Meditazione e Rilassamento: Bruce Lipton e la crescita personale…

Ciao,

ti ricordi quando abbiamo parlato di Bruce Liptone della Biologia delle credenze? Ieri, mentre ero a casa ho deciso di metterlo in sottofondo…

Il Dvd è bellissimo…e ringrazio pubblicamente Carmelo per avermelo prestato (prima o poi torna a Canicattì Nel frattempo l’ho trovato integrale postato da qualche pazzo…almeno puoi rivedertelo 😉

Aggiornamento: purtroppo la versione in italiano è stata tolta da Youtube… ne ho trovata un’altra ma è in inglese. Ragazzi bisogna impararlo 😉

Nonostante ci si possa scrivere un intero blog e centinaia di libri sulle cose meravigliose che mostra…oggi voglio mettere in evidenza un”solo” aspetto…

Lipton racconta di aver preso una cultura di cellule…averla divisa in due sotto-culture ed averle sottoposte a stimoli differenti. (per comodità li chiamerò A e B).

Il gruppo A viene sottoposto (gli viene messo vicino) alcune sostanze nutrienti. Mentre il gruppo B viene messo a contatto con delle sostanze tossiche.

Dopo un po’ di tempo le cellule del gruppo A si sono spostate in direzione delle sostanze…e il gruppo B ha fatto esattamente l’opposto…

Questo, secondo lo scienziato, indica che gli organismi hanno un innata capacità di andare verso situazioni che permettono la crescita e sfuggire da quelle nocive. (questo ricorda molto il verso- via da- della PNL)…

Quando sei in pericolo o credi di esserlo, il tuo asse ipotalamo-ipofisi-surrene…fa scattare una cascata di sostanze per attivare il tuo corpo per combattere o fuggire….

Tralasciando tutto l’aspetto neurofisiologico che, se conosci la PNEI saprai a menadito…voglio portare la tua attenzione sullo spostamento del sangue all’interno del corpo.

Quando si attiva la reazione attacco-fuga del sistema simpatico…il sangue si sposta nelle bracciae nelle gambe…questo, appunto per avere gli arti pronti a un qualsiasi evento.

Ma dove era prima il sangue?

Era nei visceri…e permetteva agli organi di crescere e riprodursi, mentre la reazione attacco-fuga fal ‘esatto opposto, privando gli organi più importanti della loro “dose di sangue”.

Forse stai pensando…”ma genna è tutto molto bello ma cosa c’entra questo con il tuo lavoro?”…

Semplice: voglio solo sottolineare che, quando ti rilassi e apprendi come avere maggiore controllo su te stesso…magari leggendo quotidianamente il mio blog o frequentando corsi di sviluppo personale;-)….

…non ti stai semplicemente migliorando…ma stai letteralmente facendo crescere te stesso…permettendo a tutte le tue funzioni neurofisiologiche di essere bilanciate…(non solo a livello cerebrale).

Attualmente i miei interessi si stanno spostando verso gli esercizi di consapevolezza o detto in altro modo sulla meditazione, anch’essa con un profondo effetto sulla trascrizione genica!

Il passaggio dal sistema simpatico (attacco-fuga) a quello parasimpatico (crescita e riproduzione) è unabilancia…che continua a fare avanti e indietro durante tutto il giorno.

E’ chiaro che, più tempo passi nel “piatto della bilancia”dedicato alla crescita…e meglio è per la tua salute.Ma come è possibile farlo?

I Metodi sono molti, ma quello universalmente piùtestato è sicuramente il RILASSAMENTO! quindi la capacità di entrare in uno stato “meditativo” che tipermetta di “staccare i moduli della mente” e rilasciare il famoso asse talamo-cortio-surrene.

 

Fammi sapere che cosa ne pensi lasciano un commento!

A presto
Genna

Iscriviti ai Feed di PsiNeL…

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
PNL: “La Nostalgia come Risorsa interiore”
Comunicazione non verbale: il transfert e gli errori di interpretazione
Psicologia: “..terrone sei meno intelligente di me..”
Ipnosi: “Derren Brown induce a rubare” …
1 Commento

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK