Rapport: come i movimenti sincroni possono aumentarlo…

Ciao,

ti ricordi del post estivo su Samuel? Ti raccontavo di comela nota band come i Subsonica si servano di tecniche psicologiche per migliorare il loro “rapport” sul palco.

E di poco fa una conferma sperimentale proprio su unesercizio simile basato sulla sincronicità dei movimentie sul conseguente miglioramento delle prestazionilegate alla cooperatività. Se ricordi c’è un articolosulla comunicazione non verbale che già prevedevaquanto stai per scoprire…

La ricerca è stata condotta alla Stanford University inCalifornia e pubblicata su “psychological Science”…Scott Wiltermuth e col. hanno esaminato ben 96volontari….suddivisi in 4 gruppi differenti…

…tranquillo ti assicuro che i risvolti di questo esperimentoti saranno di enorme aiuto…soprattutto se ti occupi dipsicologia e di sviluppo personale…per cui ti invito aleggere tutto sino in fondo 😉

ad ognuno dei gruppi è stato assegnato un compitopreciso, il brano scelto è stato l’inno canadese perevitare che vi fossero somiglianze culturali fra ipartecipanti (erano tutti statunitensi):

Gruppo 1: Ascoltare il brano in cuffia e canticchiarlo avoce bassa…

Gruppo 2: Cantare tutti insieme…

Gruppo 3: ascoltare in cuffia versioni diverse…eballare di conseguenza cose differenti…

Gruppo 4: Cantare e ballare tutti insieme…

Dopo tutti i 96 partecipanti sono stati invitati a compilareun questionario e a partecipare ad un gioco di gruppovolto a misurare le aspettative di cooperazione.

I risultati sono stati insindacabili, coloro che avevanopartecipato ai “compiti sincroni” cooperavano di piùe si fidavano maggiormente dei loro compagni…nonostante li conoscessero appena.

Gli autori hanno avanzato l’ipotesi che, marce e paratesono utilizzati dai governi (in special modo quelli acarattere totalitario) per aumentare l’affiliazione el’obbedienza… una specie di manipolazione mentale…

invece la mia modesta opinione è che sia possibileutilizzare questi dati per migliorare le prestazioniin differenti ambiti e in modo moltoproduttivo:

– Nella musica, vedi l’esempio dei Subsonica…

– Nello sport…in modo particolare per affiatare lasquadra, e soprattutto i nuovi giocatori.

– Nelle scuole per creare gruppi di studio sani;cosa sempre più rara nella nostra scuola italiana

– Nelle aziende per un migliore Team Building eper aumentare l’affinità fra capi e subordinati;

– In campo relazionale: come ad esempio nellefamiglie resistenti o fra coniugi che voglionoaumentare le loro affinità;

Concludendo ti sarai reso conto di quanto possanoessere utili alcuni dati derivanti dalla ricerca chespesso viene avvertita come sterile…bastaguardarla dall’angolazione giusta 😉

Quando mi fu raccontata la “tecnica dei Subsonica”non avevo dubbi sulla sua efficacia, tuttavia daricercatore…mi piace essere al corrente che ci sianodelle ricerche sperimentali che danno un sostegnoalla esperienza empirica.

Ti è piaciuto il post? allora lasciami un commento ese non lo hai ancora fatto iscriviti ai miei feed.

A prestoGenna

Ps. Questa tecnica potrebbe essere di aiuto ai bambini(e non s0lo) che hanno subito il “trauma” del terremotoin Abruzzo

Magari organizzando dei giochi dove adulti e bambinisvolgono movimenti sincroni… questo aumenterebbe la”sensazione di sostegno” ed il conseguente miglioramentopsicologico…per attutire i danni della fase traumatologicadella “disillusione”…

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
A scuola di Ipnosi Vol.5: Causa ed Effetto ed Equivalenza Complessa
Psicologia: “illusioni ottiche e gli psicologi ingenui”
PNL: “il modello linguistico più potente al mondo ;-)”
Sviluppo Personale: un “atto psicomagico” il Battesimo..

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK