Psicologia : l’anti-DSM …come scoprire i tuoi “punti di forza” in 15 minuti ;-)

punti-di-forza

Ti è mai capitato di parlare con un tuo amico psicologo (o forse lo psicologo eri tu stesso) e dirgli”ehi non mi starai mica analizzando?”.

A me, da psicologo è capitato un mucchio di volte. Spesso le persone temono l’analisi psicologica (e le capisco perfettamente). Questo accade in tutte le professioni medico-cliniche.

Il terrore è sempre quello di “essere sbagliati” o di avere qualche cosa fuori posto di cui non possiamo renderci conto.

L’intera psichiatria e la psicologia clinica sono fondate su un terribile DSM o il “Manuale Diagnostico e Statistico dei disturbi mentali” (brrrr;-))

Immagina uno scenario diverso:

“Scusa ma non mi stari mica analizzando?”…risposta: “Si è ti trovo una splendida persona con una spiccata intelligenza sociale;-)”

Non sarebbe meraviglioso? Due “mitici psicologi” Christopher Peterson e Martin Seligman , lo hanno fatto creando l’ anti-DSM…

il Manuale statistico dei punti di forza e delle virtù mentali…

Il questionario da loro creato si chiama “VIA-IS”(Values in Action Inventory of Strengths) è formato da 6 Virtù e 24 Punti di Forza…le virtù sono state modellate dalla Religione e dalla Saggezza antica.

 

Ecco gli elementi del questionario VIA-IS in Italiano: 

 

1 – Conoscenza (virtù)

  • creatività
  • curiosità
  • amore per l’apprendimento
  • prospettiva (saggezza)
  • apertura mentale

2 – Coraggio

  • pavidità
  • persistenza
  • integrità
  • vitalità

3- Umanità

  • capacità di dare e ricevere amore
  • gentilezza
  • intelligenza sociale

4- Giustizia

  • cittadinanza (senso di appartenenza)
  • giustizia (punto di forza)
  • leadership

5- Temperanza

  • perdono/misericordia
  • modestia/umiltà
  • prudenza
  • auto-regolazione

6 – Trascendenza

  • Apprezzare l’eccellenza e la bellezza
  • gratitudine
  • speranza
  • spirito (umorismo)
  • spiritualità

“Come posso avere il questionario?”

Per averlo ti basta Cliccare Qui dove potrai scaricarlo gratis ma ovviamente in Inglese.Una volta iscritto noterai che ci sono differenti versioni in base all’età…ecc…ecc…durata del questionario 15 minuti.

In 15 minuti puoi “scoprire” quali sono i tuoi punti di forza e quelli di chi ti circonda. Ci tengo a precisare che non amo i “questionari”. Ma il lavoro di Seligman è assolutamente da conoscere.

Ti è piaciuto l’articolo? allora lasciami un commento e se non lo hai ancora fatto iscriviti adesso ai miei Feed

A presto
Genna

 

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Psicologi contro counselor e le “tecniche segrete”
Gestire Il Dolore Con La Mente…Senza Farmaci!
Creatività: “tirare gli oggetti a sè…aumenta la creatività”
Come migliorare le relazioni con la mentalizzazione …”pensandole”…
10 Commenti
  • Buongiorno! a proposito del questionario VIA, ho scoperto da poco un’applicazione della Mindfulness alla psicologia positiva (specificamente meditare sui punti di forza), lo approfondiamo? un caro saluto. Grazie

    https://www.researchgate.net/publication/298351645_Mindfulness based_Strengths_Practice_MBSP_for_Enhancing_Well-Being_Managing_Problems_and_Boosting_Positive_Relationships. L’autore lo sta approfondendo sul sito di VIA

  • Scusa Genna, ho visto solo oggi il tuo commento al mio commento!
    "dove posso trovarlo?"
    Basta cliccare il link (http://www.viacharacter.org/Surveys/SurveyCenter.aspx) che hai messo nel post.. e la bella sorpresa è che puoi scegliere la lingua!
    Buona Giornata
    Michela

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Grazie 1000 Michela…
    dove posso trovarlo?

  • ciao Genna!
    volevo, oltre a farti i complienti e ringraziarti per le ottime info e dritte, avvisare che ora il questionario è in italiano!
    Michela

  • Cavolo Manuel, devi assolutamente prestarmelo…se è introvabile ;-))

    Già leggere il “libro nero della psicoanalisi” ha fatto un certo effetto…ma che addirittura dietro ci fosse un marketing così pianificato…

    Ottima dritta Manuel…per quanto riguarda l’ipnosi, quella è chiara in ogni scritto in cui Freud parla di “ipnotismo”.

    Freud, ha scritto anche un piccolissimo libretto che si intitola “suggestione e ipnotismo”…dove esalta ogni cosa della tecnica ipnotica…ma come ben sappiamo è stato lui stesso (e soprattutto i suoi predecessori) a creare l’anone negativo che ancora oggi aleggia intorno alla ipnosi.

    Un abbraccio
    Genna

  • Grande Genna!!
    Adesso per svelare la grande “truffa” bisognerebbe che tu scovassi “morte di uno psicanalitico” libro introvabile dove si smaschera la psicanalisi;

    – la società psicanalitica pagava i suoi pazienti(tra cui uno famoso nella letteratura che tu ed io abbiamo studiato a Padova), che soffriva di tumore per dire invece che la psicanalisi l’aveva curato ma non era verò;-)))))l’uomo dei lupi?;

    – le famose topiche di Freud erano già state pre-organizzate da Freud con le relative date di uscita con già gli anni di uscita presatabiliti..

    Pensa se quelli che studiano la psicanalisi lo sapessero..quelli a cui lo raccono rimangono sempre senza parole.. che le terminologie e la teoria della mente è solo un’invenzione di uno che ha tirato coca per vent’anni e che non ha approfondito l’ipnosi solo perchè non sapeva gestire il contro-transfer delle sue pazienti innamorate(le sue lettere lo dicono basta andare a Vienna a casa sua e controllare)..

    Beh scova il libro e diffondi..

    Beh si sarebbe davvero forte che la psicologia fosse uno strumento per cercare soluzioni e non problemi..
    Ciao
    Manuel

  • Grazie ragazzi 😉

    X Raffaele: 240 item perchè è un questionario “serio”…fatto con tutti i crismi della statistica..

    Come ti ho detto già nel post, non amo i questionari…ma se uno lavora in modo “standardizzato” spesso ha bisogno di un “riduttore di complessità”.

    E se lo fai…lo fai bene;-) (coerenza interna…alfa di cronbach…e balle varie ;-))

    X Giovanni: l’impotenza appresa è davvero un paradigma pazzesco…che ha “cambiato” tutto quello che c’era prima 😉

    E’ il modo più semplice per “spiegare” molte cose…senza ricorrere alle solite “seghe mentali” (perdona il termine tecnico;-))

  • Complimenti per questo ottimo post! Mi sono registrato al sito, ma ho visto che ci sono ben 240 domande e adesso non ho il tempo. Ti farò sapere i miei risultati.

    Guarda caso, pochi giorni fa una mia lettrice mi ha chiesto:”Come faccio a capire quali sono i miei punti di forza? Non me ne vengono in mente molti purtroppo, anzi quasi nessuno.” Io ho risposto così:

    Sicuramente anche tu hai i tuoi punti di forza (come tutti, del resto).
    Per capire quali sono puoi fare un bilancio delle competenze (magari con l’aiuto di un career coach o consulente di carriera):
    scrivi tutti i tuoi successi del passato (esperienze scolastiche, lavorative e della vita privata) e ricorda quali qualità ti hanno permesso di ottenere questi risultati positivi (possono anche essere piccole cose che, però, hanno evidenziato le tue attitudini).
    Chiediti:”Che cosa so fare meglio? Che cosa mi piace di me stessa? Le persone che mi stanno vicino che cosa apprezzano in me? Cosa mi piace fare? Quali sono le mie passioni?”.

  • Ciao Genna,

    bell’articolo!! un altra cosa di Seligman che ho trovato utile nella mia vita, e’ stato il concetto di “learned helplessness” e le sue varie tecniche.

    Buona Giornata

    Giovanni

    ps : non e’ per fare il pessimista eh….;-)

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK