Mindfulness: approcci psicologici alla “compassione” e Jon Kabat-Zinn

Ciao,

ti ricordi l’ultimo post dedicato alle differenze fra ipnosie meditazione? li abbiamo parlato della “nuova tecnica”del Mindfulness…ovvero una pratica meditativa millenaria portata ai giorni nostri.

La pratica mindfulness è la capacità di portare la propria attenzione in modo volontario su qualcosa…osservarla arrestando il giudizio e osservandola come se fossi uno”spettatore esterno”. Qualcosa di molto simile alla dissociazione visiva della PNL…ma fatta con ogni pensiero e sensazione…

Il ricercatore che ha portato questa pratica in auge è sicuramente il Prof. Jon Kabat-Zinn…che puoi vedereall’opera qui sotto in un video di oltre 1 ora :-O

Quando apprendi come “fermare” il pensiero attraverso l’assorbimento in una qualche attività, si ricevono diversi benefici. Fra questi i più rilevanti a livello psicologico sonotutti legati alla prevenzione e alla riabilitazioni di”psicopatologie” (ansia, depressione, compulsione).

Negli ultimi 5/6 anni l’interesse per le forme di meditazionenella pratica clinica hanno portato l’attenzione un sentimentomolto poco considerato nella letteratura occidentale:”la compassione”.

Gilbert e Irons (2005) hanno sperimentato questa formadi Mindfullness nella depressione. Arrivando alla, semplice ma efficace conclusione, che la depressione derivi da un”deficit di compassione”. Questo “deficit” renderebbe le persone esageratamente autocritiche…

Nella tradizione buddhista la compassione nasce dallameditazione “metta” (gentilezza amorevole)…questapermette l’emergere di uno stato di coscienza di pacee gentilezza…di amore incondizionato verso tutto.

Visto così il ragionamento “terapeutico” è semplicissimo:con una sensazione di amore e pace nel cuore, come è possibile essere angosciati dalle proprie “seghe mentali”?(mi perdoni il pubblico del Prof. Giacobbe se prendo inprestito il suo termine tecnico ;-))

La risposta è semplice: entrambi i sentimenti faticano acoesistere. Per questo motivo praticare la meditazione permette “desensibilizzarsi” verso i “pensieri negativi”,per riuscirli a vedere in modo distaccato e non giudicante.

Lo stesso Goleman, il professore che ha reso famosa e soprattutto utilizzabile…l’intelligenza emotiva, ha detto:

” Sebbene sia stata per lo più ignorata dalla psicologia clinica occidentale, nella tradizione orientale la nozione di compassione è stata invece intesa come meccanismo centrale nel processo di liberazione della mente dal potere distruttivo di emozioni quali rabbia, paura, invidia e vendetta (Goleman 2003). ”

Il Mindfulness, dal mio punto di vista non è altro che una tecnica orientale per creare uno stato di coscienza modificato che permetta il distacco dal proprio sè…una dissociazione. Gli studi sulla meditazione vipassana hanno attratto un gran numero di ricerche che hanno provato che “mescolandola”con la terapia cognitivo-comportamentale e in generale con ogni forma di intervento, può portare grossi vantaggi.

Se l’argomento ti piace…mi riprometto di approfondirlo.
Fammi sapere la tua scrivendomi un commento qui sotto.

Aggiornamento 2015: 

Sono passati già 6 anni da questo post, ed è da qui che è iniziata la scoperta della mindfulness e della pratica di consapevolezza. Clicca qui per saperne di più. Da questo post, dopo anni di pratiche differenti, ho iniziato la mia pratica quotidiana di consapevolezza ed oggi penso sia uno degli strumenti di crescita personale più importanti in assoluto!

A presto
Genna

 

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Come “guardarsi dentro senza diventare ciechi”
Meditazione Olistica Guidata
Dolore e Meditazione: Usare la mindfulness per il mal di schiena… e non solo…
Come diventare davvero Se stessi… con la meditazione!
10 Commenti
  • Ciao Armando,
    si giusto…almeno per me è così. Ti consiglio due libri:

    – Minfdulness "oltre il pensiero attraverso il pensiero"

    – "Qui e Ora" R. Siegel

  • ARMANDO LAVANNAR
    Rispondi

    Salve, quale libro devo iniziare a leggere per imparare a meditare la meditazione vippasanà o mindfunless?
    Leggendo i vostri post sono giunto alla conclusione che sono i metodi migliori per concentrarsi su ciò che si vuole giusto?

  • Ciao Gianpaolo,
    esattamente la pratica… potrei provare a spiegare ad un ragazzo di 14 anni come si guida la macchina, anche nei minimi dettagli …ma ore ed ore di studio non sostituirebbero neanche un quarto d'ora di pratica, seduto su di una macchina vera:)

    A dire il vero dovrei aggiornare questi due post, perché le mie idee sono leggermente cambiate, ma solo leggermente per ora 😉

    Grazie

  • Scusami Gennaro,
    volevo aggiungere che su ipnosi e meditazione ho letto il tuo post: Ipnosi e meditazione: differenze e similitudini …per quanto possibile 😉 ma ancora qualcosa non mi torna.
    Forse è la pratica a mancarmi? Certe cose si capiscono solo con quella ?

  • Ciao Gennaro,
    intanto colgo l'occasione del mio primo commento per farti i complimenti per la grande qualità del tuo blog.
    Volevo chiederti quali sono le affinità fra la Mindfulness e l'ipnosi e l'autoipnosi ? Ho visto che hai scritto in un post che per te sono in fondo la stessa cosa, ma a me, da neofita, sembrano due cose abbastanza diverse.
    Grazie mille se avrai modo di rispondere.

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao "cavaliere oscuro",

    fai una ricerca usando il motore che vedi in alto a destra nel blog usando prima la parola "mindfulness" e poi "meditazione"…troverai "tanto pane per i tuoi denti" 😉

    C'è poco da capire…bisogna praticare 😉 Se guardi l'articolo di oggi è dedicato proprio a questo…

    Genna

  • Ciao,

    mi interesserebbe sapere di più sulla pratica della Mindfulness…

    Grazie e Ciao.

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Giorgia,
    sono totalmente d'accordo…nessuno è detentore della verità assoluta..esistono sicuramente vie nuove ed alternative.

    Grazie
    Genna

  • Ho scoperto Jon Kabat Zinn da poco. Devo dire che nonostante abbia una formazione diversa lo trovo molto interessante. D'altra parte credo molto nella necessità di trovare soluzioni, modi di lavorare eclettici. Non esistono soluzioni uniche valide per tutti. Complimenti per l'articolo!

  • good start

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK