venerdì 2 marzo 2012

Apprendimento, Insegnamento e Memoria: Risorse Che Possono Cambiare Il Mondo della Formazione ;)
















Ciao,

quanto è importante "apprendere" per te? per me
moltissimo e credo che uno dei segreti di un buon
"sviluppo personale" sia rendersi presto conto che
"tutta la vita è apprendimento". Se segui PsiNeL sai
che raccolgo i post migliori in rubriche, le vedi nella
barra di destra. Dopo l'ultimo post sull'apprendimento
ho deciso di raccogliere i migliori post su questo tema.


Sono sicuro che già i primi post qui sotto, possono
modificare per sempre il modo di vedere
l'apprendimento. Se conosci insegnanti, maestri,
professori o anche formatori, sentiti libero di
condividere questa pagina.


Questo post commenta un video del prof Sugata
Mitra, che mostra un video pazzesco, in cui vi sono
degli esperimenti sull'apprendimento dei bambini
che ti lasceranno a bocca aperta. In pratica se lasci
che i bambini "da soli", dandogli gli strumenti ed il
materiale d' apprendere ed una quasi completa
libertà di azione... imparano cose impensabili e
alla velocità della luce.


Chris Anderson, l'ideatore del Ted (www.ted.com)
ci mostra come grazie ad internet e alla condivisione
di video la gente abbia iniziato a creare una spirale
positiva di apprendimenti. Se io ad esempio so fare
bene il ragù posso postare il video su youtube e
magari altri, prendendo la mia ricetta la migliorano.
Ma nel video vedrai come siano riusciti ad insegnare
a popolazioni disagiate come coltivare pomodori
in climi proibitivi...direi meglio del ragù ;)


Ti è mai capitato di fare un calcolo e di trovarti ad
avere già la risposta nelle dita? il corpo ha in
qualche modo "anticipato la mente" segnalando
la risposta. In questo post scoprirai una ricerca
che ogni insegnante dovrebbe conoscere, su
come, attraverso l'osservazione del linguaggio
non verbale sia possibile intuire quando un
bambino sta per avere un'insight ed una
comprensione... davvero contro intuitivo...


Alcuni ricercatori hanno posizionato delle telecamere
ed hanno studiato per diverso tempo alcune famiglie
di ceti sociali differenti. Ed hanno scoperto che i
bambini ai quali era maggiormente concesso di
di esprimere il proprio linguaggio non verbale, erano
mediamente più intelligenti. Ecco perché dovresti
far gesticolare di più tuo figlio...leggi il post e
capirai perché ;)


Esistono moltissime tecniche di apprendimento
veloce ed efficace, tutte molto utili. Ma esistono
alcuni semplici consigli, provati dalla ricerca
in psicologia, che possono aumentare la nostra
memoria con un minimo impegno.


Dopo molti anni trascorsi nella ricerca di metodiche
per apprendere velocemente, continuo a ritenere che
"i vecchi insegnamenti" siano ancora validi. Mi sto
riferendo alle mnemotecniche e in modo particolare
alla famosa conversione di Liebniz. In questo post
scoprirai le basi di uno strumento potentissimo per
memorizzare.


In questo secondo post dedicato alle tecniche per
apprendere velocemente ti mostro come applicare
la conversione di Liebniz e i loci allo studio. Non
si tratta di una tecnica standard ma di quella che
ho sviluppato personalmente negli anni di studio
all'Università. Ti mostrerò un modello flessibile
che potrai adattare al tuo "metodo di studio"...in
modo graduale.


Altro aspetto molto famoso legato all'apprendimento
veloce è la lettura "veloce". Si tratta di una serie di
tecniche ed esercizi per aumentare la velocità della
lettura in modo straordinario. Come per le tecniche
di memoria anche per quelle di lettura esistono dei
veri e propri "campionati mondiali" che in un
qualche modo dimostrano quanto questi metodi
siano efficaci. Ma serve una valanga di esercizio;)
In questo post ti mostro come diventare molto più
veloce con il minimo sforzo...


Le materie scientifiche non sono le preferite dai
nostri studenti. In questo post ti mostrerò uno studio
davvero interessante che ci mostra che la divisione
fra "scienza e cultura" non solo è sbagliata ma in un
qualche modo rovina l'apprendimento. Infatti in
questo post vedrai che raccontare agli studenti la
vita, le vicissitudini e le difficoltà dei grandi geni
della storia li motivi a studiare la fisica.


Forse ti apparirà "fuori tema" rispetto a quello dello
apprendimento, eppure non hai idea di quante
persone riferiscano di avere problemi nel ricordarsi
i nomi delle persone che hanno appena conosciuto.
Per cui, trattandosi sempre di "memoria" ho deciso
di includerlo in questa carrellata. Anche perché
imparare a ricordare i nomi può essere molto utile
in diversi campi, compreso in quello formativo.


Oggi mi fermo a 10, ma se sei curioso e vuoi vedere
quanto altro materiale interessante c'è qui su
PsiNeL, ti basta andare sul piccolo motore di
ricerca che vedi in alto a destra e digitare le parole,
"apprendimento", "memoria" e "formazione".
Digitale una alla volta, e se trovi qualche post che
ritieni possa rientrare in questa carrellata, sarò
ben felice d'inserirlo. Ovviamente lo stesso vale
per articoli e risorse esterne al mio blog ;-)


Fammi sapere che cosa ne pensi, lascia un
commento qui sotto...e se trovi utile questo
materiale t'invito a cliccare sul "mi piace" di
facebook e a condividerlo.


A presto
Genna


Ps. Ogni buon insegnante dovrebbe conoscere
settimana (non so ancora di preciso) lo rimetterò
in magazzino...e sarà accessibile solo a chi si è
iscritto alla prima lista di pre-acquisto ;-)

9 commenti:

Arka Media ha detto...

Ciao, come stai?
Il tuo blog buona.

Cordiali saluti dall'Indonesia.

Gennaro Romagnoli ha detto...

Wow dall'Indonesia:)
Cordiali saluti anche a te.

Andrea ha detto...

Ciao Genna,
intanto sulle memotecniche, ho trovato anche qualcos'altro che è vveramente straordinario, ti spiego come le utilizzo. Queste le ho usate quando volevo memorizzare i principi della persuasione ma in genere le uso per memorizzare più facilmente anche altri argomenti o, addirittura, interi libri.
Ecco come funziona il mio metodo: prendo le iniziali (nel mio esempio) del nome di ogni principio e lo riduco ad una sola parola.
Quindi, autorità=au; coerenza=coe; reciprocità=re; riprova sociale=ri; simpatia=sim; scarsità=sca, la parola che ne risulta quindi sarà... "aucoererisimsca":)). Lo so che è una cosa molto bizzarra: d'altronde persone così strane come noi fanno cose (per essere coerenti con chi noi siamo), appunto strane :-D. Scherzo naturalmente!
In realtà cosa fa sì che una parola così strana ci faccia ricordare certe cose? Perché, proprio perché è molto particolare, soprattutto se è una parola nuova, il cervello la immagazzina subito e la immagazzina per un lunghissimo periodo. Così se fra dieci anni vorremo ricordarci i principi della persuasione il nostro dialogo interno sarà:
"Dunque come si chiamano i principi della persuasione?
"Autorità ... e poi?
"Aspetta ma forse mica avrò fatto in modo da ricordarmeli facilmente? Forse li ho abbreviati?
"Ah ora ricordo! Aucoererisimsca! Aucoererisimsca significa autorità, coerenza, reciprocità, riprova sociale, simpatia, scarsità!" Ecco che quindi, ricomponiamo il puzle dei quali pezzi non saremmo stati in grado di rimettere insieme, se prima non li avessimo conservati in una scatola (abbreviati in una sola parola)
Per parlare poi del ricordare i nomi di persona, ho notato che fai uso ache dell'aspetto visivo, sì perché immagino che la maggior parte di noi, quando apprende un'informazione (di qualunque tipo), la immagini, quindi la viva visivamente.
Mi ricordo infatti che tempo addietro feci un esperimento con un mio amico: eravamo seduti e, mentre parlavamo e potevamo ascoltare le nostre voci, sstavo parlandogli di un'altra persona ma, quando ho fatto per dirgli il nome lui mi ferma e mi dice: "Guarda è inutile che me lo dici, perché dopo 5 minuti me lo sarò sicuramente dimenticato!" Alché ho immaginato che fosse, almeno da quell'aspetto, un visivo. Ma non ne ero convinto, avevo bisogno di una conferma, così gli ho detto semplicemente: "Ah, non è necessario ricordarsi il nome di quella persona. Immagina semplicemente un grande foglio di carta, con su scritto a caratteri grandissimi ..." e lettera per lettera gli ho pronunciato il nome.
Poi abbiamo continuato a parlare di tutt'altro per più di un quarto d'ora.
Al momento di lasciarci, gli ho fatto: "Allora, come si chiama quella persona?"
E lui ... incredibile! E' riuscito a ricordarlo!:-D
Grazie,
Andrea

Gennaro Romagnoli ha detto...

Bravo Andrea,
ottimo consiglio :)

Carolina ha detto...

Mi verrebbe da chiederti perchè lo fai.
Mi spiego..
Come bene si sa, queste tecniche e queste nozioni vengono fatte pagare cifre spesso spropositate mentre te le diffondi cordialmente su internet senza pretendere nulla ( da quel che ho potuto vedere visto che sono nuova -ma probabile futura addicted!-)
Esistono davvero, ancora oggi, persone disposte a condividere? Beh, non ti conosco e non so se ci guadagni qualcosa ma per ora ti voglio sinceramente ringraziare per l'aiuto che dai. Bel lavoro! Grazie,
Carolina ( futura psicologa :) )
p.s.volendoti contattare privatamente?

Gennaro Romagnoli ha detto...

Grazie Carolina,
finalmente qualcuno se ne è accorto;)))

A parte gli scherzi, si ci guadagno sia attraverso ció che propongo qui sul blog sia attraverso il lavoro da professionista che mi arriva...

..per cui non lo faccio gratis, ma penso che destinate cose debbano essere di pubblico dominio;)

Grazie ancora
Genna

Gennaro Romagnoli ha detto...

Ah dimenticavo...trovi tutto sulla barra del blog;)

Johncoffee ha detto...

Ciao complimenti per il blog. Vorrei chiederti qualche trucco per memorizzare vocaboli di una lingua straniera, paradigmi e declinazioni. Sto studiando tedesco e trovo davvero molta difficoltà a memorizzare queste cose. Grazie!!

Gennaro Romagnoli ha detto...

Ciao John,
uno dei "trucchi" è quello di associare delle immagini stupide e divertenti...ad esempio per imparare come si dice cane in inglese puoi immaginare un panino con dentro un cane e pensare all'hot dog.