PNL: esperienza completa per la creatività

Ciao,

hai presente che cosa significa una “esperienza completa”in PNL? Vuol dire quando, un determinato evento che ricordi è composto (o è ricordato) da tutti i tuoi sensi contemporaneamente.

Secondo la PNL, quando ripensi a qualcosa che ti è accaduto non fai altro che ri-accedere ad un “cassetto”mentale dove sono contenuti i suoni, le immagini e le sensazioni legate a quell’evento…

Quando ripensi ad un determinato evento e lo fai coinvolgendo più sensi entri in uno stato di leggera trance…simile alla “comune trance quotidiana“,vai un attimo a dargli un’occhiata prima di proseguire con la lettura.

Sei andato? No? coraggio dai una letta a quel post altrimenti i termini che utilizzerò da qui in avanti potrebbero risultarti difficili..ma anche no.

Lo stato ipnagogico che si viene ad instaurare quando pensi con più sensi è reale e documentato in differenti studi dedicati alla creatività…

Ma quale può essere l’esperienza creativa che ha in sè il maggior numero di sensi coinvolti?quando pongo questa domanda nei corsi mi rispondono sempre in modi “pseudo-folle-artistici”.

“La pittura…astratta…la scultura futurista…ecc.”Nessuna di queste…per me l’arte più completa di tutte, dal punto di vista sensoriale è in assoluto la….

…la cucina, esattamente, quando cucini vedi la combinazione di colori, ascolti lo sfrigolio o la croccantezza delle pietanze, percepisci la temperatura, gli odori e soprattutto i sapori di quello che hai creato. VAKOG completa:

V= VisivoA= AuditivoK= Kesetesico O= OlfattivoG= Gusto

Si potrebbe azzardare dicendo che la cucina è l’arte più completa al mondo…e per essere un pizzico metafisici: quella cosa che hai cucinato la mangi e diventa un po’ parte di te e del tuo spirito 😉

Una piccola precisazione sullo stato di coscienza e la concezione della PNL: non credo assolutamente che nella mente ci sia un VAKOG di esperienze.

Infatti la concezione che quello che percepisci entra”così come è” nella tua mente è stata clamorosamentesmontata da una valanga di studi sperimentali.Quello che ti cito più spesso sono la mole di studi sulla testimonianza oculare della Loftus

Tuttavia, la classificazione della PNL dei sistemi REPè un’ottima metafora operativa che funziona. E quando mixi insieme più sensi permetti alla mente di entrare in uno stato modificato di coscienza utile a “stuzzicare”le tue risorse inconsce.

Anche nelle pratiche della meditazione si parla spesso di praticarla mentre si cucina…ricordi il post in cui ti ho parlato del Mindfullness? Clicca qui per leggerlo ed ascoltarlo 😉

La cucina è solo una piccola intuizione avuta in questi anni di studi sugli stati di coscienza e sullo sviluppo delle potenzialità correlate.

Come la vedi questa “ipotesi della cucina”? lasciami un tuo contributo scrivendo qui sotto fra i commenti…e se non lo hai ancora fatto iscriviti ai miei Feed.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Intelligenza: la teoria delle intelligenze multiple…e la PNL…
PNL: come raggiungere il cambiamento desiderato
PNL: Integrazione delle parti…”in tutte le salse” ;-)
Basi della PNL: “le sottomodalità Vol. 2”
Richard Bandler: Get The Life You Want…ci sono cascato ancora ;-)
La PNL è una bufala?
Certificazioni e Competenze
PNL: “usare la time-line per generare nuove scelte”

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK