Comunicazione non verbale: ottenere rapport…3 modalità sperimentali…

Ciao,

sono molti gli studi sullacomunicazione non verbaleche si sono dedicati al rapport…cioè alla capacità di entrarein relazione con un’altrapersona.

Qualche giorno fa ti raccontavo che gli studi hannoprovato che il mirroring (il rispecchiamento) non èuna via certa per creare rapport (se mi leggi losai già da un bel po;-)).

Ma che cosa “produce rapport” oltre allostra noto processo di ricalco-guida?La ricerca ha evidenziato alcuni aspetti interessantiper entrare in sintonia e creare rapport : Espressività, Coordinazione, Flusso (flow)…(Tickle-Degnen, 2006)

1 EspressivitàUno studio condotto da Tickle-Degnen (2006) hadimostrato che la parte del nostro corpo che è,maggiormente utile nel creare sintonia..è il viso…

Chi ha maggiori “abilità mimiche” è più bravo nelcreare rapport. Quindi l’espressività sarebbe unadelle modalità regie di creare rapport…

Gli studiosi hanno anche determinato che nonimporta la natura della emozione…ma piuttostoquello della relazione che si era venuta a creare…

…mi spiego meglio: se mostri emozioni negative(con il viso) le persone che non conosci raramentesi avvicineranno ed entreranno in sintonia con te.(a meno che tu non stia fisicamente male)…

…viceversa…se incontri un parente, il partner o un amico,ecco che l’espressione “negativa” fa scattare sintonianei tuoi confronti.

2 CoordinazioneQuesti studi sono estremamente “complessi e noiosi”da raccontare;-)…quindi sinteticamente: come dicevonello scorso post, la coordinazione ed il ritmo fra idiversi linguaggi del corpo mostrano la qualità dellarelazione fra due persone.

In modo specifico, negli studi effettuati da Tickle-Degnen (2006) hanno utilizzato il “ritmo” comefattore chiave: più le persone apparivano andare”a tempo” e più si era generato rapport.

3. Flusso (o Flow)Hai mai sentito parlare dello “stato di flusso”? èquel momento in cui sei completamente preso daquello che stai facendo…ed il tempo vola via velocee tu sei completamente assorto e concentrato…inpratica uno stato di trance tutto fuori ;-))

Csikszentmihalyi (1990) ha evidenziato, attraversouna serie di studi, che chi è nel “flusso”, ottiene ilrapport più velocemente. Gli studi sono moltointeressanti perchè prendono in considerazioneil contesto in cui avviene il processo.

Secondo lo studioso il flow si raggiunge quando si svolgeun compito complesso…ma che sei “capace a fare”.(cioè sei in grado di portare a termine il compito).

Da questa e da altre ricerche si è visto che il semplicepartecipare ad un “compito complesso” per duepersone…aiuta moltissimo nella creazione del rapport…(non a caso spesso i colleghi di lavoro si innamorano;-))

Pensa hai venditori scaltri di auto o di tecnologiache cosa fanno? “valutano insieme a te la proposta”e facendolo ti spingono in un “compito complesso”…

e al termine della trattativa…anche se ti hannobarbaramente fregato…il venditore è tuo amico;-)(questo soprattutto se il venditore è abbastanzafurbo da “dare la colpa” all’esterno”…tipo:

“…bisogna che facciamo due calcoli insieme e cercaredi capire…perchè la direzione/il capo… lo hannoreso complesso…bla…bla…bla…”

Il RapportAncora una volta ti ho parlato di comunicazione nonverbale e di rapport…ma come sai bene…questi sonosolo alcuni degli aspetti che è possibile utilizzare perentrare in sintonia con il prossimo…

…ti ricordo che il modo migliore per utilizzare questein-formazioni sul rapport…è quello di essere coscientedi quando questo sta accadendo…o è accaduto.Semplicemente, poni attenzione e congratulati conte stesso 😉 e EVITA di scimmiottare o fare cose stupide 😀

In sintesi: vediamo nuovamente che il rapport non èil semplice rispecchiamento…ma un processo sottiledi coordinazione. Questo non dipende dal tipo diemozione che provi…ma dal grado di relazione…edinfine…esistono dei momenti dove le persone entranonaturalmente in una “zona di rapport”…

Lo trovi interessante? allora lasciami un commento esuggerisci qualche applicazione pratica…e se non lo haiancora fatto iscriviti ai feed di PsiNeL.

A prestoGenna

Ps. molti di questi studi non fanno altro che confermarequello che viene detto da anni…da Cicerone alla PNL…tuttavia è bello sapere che qualcuno si è preso la brigadi “confermarli” 😉

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Sviluppo Personale: educazione scolastica on-line? 7 Vantaggi…
Psicologia: “Altruismo e aggressività sono collegati?”
ipnosi e autoipnosi: registrare le induzioni ipnotiche è utile?
“Psicologia di Halloween” ;-)
3 Commenti
  • E già, è da un pò che non ci si vede 😉

    Sono parecchio preso ultimamente (internet porta via TANTO tempo) e mi dispiace non farmi sentire quanto vorrei.

    Cmq la qualità dei tuoi articoli è ulteriormente aumentata da qualche tempo a questa parte.

    Continua così Genna!

    cheers

    Jacopo

  • Ciao Jacopo, è da un sacco che non ci si “vede” 😉

    Assolutamente si…

    Grazie
    Genna

  • Wow!

    Interessante, sopratutto la parte sul viso per entrare in sintonia.

    Questi studi dimostrano quello che un buon comunicatore GIA’ intuisce in modo naturale.

    Gran post.

    Jacopo

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK