Richard Bandler: “Audio-Esercizio Anti-Ansia” ;-)

Ciao,

stai seguendo la “saga” della traduzione non ufficiale delloultimo libro di Richard Bandler? Prendendo gli esercizipiù belli ed interessanti di “Get the Life You Want”stanno nascendo tante chicche interessanti 😉

Ecco l’Audio-Esercizio…clicca sul tasto play per ascoltare:

Oggi vediamo le sensazioni…e in modo particolare di quelloche può essere considerato uno “swish kenestesico”. Mispiego meglio: in PNL una delle tecniche più note èlo Swish Pattern…

in altre parole si tratta di modificare una immaginementale (solitamente quella che non vuoi più) con un’altra(come vorresti che fossero le cose)…

La stessa cosa è possibile farla con ogni modalità(per modalità s’intendono i sensi con cui elabori larealtà)…ma conoscendo il livello di preparazionedi chi mi segue…queste cose le conoscevigià tutte;-)

Questo è stato studiato in modo approfondito dagliAndreas…nel caso specifico dell’esercizio che haiascoltato, si tratta di un mix fra kenestesico evisivo, perchè c’è anche il colore della freccia daswishare (cioè cambiare).

La mia opinione è che le sensazioni si trovino ad unprimo vero e proprio livello di elaborazione è per questomotivo sono più potenti…diversi studi sulle induzioni ipnotiche lo hanno sperimentalmenteprovato.

In pratica per schematizzare al meglio come puoiutilizzare lo swish kenestesico ecco 3 Step:

1) Riaccedi alla emozione/sensazione che vuoicambiare e/o migliorare….

2) Senti da dove parte e dove arriva, nota che puoi”immaginare” che circolino in una precisa direzioneche (solitamente) forma un cerchio…

3) Immagina di “tirare fuori dal tuo corpo il cerchio”e di ribaltarlo…cioè di fargli cambiare direzione dellarotazione…

Se vuoi, come nell’audio-esercizio, puoi associare al”circolo” un colore per poi modificarlo nello stessomomento in cui cambi la direzione di rotazione.

Infine, puoi divertirti ad utilizzarlo anche per aumentarele sensazioni “buone” che già possiedi, facendo girarecon più forza ed intensità le sensazioni che già cisono SENZA “girarle”;-)

Ti è piaciuto l’esercizio? lo conoscevi già? fammisapere la tua opinione scrivendo un commento quisotto…e se non lo hai ancora fatto iscriviti ai mieifeed rss.

A prestoGenna

Ps. Oggi è l’ultimo giorno per entrare e provare gratisper 15 .gg l’ Accademia dei Miglioramenti…vedi tu 😉

Ecco gli altri “Audio-Esercizi” pubblicati:

1 PNL: Certificazioni… …2 Audio imperdibili 😉2 Richard Bandler: “esercizio anti-stronzi” 😉3 Richard Bandler: la time line e il tempo nella PNL…4 “Ho tanta paura da sbellicarmi”…esercizio di PNL5 “Esercizio Anti-Ansia” …6 “Esercizio PNL convinzioni”7 “Esercizio Anti-Panico…esagerare…”8 “Esercizio per la Distorsione Temporale”9 “La Cura Veloce delle Fobie”10 “Come l’ Auto-Suggestione…“11 Cambiare lo “stato d’animo”…12 Dimenticare l’amore

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Ipnosi: video interviste…e audio…dalla Milton Erickson Foundation
Basi della PNL: “Le ancore” Vol.3
Musica per la tua crescita personale: intervista allo Psicologo del Rock!
Non verbale: Il Vero Potere del Sorriso :))
13 Commenti
  • Genna…mi sa che con questo esercizio ho fatto danno! Mi spiego: dopo averlo fatto a casa l'ho poi proposto a diverse persone, ma ad una di queste che non riusciva a sentire dove circolasse nel suo corpo quell'emozione legata ad un ricordo sereno gli ho detto…"beh…allora immagina una sensazione che ti riesce semplice percepire o immaginare"…lo ha fatto chiudendo gli occhi e ha fatto una faccia come se stesse provando un dolore (tant'e' che una delle parti dove percepiva questa emozione era lo stomaco…dicendo di sentire un vuoto)….subito dopo l'esercizio ha iniziato a parlarmi delle sue preoccupazioni e di altro…purtroppo siamo stati interrotti da altri nostri amici..e lui mi era sembrato piuttosto turbato per tutto il tempo….la mia domanda e' esistono dele precauzioni da prendere prima di fare questo esercizio ( oltre al buon senso)? Anche perche' giusto ad un'altra ragazza a cui ho fatto fare lo stesso esercizio e che mi aveva detto" mi sta andando tutto bene wow!" le ho detto "dove senti questa sensazione…ecc ecc…" ed e' finita con "sappi che ti sto odiando" me lo diceva sorridendo…ma era piuttosto infastidita. Ad onor del vero sono solo 2 persone su 6 a cui lo ho fatto fare e con cui e' andato tutto bene ed ha funzionato a dovere 🙂

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Seven,
    dipende dalla sua intensità, vedi l'ansia la proviamo tutti perchè a certi livelli è tranquilla…ma a volte le nostre esperienze passate e presenti posso alterare questo sistema in modo molto intenso.

    L'auto aiuto è grandioso per un sacco di cose, ma quando l'ansia diventa una vera e propria palla al piede, è più facile uscirne attraverso un percorso con un professionista.

    Ovviamente so che non tutti hanno la voglia, il coraggio e la disponibilità per farlo…per questo puoi aiutarti moltissimo da solo, seguendo i consigli del mio blog e quelli che puoi trovare all'interno dei siti e libri del settore.

    Ma se dopo tanti esercizi e pratica (che ti consiglio di prendere da libri e siti che citano le fonti…evitando d'iscriverti a corsi costosi pensando che possano fare qualche miracolo) non vedi risultati, allora è proprio il caso di cercare un professionista.

    Il mio consiglio è uno psicologo che abbia una specializzazione in psicoterapia. Piuttosto che un medico psicoterapeuta o psichiatra… perchè la psicoterapia moderna può risolvere i problemi legati all'ansia in modo rapido ed efficace.

    Per rapido intendo una decina di sedute, e non anni di incontri multipli settimanali.

    E' la ricerca ha provato che le terapie psicologiche siano efficaci quanto i farmaci e che abbiano un minor rischio di ricadute.

    Applica pure i miei esercizi…hanno aiutato tante persone 😉 e
    fammi sapere
    Genna

  • Ciao Genna, sono l'anonimo dell'ultimo commento, grazie per la tua pronta risposta, ho riprovato a fare l'esercizio, questa volta il calore si è spostato nello stomaco, ed era meno intenso, non ho avvertito paura anzi, mi sono sentito bene dopo un pò, pensi che la mia ansia, se ripeto ogni giorno l'esercizio, cesserà di esistere? grazie!

    seven

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Anonimo, è una reazione normale
    fallo con calma è vedrai che potrà alleviarla.

  • Ciao genna, grazie per il tuo sito , molto utile , ho fatto l'esercizio è successo che quando ho dovuto invertire la rotta della freccia blu mi è salito un forte calore in faccia e mi sono messo paura, cioè è aumentato il mio stato di ansia, è normale? grazie mille

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao "anonimo" 😉

    il colore rosso è quello che emerge spesso durante queste prove ma non deve essere per forza quello…

    …mi spiego meglio: il modo miglore è quello di notare secondo te di che colore è la sensazione negativa. Potresti vederla di qualsiasi colore…per poi cambiarla verso il colore che tu preferisci.

    Fatto in questo modo non c'è nessun pericolo di associare le sensazioni a quel colore.

    grazie per la domanda

  • ciao Genna!
    innanzi tutto apprezzo molto il laovoro che fai in questo blog, che trovo di grande valore.
    Avrei un dubbio a proposito di questo esercizio ed è il seguente:
    il fatto di visualizzare e associare il colore rosso ad una sensazione negativa non potrebbe influenzare il nostro stato mentale alla vista o al solo pensiero di questo colore.
    Mi spiego meglio con un esempio che potrebbe sembrare banale:
    dopo aver fatto l' esercizio più volte,tra una settimana la vista di una macchina rossa, un braccialetto rosso, ecc.. potrebbe influenzare le mie sensazioni? grazie

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Grazie Mille
    Catia…mi impegno molto affinchè gli esercizi vengano bene 😉

    Continua a seguirmi…
    Genna

  • Divertenti e interessanti a tal punto, da far riflettere.
    Complimenti davvero Gennaro, perchè con il tono della tua voce così positivo gli esercizi hanno un effetto maggiore!

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Roland,

    effettivamente era un bel titolo “anti-ansia”…ma come sai bene è possibile farci ben altro con questa “semplice” tecnica…

    La ristrutturazione (con annessi e connessi) è una delle metodologie più potenti modellate dalla Gestalt… Ma il cambiamento che si ottiene è decisamente più “profondo” (passami la metafora)…

    Grazie Roland i tuoi contributi sono fra quelli che apprezzo di più;-)

    Genna

  • Roland Delvecchio
    Rispondi

    Ciao Genna,
    Si, conoscevo l’esercizio e comunque ho voluto ripeterlo per premiare le tue ottime indicazioni e riportare quì il mio esito…ma poi mi sono reso conto di non riuscire ad accedere ad alcun stato di ansia, e questo perchè ho da tempo incaricato una parte di me di occuparsi di controllare gli stati emotivi che si presentano per concedere spazio solo a quelli utili all’ocorrenza e necessariamente potenzianti. Così – la parte- non mi ha concesso di farmi assalire dall’ansia per fare l’esercizio.

    Ma tutto questo vuol confermare la potenza e l’efficacia di questi esercizi proposti da Bandler
    – che a molte persone possono sembrare banali e criticabili –

    Infatti quello che mi ha permesso di controllare gli stati negativi è sempre di richard, preso dal giallone “la ristrutturazione”, al capitolo sulla creazione di una nuova parte.
    E a quanto pare funziona.

    Ciao Genna. Oggi ho riletto tutti gli articoli che mi ero lasciato scappare i giorni scorsi e li commento con una sola parola:
    Sei un grande!

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Certo che puoi…anzi devi 😉

    ricorda di fargli stimare da 1 a 10…prima e dopo…poi raccogli i dati e inviameli ;-))

    Genna

  • Oooottimo Genna!
    Gran bell’esercizio, questo.. A me è servito per un esame, mi sa che lo proporrò a qualche mio studente troppo ansioso, posso?
    Ciao!
    Andrea

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK