Psicologia: “Ultimatum alla terra” un film sul cambiamento

Ciao,

qualche giorno fa ho visto il film “ultimatum alla terra”…lo hai visto? una vera “schifezza” …ma con un significatomeraviglioso 😉

In questo periodo “di crisi” è rinomato che vadano perla maggiore i film dedicati ai disastri…

La trama del film è classica…arrivano gli alieni e voglionodistruggerci…ma…non continuo o ti rovino il film…

Il cardine di tutto è il cambiamento…o meglio lapossibilità che la gente possa cambiare.

Quando ero piccolo mio nonno mi diceva “chi nascerotondo non può morire quadrato”…

Ci sono state più disquisizioni filosofiche e scientifichescaturite dalla frase di “mio nonno” che… litigi calcistici albar dello sport 😉

Infatti qui potremmo tirare in ballo la diatriba ambiente-genetica (cioè che cosa influisce sulla personalità? piùl’ambiente o più la genetica? ecc.). ma evitiamolo ;-)))

In Ultimatum alla terra ciò che salva la terra stessa è lacapacità dell’essere umano di cambiare e di diventare unapersona migliore.

Se come me ti occupi di relazioni di aiuto sai che è difondamentale importanza sapere che il cambiamentoè possibile….e auspicabile…

Se vuoi “cambiare qualcuno”…tu per primo devicredere che questo sia possibile (Go First ;-))

Non sono pochi i miei colleghi (che conosco) che noncredono davvero che questo sia possibile…e indovinache cosa succede?

Esatto…casualmente i loro clienti NON cambiano!e inutile che ti stia a descrivere quali sono gli effettidella ultra famosa “profezia che si auto-avvera”…

Bene…detto questo ti invito a guardare il film, nontanto per il film in se (che a me non è piaciuto molto)ma per…

accrescere ancora di più… la tua fiducia nellapossibilità che gli esseri umani possano cambiare e migliorare.

Ai visto il post sui Feed Rss? e ti sei iscritto?;-)bhe…allora fallo adesso e fammi sapere che cosa nepensi lasciandomi un commento qui sotto.

A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
PNL: “metafore ed emozioni”
Educazione psicologica: “Sarebbe utile inserire la psicologia tra le materie scolastiche?”
Roland DelVecchio…e la sua bussola…
Comunicazione efficace: “da Rogers a Bandler…la risoluzione dei conflitti”
6 Commenti
  • auguri anche a te!
    Paolo
    (puyi84@hotmail.it)

  • Immagino che tu ti riferisca a Eva Mendes e Paz Vega, ma non trascuriamo Scarlett Johansson, Jamie King (Lorelei) e Sarah Paulson 🙂 .
    The Spirit mi è piaciuto anche perchè ho da sempre una grande passione per i fumetti.

  • Ciao Raffaele,

    anche io preferisco The Spirit…anche se mi aspettavo di più..

    L’interpretazione di Samuel L. Jackson vale tutto il film 😉 per non parlare delle “due gnocche spaventose” ;-))

    Complimenti Raffaele ottima precisazione…”coachistica” 😉

    Sono convinto che il post di domani piacerà anche a te 😉

    Genna

  • Anch’io ho visto “Ultimatum alla terra” e mi è piaciuto abbastanza (ma preferisco “The Spirit” 🙂 ).

    Nel coaching è fondamentale il principio di credere nelle capacità di miglioramento del cliente (coachee): egli ha già dentro di sè tutte le risorse e il coach deve solo aiutarlo a trovarle attraverso le domande “potenti”.
    Una diffusa metafora è quella di “vedere la quercia nella ghianda.”

  • Ciao Paola,

    bene…era assolutamente necessario raccontare che cosa sono “sti cavolo di Feed”.

    A me il film non “ha fatto impazzire”… però assicuro che il messaggio di fondo è molto bello.

    Sono convinto che il post di domani ti piacerà un sacco…vediamo se indovino 😉

    Un abbraccio
    Genna

  • Ciao Genna!!Grazie per il post sui Feed 🙂 mi sono iscritta 😉
    Per quanto riguarda il film bè andrò a vederlo..sperando che non sia troppo noioso…sai non è il genere di film per cui vado matta 😀
    Un abbraccio
    Paola*

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK