Meteoropatia: Il tempo ha davvero effetto sull’umore?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Quanto sei metereopatico? Cioè quanto pesa sul tuo umore il fatto che ci sia bel tempo o brutto tempo? Se fai questa domanda alla gente, la maggior parte ti risponderà con una certa sicurezza…che il tempo ha grande influenza sul loro umore generale.

La maggior parte delle persone è convinta che il tempo possa influenzare l’ umore, tutti credono nella Meteoropatia. Quindi il tempo ha davvero effetto sull’umore? Il tempo ha davvero effetto sull’umore?. Ma diversi studi pubblicati negli ultimi anni danno una risposta contro intuitiva a questo “sentire comune“: il tempo ha si effetto sull’umore ma sempre in modo molto limitato.

Se sei un appassionato di sviluppo personale sai quanto sia il nostro stato interiore a determinare come ci sentiamo, ma è anche innegabile che l’ambiente che ci circonda abbia dei suoi effetti sul nostro umore. Gli studi sulla esposizione della luce ci dimostrano che quei popoli che ne hanno di meno hanno anche una maggiore probabilità di cadere in depressione.

Ma le ricerche che sto per mostrarti dimostrano il contrario, o meglio ci mostrano che esiste un effetto ma questo è irrisorio. Il primo studio, condotto da  Jaap Dennissen in tuttala Germania, è stato impostato su una semplice domanda “come ti senti oggi?” posta ad oltre mille persone attraverso la rete.

Per un mese intero 1233 persone hanno compilato quotidianamente un questionario in cui gli veniva chiesto “come si sentivano”. Successivamente i ricercatori hanno incrociato “gli umori negativi” con le condizioni del tempo in qui determinati giorni in cui i soggetti avevano risposto di “sentirsi giù”. I ricercatori non si solo limitati a questo ma hanno creato tutta una serie di variabili legate al tempo e al suo effetto.

Risultato: mediamente il tempo non aveva alcun effetto sullo stato emotivo positivo. Nessuna delle variabiliatmosferiche come, vento, freddo o pioggia hanno davveroinfluito sull’umore positivo dei partecipanti. Tuttavia cisono state delle relazioni fra “brutto tempo” ed umorenegativo. La più marcata è stata quella legata alla pigrizia nei giorni plumbei e di pioggia.

Ma i dati hanno mostrato che questi effetti erano davvero poco marcati rispetto a quanto ci si potesse aspettare.Questo studio è stato poi seguito da altre ricerche che hanno messo in relazione il “tono dell’umore” con il”tempo atmosferico”… sia quello condotto da Watson che quello condotto da Keller e colleghi hanno dato credito alla scoperta dello studio di Dennissen, da altri punti di vista.

La risposta è “si il tempo in un qualche modo influisce sul nostro umore ma in modo non troppo pesante, tranne per quei soggetti che dichiarano di essere “affetti” dal disordine affettivo stagionale” e che dichiarano di sentirsi realmente male quando iniziano le stagioni invernali. Klimstra ha svolto uno studio davvero interessante,prendendo come campioni ragazzi adolescenti e leloro madri, da cui sono emersi diverse “tipologie di persone“:

1) Senza effetti: persone a cui il tempo climatico non fa “ne caldo ne freddo”. E si è trattato della metà dei soggetti dell’esperimento (moltissimi).

2) Amanti dell’estate: una categoria “scontata” a cui piace il sole ed il caldo (il 15% degli adolescenti ed il 30% delle madri)

3) “Odiatori” dell’estate: ebbene si esiste anche chi odia l’estate, il caldo ed il sole. Ed è stata una vera e propria sorpresa scoprire che si trattava del 27 % degli adolescenti e del 12% delle madri (quindi ci sono adolescenti che odiano l’estate:O))

4) “Odiatori” della pioggia: questa categoria è fra le più plausibili. Quando piove si possono fare davveropoche cose all’aperto…eppure le percentuali non sonostate così alte: 8% adolescenti e 12% delle madri.Ancora una volta emerge che l’effetto del tempo nonha una grossa influenza sull’umore. E che esistono diverse categorie di persone che, in un modo o nell’altro, odiano “il tempo climatico” a modo proprio.

La cosa più interessante è stato non trovare persone che si dichiaravano apertamente come “fortemente disturbati dal cambio di stagione” ed il fatto che la stagione più odiata fosse l’estate. E degli effetti della luce? esistono numerosi studi sull’effetto che la mancanza di luce può avere sul nostro umore, ma a quanto pare non sono legati al fatto se ci sia o meno il “sole”.

Ma di luce in modo più generico. Personalmente adoro un po’ tutte le stagioni perché ognuna ha i suoi vantaggi, ma anche i suo svantaggi. Dopo un po’ di tempo che fa sempre caldo desidero il freddo e viceversa 😉 ma se proprio dovessi scegliere una stagione preferita, voterei in assoluto per la primavera.

Per quel caldo non troppo forte che annuncia la nascita di una nuova estate. Per i suoi profumi e per i colori che ravvivano all’improvviso gli alberi e con essi intere città cambiano aspetto.

E tu che stagione sei? il tempo t’influenza tanto?lascia un commento qui sotto…

A presto
Genna 

Il post è tratto liberamente dal bellissimo psyblog, se conosci l’inglese ti consiglio di visitarlo!

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
stress-resilienza1
Come trasformare lo stress in resilienza
cervello1
Conscio e Inconscio: la visione della mente di PsineL
Psicologia_come-ti-vedono-gli-altri1
Come ti vedono gli altri?
psicologi_contro_counselor1
Psicologi contro counselor e le “tecniche segrete”
coaching_counselor_psicologo_consulenza_psicoterapeuta1
Come valutare “la prima consulenza psicologica?”
strana_psicologia_ingenua1
Psicologia Pratica: 11 Studi Contro-intuitivi
assertivit%C3%A01
Psicologia: “Training per l’Assertività” Vol.2
atteggiamento_mentale_crescita_sviluppo_personale1
Neuroni Specchio: Sviluppare abilità cognitive per modulare la natura ;-)
5 Commenti
  • Adoro la primavera ,amo l'estate e i giorni griggi mi portano cattivo umore e dolori dapertutto ,pensavo che era il clima ,questo me sucede da un po di anni ,se ce sole sono piena di voglia di fare ,se e brutto .non ho voglia nemeno di alzarmi ,per non dire se piove …..

  • Ciao Genna!
    Io ho notato che d'estate mi bastano meno ore di sonno e che mi alzo volentieri molto presto perchè.. c'è il sole che mi aspetta 🙂
    D'inverno, invece, sapere che fuori è ancora buio mi fa "poltrire" un di più a letto.. che non è poi così spiacevole!
    Un'altra differenza fra estate e inverno è l'abbigliamento: d'estate ho una sensazione di libertà e semplicità data dal fatto che così come mi alzo dal letto sono già pronta a cominciare la giornata! D'inverno invece mi sento vincolata dagli strati di vestiario (sono moooolto freddolosa :-)).. ma trovo molto piacevole quando rientro infreddolita e sono accolta dal calore di casa!
    Le giornate di sole in genere mi mettono allegria e mi rendono molto piacevole fare attività all'aperto.
    Le giornate piovose, invece, mi rendono più introversa.. e se sono troppe di fila anche un pò triste.
    In conclusione "voto" primvavera/estate ma dovessero mancare autunno/inverno un pò mi mancherebbero 🙂
    Michela

  • Esistono persone più o meno sensibili agli eventi atmosferici.

  • Buongiorno Stefano,
    siamo molto simili in quanto a "gusti climatici";))

  • Fino all'anno scorso ero uno di quelli che amava l'inverno e odiava l'estate, quindi ti posso confermare che la mia razza esiste. 😀

    Poi ho cominciato ad accorgermi che in effetti in inverno fa freddo (dopo aver perso parecchio peso), e ho un po' cambiato idea. Ora anche la mia stagione ideale è la primavera, diciamo maggio.

    Personalmente ho notato che quando piove sono più svogliato e pigro, perché più assonnato. La pioggia mi piace finché non devo uscire da qualche parte, ma la mia produttività ne risente.

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK