Comunicazione non verbale: vuoi svelare le bugie?

Ciao,

quasi tutte le persone che iniziano a studiare la comunicazione non verbale e tutte le discipline che vi orbitano intorno vogliono sapere la stessa cosa:

è davvero possibile smascherare le bugie?

Così se leggi un libro di PNL vieni subito a conoscenza degli indizi non verbali e se qualcuno guarda in basso a sinistra ecco che mente… ecc… Ma se fosse così semplice non pensi che le forze dell’ordine lo utilizzerebbero come prova in tribunale?

Se segui la ricerca in psicologia sai che è “difficile smascherare le bugie“, senza determinati apparecchi, come la macchina della verità o l’ultima diavoleria di imegery inventata proprio qui a Padova dal Prof. Sartori)…

Aldert Vrij e colleghi hanno studiato l’argomento in profondità…collaborando direttamente con le forze dell’ordine inglesi…ecco 3 miti e 6 fatto riprovati scaturiti dalla loro ricerche…

 

3 falsi miti sulla rivelazione delle bugie:

 

1- Quando le persone mentono non si agitano e guardano altrove. Questo è ancora presente fra i manuali di polizia :-O

2- Altri fattori come: diminuito ammiccamento,più pause nell’eloquio, pupille dilatate e mento rialzato…non indicano necessariamente che si stia mentendo.

3- Che sia particolarmente difficile “sgamare” le bugie di chi ci sta accanto, come partenti e partner.

(non sono completamente d’accordo con il terzo punto…perché credo che a volte “i sentimenti”possano davvero renderci ciechi…)

 

6 Super Fattori derivanti dalla ricerca psicologica per “svelare le bugie”

 

1- Le differenze individuali sono la chiave: In alcune persone i comportamenti sembrano più onesti ed in altre succede il contrario in base al contesto e alla personalità.

Il segreto è fare una comparazione, osservando quale è il comportamento quando ti dice un’assoluta verità…da quando ti dice una bugia.

 

2- Micro Espressioni: esistono delle differenze nelle micro- espressioni del viso quando si mente.E’ difficile individuarle ma è possibile allenarsinel farlo.

 

3- Le inflessioni vocali sono fondamentali: ci sono evidenze che provano che la voce sia l’indice principale delle bugie. A differenza degli occhi che sono “relativamente semplici da controllare”…

 

4- Punta sull’intuito: esistono molte prove sulla affidabilità del proprio intuito. E’ più semplice rilevare le bugie attraverso una “attenzione” inconscia che non con quella conscia.

 

5- Mentire è un lavoro duro: gli psicologi concordano nel affermare che, dire bugie, è unodei compiti più impegnativi. Per cui, aumentare lapressione (proprio come nei film) aumenta lapossibilità di sgamare il bugiardo 😉

 

6 – Fai dire le cose a ritroso: pare che far commentare a ritroso le storie…sia il modo migliore per smascherare le bugie.

 

Esco per un secondo dal “trip sperimentale” di questi bellissimi studi sulla comunicazione non verbale, per darti una mia opinione:

Tutti mentiamo, diciamo bugie agli altri e a noi stessi, per questo, nella mia breve esperienza”di vita”…ti consiglio di evitare di cercare di smascherare le bugie altrui al solo”scopo di farlo”…

…immagina se tu potessi leggere nella mente delle persone…ti piacerebbe? ammetto che sarebbe affascinante…ma dopo poco sono certo toglierebbe tutto il divertimento e ti porterebbe alla pura paranoia 😉 Fidarsi è sempre meglio!

Fammi sapere la tua opinione lasciandomi un commento qui sotto…

A presto
Genna

 

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Comunicazione non verbale: “intervista al dott. Francesco Di Fant dalla pupa e il secchione” ;-)
Comunicazione non Verbale: “Sbatti le palpebre perchè sei creativo?”
Comunicazione non verbale: 5 consigli per “guardare negli occhi”
Comunicazione non verbale: 6 “gesti” per comunicare con chiarezza
6 Commenti
  • Io ho notato che dire le bugie è una sorta di negazione della verità consapevolmente o inconsapevolmente. Conosco persone che vivono delle bugie ma piuttosto mentono se stessi che gli altri, forse per mascherare le loro debolezze e incapacità nella vita di ammettere i propri errori e sbagli oppure i propri limiti.
    In fine, basta usare il buon senso o il proprio intuito, che uno se ne può rendere conto se l'altro dice una verità o una bugia.

  • grazie 🙂

  • Sei geniale!! questi sono davvero i punti chiave percir se una person mente! l'intuito, l'inflessione della voce, ma sptt l'intuito, anchequando il bugiardo ti dà della pazza, continua a mentire sulle bugie! sembrano indicazioni generiche, ma io che le ho sperimentate non posso che ammettere che sono precisissime!

  • Davvero bello questo post! peccato che capire quando uno mente sia così difficile e ci voglia tanta pratica per capirlo, però è anche vero che come dici tu si rischia poi di cadere in paranoia se ci si mette a osservare tutte le persone attorno a noi che mettono. Ciò non toglie che sia davvero affascinante il poter sapere vedere cose che agli altri passano inosservate 🙂

  • Ciao Andrea,

    eh…eh…magari inviale solo
    i primi 3 errori 😉

    Ottimo Andre…ti voglio così…commenta e partecipa così presto… farò conoscere uno dei miei più validi colleghi 😉

    Grazie
    Genna

  • Interessantissimo, ma ho cancellato comunque questo link da quelli che spedirò alla mia ragazza… non si sa mai!! eheh..

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK