Ipnosi e Prosperità: che cosa hanno in comune?

Ciao,

Vorresti una tecnica ipnotica per fare soldi? hai sbagliato sito 🙂

A parte gli scherzi, ultimamente sto leggendo molti testi di Robert Kiyosaki, un po’ per lavoro, perché ritengo importante che un libero professionista sappia promuovere la propria azienda, e un po’ per passione.

In caso tu non sappia chi sia, R. Kiyosaki è un investitore e insegnante che è diventato famoso in tutto il mondo grazie al suo libro “padre ricco padre povero” in cui racconta di come suo “padre ricco” (che non è il vero padre ma il padre di un suo amico) gli ha insegnato ad amministrare il denaro…

ma soprattutto gli è stato insegnato che, essere ricchi parte sempre dal tuo atteggiamento mentale e da una buona istruzione finanziaria, cosa che potrebbe interessarti.

Tranquillo non voglio, anche io come altri 1000 blog, insegnarti a diventare ricco…ma solo farti notare una analogia interessante…fra denaro e ipnosi!

L’altro giorno parlavo con il mio amico e collega Manuel sulla disputa se il denaro cambi o meno le persone. Quante volte hai sentito dire che chi guadagna molti soldi cambia come personalità?

Kiyosaki è molto chiaro su questo punto, ed io mi trovo perfettamente d’accordo:

il denaro non cambia le persone ma amplifica quello che già sei… quindi se sei uno “stronzo” diventi 10 volte più stronzo e viceversa 😉

Mentre io e Manuel ragionavamo su questo aspetto della ricchezza mi è subito balzato alla mente che esiste un’altra cosa che si comporta in questo modo e che mi è particolarmente a cuore: l’ipnosi e lo sviluppo personale.

In generale l’ipnosi, come strumento per accedere alle tue potenzialità interiori è un’amplificatore di stati. Quello che si fa durante la trance, spesso, sono le stesse manovre che si farebbero in stato di coscienza. (è anche per questo motivo che esistono scuole di ipnosi che pretendono di agire attraverso la ipnosi senza trance)…

Quando me ne sono accorto ho davvero trasalito: cavoli la trance è come il denaro? cioè un’amplificatore distati di coscienza?

La ricerca sembra dare proprio ragione a questa mia bizzarra idea. Infatti è di poco fa un articolo che racconta come le donne provino orgasmi più potenti in base al reddito del loro partner sessuale!

La stessa identica cosa puoi farla attraverso la trance, cioè puoi ipnotizzare qualcuno e fargli avere tutti gli orgasmiche vuoi. Attenzione non parlo di orgasmi finti ma di vere e proprie risposte fisiologiche. Chiaramente è necessario un adeguato training… (sento di star uscendo dal seminato, come si sul dire).

Cavoli…probabilmente il mio amico Josè, appassionato di materie new age mi direbbe: “ma come Genna non lo hai ancora capito che è tutto energia?” …ma poi il livello del ragionamento salirebbe troppo di livello e ci costringerebbe a parlare “dei massimi sistemi”…

Tu che cosa ne pensi? lascia un commento qui sotto…e se non lo hai ancora fatto iscriviti ai miei feed rss.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Ipnosi: Gli anedotti terapeutici di Milton Erickson…
Ipnosi: analisi di una induzione ipnotica…in 10 passi…
Il mio “rapporto” con Milton Erickson
Come fermare il singhiozzo…con un gioco simile all’ipnosi…
7 Commenti
  • Ciao Genna!
    Effettivamente la metafora dell’amplificatore è davvero una bella immagine per spiegare SEMPLICEMENTE cos’è l’ipnosi..anche Billico aveva apprezzato la metafora specialmente il fatto che di ipnosi possono essercene 2: una negativa dove amplifichi i tuoi limiti e positiva dove invece impari ad amplificare le tue risorse.
    Ciao
    Manuel

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Sebastiano,

    ottimo commento, chiaramente preso dalla primo vero corso on-line di svilluppo personale italiano 😉

    Come il denaro è un mezzo, lo è allo stesso modo l’ipnosi…un mezzo amplificatore 🙂

    Avevo annunciato all’inizio del post che il periodo è florido proprio perchè stiamo lavorando a quetso super porodtto…

    un saluto
    da Mantova 🙂
    Genna

  • Ciao a tutti i lettori del grande Genna!

    Visto che parlate di $oldi e P$sicologia ho fatto un “furto” per voi:-) e vi passo una definizione presa dal nuovissimo manuale dell’Accademia “PNL è Ricchezza” a cui sta collaborando lo stesso Genna!

    Il denaro è un meta-mezzo per procurarsi mezzi di qualità necessari a soddisfare le nostre esigenze emotive. Per essere più ricchi dobbiamo avere più intelligenza emotiva per definire i nostri valori emotivi, più intelligenza per definire degli obiettivi emotivi e poi più intelligenza finanziaria per procurarci il denaro necessario; non di meno ma non di più.

    Senza Intelligenza Emotiva comunque c’è solo “tristezza di lusso” 🙂

    Buona riflessione ipnotica sul denaro…

    Sebastiano TOdero

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Andrea,

    per me la più bella definizione di ricchezza non è “accontentarsi” ma fare in modo che quello che guadagni ti permetta una vita (che secondo i tuoi standrd) è di qualità…

    quindi la risposta è: si e no 😉

    Un’altra definizione meravigliosa è: sei ricco quando smettendo di lavorare potresti continuare a vivenere mantenendo inalterato il tuo tenore di vita… (rendite passive ecc.).

    Anche qui la zona di comfort c’entra…pensaci, se io chiedo ad un cliente 80 euro, ma non sono nella mia zona di comfort, ci riuscirò male…per mille motivi (es. non credo di valere così tanto…ecc…ecc..)Quindi allenarsi ad espandere la propria zona di comfort nel denaro è fondamentale se vuoi aumentare il tuo reddito…

    Genna

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Enrico,

    dici che l’ho letto sul libro di Eker…forse si e mi sono confuso con Kiyosaki…o forse lo dicono entrambi…

    si…anche secondo me è possibile parlare anche di psicologia del denaro, a patto che non si parli “di come arricchirsi”…non voglio finere come i 1000 blog 😉

    Grazie per il consiglio, appena torno a casa vedo cosa posso fare 😉

    Grazie
    Genna

  • Cavolo Genna, complimenti!
    Per me è ancora leggermente difficile parlare di soldi in modo naturale, anche se ho fatto passi da gigante..
    I miei condizionamenti culturali facevano si che io vedessi i soldi come qualcosa di bello e utile, ma con una sorta di “demonizzazione intrinseca” (che cacchio sto scrivendo? 😉 ).
    Dopo un pò di chiacchierate sono riuscito a liberarmi da tanta negatività e a vederli come uno strumento per migliorare se stessi.
    Oggi ho fatto un passo in più, su cui rifletterò, ma che già sento essere decisivo: i soldi come la trance, amplificazione di ciò che siamo già.
    Il concetto è a dir poco liberatorio!
    Avrei però piacere di conoscere la tua opinione rispetto a questo dilemma: Essere ricchi può comunque combaciare con l’idea di “stare bene col poco che si ha”? Oppure potrebbe essere un fermarsi nella propria “zona di comfort”, così come lo si intende nello sviluppo personale?

  • Effettivamente è quello che diceva anche Harv Eker nel suo ebook: i soldi amplificano. E’ un concetto molto bello che andrebbe tirato fuori più spesso. Forse così molte persone inizierebbero ad essere meno terrorizzate del denaro, nonchè a capire come funzionano certi aspetti del mondo.

    Però non sarebbe negativo se parlassi di psicologia del denaro. Secondo me potrebbe starci in un blog che parla di psicologia e pnl. Oltretutto tu, a differenza di quasi la complessità dei 1000 blog 🙂 , aggiorni sempre. 🙂

    ( un piccolo consiglio tecnico: falla più grande l’icona del feed 🙂 così gli iscritti aumenteranno più rapidamente 🙂 )

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK