“4 amici al Bar” e l’ipnosi da pacolscenico…

Ciao,

spesso mi è capitato di trovarmi di fronte a persone “scettiche” nel mio lavoro questo, credo, capiti a chi, come me…parla spesso del proprio lavoro…

Oggi voglio raccontarti una storiadi “scetticismo”…

L’altro ieri ero a casa mia con due miei carissimi amici (uno psicobiologo ed un letterato)…entrambi scettici nei confronti del mio lavoro…

Fortunatamente, li conosco da tempo e so di cosa posso parlare con loro o su cosa è meglio tacere…l’ipnosi ed il mio lavoro sono un argomento su cui spesso è meglio tacere.

La nostra discussione inizia perché,uno dei due è capitato su questo video:

Quello che hai appena visto è il mitico Derren Brown, durante una delle sue performace sbalorditive.

Qui Derren, sfruttando un mix di PNL, psicologia applicata, ipnosi e altre”cosine interessanti”, organizza una rapina:-O

Nonostante sia alquanto complesso, mi lancio in una specie di spiegazione ai miei 2 amici (premetto che me lo hanno chiesto loro.

La risposta non sembra averli convinti più di tanto…sono entrambi spinti a capire come possa funzionare, nella pratica, l’ipnosi…

ma non quella terapeutica…bensì quella da “palcoscenico”…che ancora oggi continua a stupire..

Uno dei miei due amici, si offre volontario per un esperimento d’ipnosi..

Gli chiedo di alzarsi e di unire i piedi, tenendo le mani lungo i fianchi e chiudendo gli occhi…

In quella che viene anche definita:posizione ortostatica…

In silenzio compio alcuni “passi”, tipici dell’ipnosi da palcoscenico…in breve tempo noto subito i segnali della trance e invito…lo spettatore (l’altro amico) ad osservare gli occhi del “soggetto”…

Con una mossa degna dei migliori ipnotisti di altri tempi (la ho imparata guardando i video degli ipnotisti americani della NGH),”sdraio” il soggetto sul mio divano…

Avresti dovuto vedere l’espressione del mio amico (che è tra l’altro una delle persone più scettiche che conosca) mentre cercavo di spiegargli che cosa avevo fatto…

Ma neanche questo lo smuove più di tanto, sino a che non gli faccio notare la posizione del suo braccio…

A metà dell’induzione “teatrale”, ho sollevato il braccio dello “spettatore” e l’ho lasciato a mezz’aria…

Lo spettatore ha lasciato il suo braccio in quella posizione sino a quando non glielo ho fatto notare;-)

Lo spettatore allora inizia a dirmi che, io gli ho detto di lasciare lì il braccio…anche se non è vero a livello verbale (non gli ho detto nulla) era vero ad un livello non verbale…

Fatto sta che inizia a criticare…a dire: “solo perché ho il braccio sollevato non significa che sono in trance…”…

Il discorso prosegue per un altro paio di minuti su questi toni…nel frattempo ho”ri-svegliato” il soggetto che adesso sta ascoltando con attenzione la nostra discussione.

Il soggetto è completamente affascinato,tanto che, dopo 4 anni che ci conosciamo, per la prima volta mi chiede consigli su una eventuale bibliografia sull’ipnosi…

Ad un tratto, il soggetto, guarda lo “scettico”e gli dice: “ehi..ma non hai ancora tirato giù il braccio!”…

Lo scettico leggermente imbarazzato lo riporta ad una posizione normale…facendo finta di nulla…e la nostra serata continua senza più parlare d’ipnosi.

Un attimo prima di andare via, lo scettico mi avvicina e mi dice sussurrando: “ehi…ma lo sai che mi fa male il braccio…per quanto tempo è rimasto lì in alto?”

Lo guardo, gli sorrido e gli dico: “tutto il tempo in cui sei stato in trance…è per questo che adesso non lo ricordi”

In genere non amo “imporre” le mie idee…se ho imparato qualcosa di importane all’università è proprio questo: “evita di forzare gli altri alle tue credenze”…anche perché gli”accademici” lo fanno sempre;-)

Sono convinto che Daniele (è il nome del mio amico scettico) abbia portato a casa la cosa più importante: una consapevolezza inconscia che qualcosa è accaduto anche se ancora non riesce a spiegarselo…

Sono felice di aver potuto “piantare” questo seme e tutto è nato da un semplice ma affascinante “giochino di prestigio”.

Evviva la magia;-)

A presto
Genna

Ps. anche se al mitico Derren non piacciono queste cose mi riprometto di esaminare con calma, questo sbalorditivo video, in un altro post…resta connesso;-)

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Ipnosi: “la metafora del giradischi”
Michael Yapko: dall’Ipnosi allo smartphone …
Ipnosi: “uscita” dalla trance…
A scuola di Ipnosi: “i 5 passi per utilizzare il contenuto in ipnosi…”
2 Commenti

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK