Richard Bandler: “Esercizio Anti-Panico…esagerare” ;-)

Ciao,

continua la s-traduzione dell’ultimo libro di R. Bandler,oggi ti parlo di un concetto molto interessante della PNLe a tratti “contro intuitivo”…cioè di sorpassare lasoglia.

Hai presente quando una cosa ti da talmente tantofastidio da “costringerti” a cambiare le cose? questo èil concetto di Bandler…rendere qualcosa che non vuoipiù avere talmente insopportabile da dire”adesso basta”:

Lo hai ascoltato? esatto, gli Andreas hanno creato diversipattern interessanti che implicavano l’esagerazione dialcune sottomodalità critiche…

Se ad esempio “temi i ragni”, loro ti chiedevano di vedernedi più e di rendere l’immagine grande e luminosa e vicinasino a quando questa…svanisce :-OScherzi della mente 😉

Ad un livello ingenuo il concetto è comprensibilissimo,quando oramai hai toccato il fondo non puoi fare altroche risalire…tuttavia esistono delle sfumature moltointeressanti che voglio farti notare.

L’Italiano più noto nell’utilizzare tecniche simili è di certoGiorgio Nardone, di cui ti ho parlato molte volte. Se tipiace il suo stile ti invito a leggere “terapie non comuni”che è il modellamento dell’arte strategica di M. Erickson.

Ma come fa a funzionare una cosa del genere?Ecco le mie Top 3 ipotesi 😉

1) Per raddrizzare una cosa è necessario capire primatutti i modi per storcerla (logia strategica, simile allaprescrizione del sintomo);

2) Saturazione dei canali recettivi, tutti i canali sonozeppi e di conseguenza deve avvenire un cambiamento;

3) L’esistenza di sottomodalità analogiche, cioè che adun certo grado di “saturazione submodale” (es. luminosissimo)queste cambiano e si trasformano nel loro inverso…

Qualunque cosa sia la vera ragione del perchè funzionila cosa più importante per te che vuoi migliorare la qualitàdella tua vita (o anche solo per pura curiosità) una cosaè davvero importante…questa tecnica funziona 😉

E tu che cosa ne pensi? l’hai mai provata? lasciami uncommento qui sotto e, se non lo hai ancora fatto,iscriviti ai miei feed rss.

A prestoGenna

Ecco gli altri “Audio-Esercizi” pubblicati:

1 PNL: Certificazioni… …2 Audio imperdibili 😉2 Richard Bandler: “esercizio anti-stronzi” 😉3 Richard Bandler: la time line e il tempo nella PNL…4 “Ho tanta paura da sbellicarmi”…esercizio di PNL5 “Esercizio Anti-Ansia” …6 “Esercizio PNL convinzioni”8 “Esercizio per la Distorsione Temporale”9 “La Cura Veloce delle Fobie”10 “Come l’ Auto-Suggestione…“11 Cambiare lo “stato d’animo”…12 Dimenticare l’amore

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Motivazione: “5 passi per raggiungere gli obiettivi”
Assertività: “gentilezza NON è sinonimo di debolezza”
Psicologo: Ansia e Attacchi di Panico e depressione…
Il primo mese di AdM a… ;-)
6 Commenti
  • Ciao, mmmm
    questo post è tanto vecchio e allo stesso tempo sono tanto scettico sulla efficacia di questi metodi.

    Tu ti chiederai, "allora perché sono sul tuo blog?" Perché anni fa ero convinto che potessero fare la differenza, poi la pratica mi ha portato su altre strade.

    Comunque restano dei metodi efficaci per desesibilizzarsi dalle proprie paure.

    Si, il senso è quello di accumulare situazioni di paura (se ricordo bene), metterle in un film e fare una sorta di "peggiore fantasia", portando all'estremo le paure. Puoi farlo anche "senza immagini" ma se la cosa ti disturba troppo, fermati.

    Se i problemi che stai trattando sono molto pesanti, rivolgiti ad un professionista nella tua zona.

    Genna

  • Ciao non la ho capita molto bene. Devo immaginare 5 situazioni dove ero terrorizzata e poi metterle tutte in un film senza che però abbiano senso fra loro? La mia immaginazione fa fatica a immaginare così senza un senso. Devo forse immaginare come se fossi davanti ad un DVD che mando avanti le varie sezioni, quindi le 5 paure? Grazie

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Marcello,

    e grazie per il
    contributo..

    Genna

  • Salve,
    Gennaro questi esercizi sono veramente di grosso aiuto per migliorare la propria situazione. Questo in particolare può essere utilizzato per uscire dalla zona di confort e per porsi reattivo al problema. E’ noto infatti che il primo passo per la soluzione del problema è in un certo senso nel non giustificare il problema stesso.
    Farlo crescere di intensità , rendere un problema insopportabile aiuta la soluzione dello stesso.
    Mi piace moltissimo la presenza di queste registrazioni.
    Complimenti e grazie
    Marcello Annunziata

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Angela,

    bene, il tuo è lo spirito giusto per un continuo miglioramento…

    Grazie per la tua testimonianza…

    Genna

  • grazie per questo esercizio e per tutte le altre lezioni, e tutto molto interessante ed attinente al presente.
    il mio scopo e migliorare la mia vita ed il mio stato d’animo (ho gia fatto passi avanti) con voi ne faro ancora di migliori.
    apena sono a posto con il pc e saro equipaggiata con teleanera e microfono parleremo un po su skipe.
    saluti da angela

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK