 😉

L’ancoraggio non è una semplice tecnica, ma il risultato dimillenni di evoluzione. Infatti le ancore nascono dal nostroenorme potenziale di apprendimento e dimostrano quantoveloce possa essere la nostra capacità di imparare cosenuove e soprattutto inconsciamente!

hai visto il video? qualche giorno fa aggirandomi suyoutube mi sono imbattuto in questo divertente videodove si possono vedere diverse tipologie di ancoraggioin diversi contesti. Ho pensato subito di fartelo vedereper evidenziare i “contesti diversi”…e per introdurre il”piccolo trucchetto” 😉

Come vedi, che sia un gioco di mentalismo (Derren Brown)o un corso di sviluppo personale (Tony Robbins) oppure unabile comico del SNL…i principi che sottostanno al nostroapprendimento sono sempre gli stessi…

Interessante è un recente studio fatto nella Università dellaPennsylvania pubblicato su “Science” che dimostra comeil cervello sia disposto ad apprendere qualsiasi cosapurchè essa avvenga inaspettatamente.

Pare che anche una piccola sorpresa attivi i neuroni dellasubstantia nigra (una regione del cervello) implicata nellaproduzione di dopamina…sostanza famosa che permettedi auto-ricompensarsi…

Che cosa se ne può trarre ad un livello pratico?

Quando “installi” le tue ancore, è quasi sempre megliofarlo “di sorpresa”. O in modo coperto… Esse agiscono giàin modo naturale e coperto. Per cui, anche se ti trovi davantiad un cliente/paziente, allenati ad installare ancore in modocoperto e soprattutto, inaspettato!

Segui le regole del buon senso: se il rapporto è fra duepersone di sesso differente, evita di usare le ancorecenestesiche e opta per qualcosa di differente. Fai in modoche le ancore che utilizzi siano realmente discriminabili…cioè che si possano distinguere chiaramente l’una dall’altra…

…evitando di ancorare gli stati a qualcosa che fai spesso, comeannuire o fare dei suoni di approvazione. Prova con un belsuono onomatopeico, oppure con un gesto vistoso del tuocorpo. Ricorda che devi attivare l’effetto sorpresa…

Ricapitolando: l’apprendimento è il concetto di base chesta sotto la tecnica dell’ancoraggio in PNL. Esistono moltibuoni consigli per attivare efficacemente un’ancora lascienza moderna ci dà un nuovo consiglio pratico:la sorpresa…per sorprendere sorprenditi …impara daltuo inconscio come fare 😉

E tu che cosa ne pensi? Lasciami un commento e se nonlo hai ancora fatto abbonati ai miei feed ne resteraisorpreso 😀

A prestoGenna

Ps. Bandler ha detto spesso: “il problema è che ricercatorie clinici non si parlano”… questo è lo scopo di questi post…mettere in “comunicazione” la ricerca con la pratica 😉

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Sviluppo Personale: “come controllare le cattive abitudini”
Psicologia: I Neuroni Specchio…un flop scientifico? Speriamo di No ;-)
Umorismo terapeutico: “la seriosità è una malattia” (R.Bandler)
Ipnosi Regressiva: Ciarlatani e inesperti…NO grazie ;-)
12 Commenti
  • Amo i troll e so che ti attaccherai agli errori di scrittura, che bello scrivere con l'ipad…ma c'è ancora una piccola cosetta che voglio consigliarti:

    Evita di lasciare la tua email in giro 😉

    Ps. Non esistono "libri scientifici" ma semmai ricerche che si trovano su riviste …queste riviste sono la manifestazione della "comunità scientifica". Così anche in un libro di PNL, di tanto in tanto, puoi trovare qualche articolo scientifico…rileggi il tuo commento e capirai perché ti ho scritto questo;)

  • Ciao Arturo,
    in quale punto dico che la PNL è scientifica? Cito in articolo che purtroppo ora non riesco a recuperare visto gli anni (il post è del 2009)…

    …si dai hai trovato in lavoro, segui le mie orme e ti pagheranno ti basta solo: studiare una decina di anni per diventare psicoterapeuta, acquisire una certa esperienza sul campo, fare un bel po' di corsetti extra…e poi, riversare il tutto in un migliaio di articoli ed audio gratuiti dove racconti il tutto gratuitamente…

    …dopo un po' la gente inizierà ad apprezzarti e a parti per quello che fai.

    Non è necessario laurearsi per farlo, ma comunque nella comprensione se una cosa può essere definita "scientifica o meno" può esserti molto utile…

    Bello il commento finale su Bandler, ne ho parlato molto nel 2007 come psico gossip…ti dico una cosa che forse non sai…anche Freud era cocainomane;)

    Si, hai trovato un lavoro, come troll…e a quanto vedo sei molto portato.

  • Ciao Genna,
    Potresti per favore citare delle fonti, scientificamente valide, di tutto quello che scrivi quì?
    I libri di Bandler e co NON sono scientificamente validi perchè non dimostrano nulla e non sono approvati dalla comunità scientifica.
    Inoltre Bandler è un cocainomane coinvolto in un omicidio. Cerca su internet e wikipedia.

    Un'ultima domanda: ma la gente ti paga per queste cose? se si … mi sono trovato un mestiere

    aandy87@hotmail.co.uk

  • Grazie per la risposta.

  • Ciao Adrian,
    il miglior canale per le ancore è il cenestesico a meno che la persona non abbia dei problemi di sensibilità.

    La conocordanza tra canali potrebbe essere utile per togliere vecchi ancoraggi ma non per un nuovo ancoraggio.

  • Ciao Gennaro
    Grazie per il post …ma avrei una domanda.
    Se io volessi ancorare una persona che ha come canale preferenziale il visivo non sarebbe meglio usare un ancora di tipo visivo? o se fosse una persona di tipo cinestetico non sarebbe meglio usare un ancora di tipo cinestetico?
    C è qualche legame tra il tipo d ancora e il canale preferenziale?
    Grazie.

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Fracesco,

    quello che dici è possibilissimo…qualche tempo fa ho scritto un articolo proprio sul potere delle "scene della natura" sulle funzioni congnitive..

    In pratica chi "vive e sperimenta la natura" ha un vantaggio in funzioni cognitive positive: memoria, tempi di risposta…ecc…

    Grazie
    Genna

  • Siccome cerco il pelo nell'uovo mi chiedo: 1) Se il colore è troppo comune si perde l'effetto sorpresa 2) se invece lo è troppo poco la necessità diventa di trovare "casualmente" quel colore quando se ne ha bisogno.

    Un aspetto che ho notato andando a piedi a lavoro (15-20 minuti) a proposito di stato d'animo, è il seguente: se non faccio il solito percorso, trafficato e rumoroso, ma cambio ogni volta strada passando magari per un minimo di verde che c'è in un piccolo parco, a volte, l'umore, se non mi chiudo in me, cambia tonalità in meglio.
    Quindi un'ancora può essere il verde alla pace interiore, che immagino sia un'ancora spontanea per molti!

    Grazie per il suggerimento
    Francesco

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Francesco,

    ottima osservazione, per me sarebbe possibile crearsi un'auto sorpresa…o per lo meno su di me funziona:

    ad esempio si può associare un colore ad un determinato stato d'animo (come viene anche fatto nella dinamica mentale) e poi suggerirsi che, ogni volta che si vede quel colore, nel mondo fisico, si riaccederà a quel determinato stato.

    Ti assicuro che funziona tantissimo…e personalmente sono rimasto più volte sorpreso nel ritrovarmi a cambiare stato rendondimi conto solo successivamente che era stata l'ancora settata ad agevolarlo…

    Che ne dici?
    Genna

  • Interessante questo aspetto delle ancore con l'effetto sorpresa. In effetti anche la TV funziona così.

    Ti chiedo: E' possibile creare l'effetto sopresa per se stessi di proposito?
    A volte mi rendo conto che ciò accade, ad esempio quando scrivi di A e ti sorprendi che nel tuo scrivere è spuntato un B che ti interessa più di A con cui non ha apparenti legami!
    Non a caso la scrittura spesso è terapeutica!

    E se lo volessi fare di proposito senza scrivere niente? Crearmi una sorpresa che mi ancori a qualcosa che mi faccia girare attorno al palo fisso di una convinzione limitante, come se fossi un regista sul set che si muove sulla scena, con lo scopo di cambiare la rappresentazione di quella scena.

    Grazie
    Francesco

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Grazie
    Piero 🙂

  • G r a z i e G e n n a …

    per questo post davvero chiarificatore.

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK