Empatia e Rapport: “Assomigli al tuo partner?”

Ciao,

uno studio particolare dimostra che, persone che vivonoinsieme per diverso tempo tendono ad assomigliarsi.Cioè proprio fisicamente i tratti del viso cambianodurante gli anni, facendo diventare le persone piùsimili fra loro.

Lo studio è stato condotto dal Prof. Robert Zajonc, notopsicologo in questo modo: 110 soggetti sono stati invitatia visionare alcune foto di uomini e donne prima anno dimatrimonio e dopo 25 anni di vita coniugale.

Poi ai soggetti è stato chiesto di individuare le coppie chesi assomigliassero maggiormente. Ed dalle scelte fatte siè evidenziato che le coppie che sono sposate da almeno25 anni, hanno il viso molto simile.

Questo risultato è stato confermato anche attraversotutta una serie di test effettuati con gruppi dicontrollo…il verdetto è sempre lo stesso: persone chevivono insieme tendono ad avere connotati simili.

Ma perché succede questo?

1) Il set di neuroni specchio ti porta ad assumere leemozioni delle altre persone…e questo porta anche adassumere le loro stesse espressioni…a lungo andare, ivisi assumono espressioni e tratti simili.

2) Dieta: chi vive da cinquanta anni insieme ha, quasicertamente un’alimentazione simile..e questo puòdeterminare una struttura simile…

3) Ambiente: vivere 25 anni insieme comporta esseresotto gli stessi fenomeni atmosferici, fisici e chimici.Senza contare la probabile e comune provenienzageografica…e altri fattori socio-economici rilevanti.

Questa ricerca “bizzarra” è l’ennesima riprova di comele persone che frequenti…possono cambiarti…e quindipenso che sia utile circondarsi di persone positive chepossono darti modo di sbocciare come”tu ritieni più giusto”;-) …

Come sfruttare questa ricerca per aumentare latua abilità nel creare rapport?

Quando sei in giro, in viaggio o a passeggio…cerca di capirese le persone che vedi insieme si assomigliano. Faicongetture di diverso tipo basandoti solo sul loroaspetto…questo ti renderà più abile nella sottilearte della calibrazione 😉

Tieni a mente che, come già detto negli studi sullacomunicazione non verbale, il viso è una delle parti delcorpo da cui “escono più informazioni” sul tuo statointeriore…

Se stai frequentando delle persone che non ti piacciono eche sei costretto da qualche strano “principio di coerenza afrequentare” mollale 😉 stari psicologicamente efisicamente meglio…

…questa avvertenza non vale solo se sei adolescente osei in cerca di un gruppo con cui “stare”…il mondo è zeppodi persone…quelle che taglia i ponti con chi non titratta come si deve 😉

Tu cosa ne pensi? lascia un commento qui sottoe se non lo hai ancora fatto, iscriviti ai miei feed rss.

A prestoGenna

Ps. presto altri post dedicati a ricerche “bizzarre” mamolto interessanti come questa 😉

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Derren Brown e la PNL
Comunicazione non verbale: ottenere rapport…3 modalità sperimentali…
Comunicazione Efficace: Chi domanda…comanda?
PNL: “dimostrazione dal vivo di Richard Bandler…come superare le brutte memorie”
4 Commenti
  • Cesare Fruttidigelso
    Rispondi

    una domanda: secondo te funziona anche tra uomo e cane? Ovvero, stando col cane l’uomo ne acquisisce i comportamenti… diventa un poco cane pure lui???

    • Ciao Cesare,
      secondo me si anche se non credo ci siano studi del genere. Di solito però sono i cani che prendono i difetti dall’uomo e noi, se il cielo ci aiuta, prendiamo i pregi dell’animale.

      Io sono un po’ gatto ormai 😀

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Remo,

    ottimo approfondimento..come avrai notato cerco sempre di seguire un qualche filone di studi e ricerche…

    se ne hai a disposizione mi faresti un gran piacere ad inviarmele in privao (genna78@gmail.com)…oppure se vuoi puoi postarli qui fra i commenti.

    Sono alla ricerca di ricerche sperimentali “serie”…mi raccomando ;-D

    Grazie per il tuo
    contributo

    Genna

  • Ciao Genna,
    Esiste una disciplina chiamata Morfopsicologia, studiata in francia a livello universitario, studia le forme del volto associate al carattere, una forma di fisiognomica ma molto più evoluta e rispettosa dell’individuo, essa sostiene come hai citato tu nel post che emozioni ed ambiente influenzano la forma del volto, per esempio se il tuo umore costante per anni è negativo probabilmente gli angoli della bocca tenderanno ad abbassarsi provocando le cosidette pieghe dell’amarezza ecc…
    è una disciplina interessante ma ancora un’pò interpretativa, in italia esiste una scuola a milano che ti forma con un percorso triennale, dopo il quale viene rilasciato un diploma, che io ho conseguito nel 2000.
    Grazie a Presto Remo

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK