Motivazione: “5 passi per raggiungere gli obiettivi”

Ciao,

ricordi l’esercizio sul raggiungimento degli obiettivi? lamotivazione all’ ottenimento di qualcosa è una delleattività più studiate dalla psicologia. Come abbiamo giàdetto più volte esistono molti modi per cimentarsi in”modo cosciente” nel migliorare la pianificazione deipropri obiettivi. Ma quali sono le caratteristiche di chi,già naturalmente raggiunge gli obiettivi? Cioè diquelle persone che, senza usare tecniche hanno una”innata predisposizione alla conquista”?

La risposta a questo quesito ce la da Richard Wisemanche ha raggruppato nel suo ultimo libro i 5 “tratti” dichi “raggiunge gli obiettivi”. Se sei appassionato dellamateria molti di questi consigli non si sembrerannocosì innovativi… ma è bello vederli tutti raccolti in ununico studio 😉

1) Avere un piano: chi raggiunge un obiettivo, quasisempre ha un piano… e più questo piano è dettagliato espezzettato in “sotto-passi” e più è alta la probabilità dimetterlo in pratica e raggiungere la meta desiderata.(anche se alcuni studi dicono il contrario).

2) Condividere: parlare agli altri di ciò che vuoi ottenereaumenta la probabilità che tu ci riesca. Uno studio haprovato che più il mezzo di comunicazione che utilizzi perfarlo è “popolar-mediatico” (cioè arriva a più persone) èmaggiore è il suo impatto. Se dici in televisione che vuoi”dimagrire” non puoi tirarti indietro 😉

3) Vantaggi: più che “visualizzare” se stessi come chi haraggiunto il proprio obiettivo, chi li raggiunge davvero tendea pregustarsi i vantaggi legati ad esso. Sembra una piccoladifferenza ma in realtà è molto grande… infatti pare chevisualizzarsi a obiettivo raggiunto diminuisca la motivazionenel perseguirlo, perché ti senti come se l’avessi già ottenuto.(chissà che cosa ne pensano gli appassionati di LOA?;))

4) Premiarsi: i partecipanti che ad ogni “sotto- obiettivo”si erano preparati un piccolo premio erano anche quelli cheraggiungevano i propri obiettivi. Non solo bisogna quindispezzettare il problema ma bisogna anche sapersi fermaree dire “bhe…ora mi merito proprio un bel….” 🙂

5) Tenere traccia: non basta preparare un piano è anchenecessario tenerne traccia. I soggetti che avevano raggiuntoi loro traguardi tenevano spesso un diario o qualunquealtro dispositivo su cui registrare i propri progressi.

Bene, so che sono moltissimi i testi che parlano di come sipossano raggiungere gli obiettivi. Questi 5 punti sono statitestati su un campione di 5000 soggetti con complesseanalisi statistiche. E’ bello vedere che l’istinto di moltiesperti di sviluppo personale già fosse arrivato a similiconclusioni… ….

Fammi sapere cosa ne pensi e se ti piace il mioblog, iscriviti ai miei feed rss oppure seguimi dal tuoaccount di facebook.

A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
psicologia sociale: “non ti saluto ;-)”
Comunicazione non verbale: guardare il tuo pubblico aumenta l’apprezzamento musicale…
Psicologia: “Effetto placebo e nocebo… di massa”
Michelle Ferrari, una pornostar sotto “ipnosi regressiva”;-)
Persuasione Scientifica: Distrarre e ristrutturare per manipolare… ecco come difendersi dalla DTR
Novità 2008 PsicologiaNeuroLinguistica
“il tessuto della realtà” di Richard Bandler
Scuola di Ipnosi: suggestioni e controllo del dolore
6 Commenti
  • esattamente, l'intervista e' proprio quella 🙂 Grazie della risposta!

  • Ciao Luca,
    forse ho presente l'intervista…si parla di empowement? in quel caso si divide l'azione desiderante dal bisogno, ed il desiderio è visto come un motore dell'azione. In quel caso non si tratta di alimentare un desiderio in particolare ma di accendere questa forza desiderante. Nel blog abbiamo visto un esercizio tempo fa preso proprio da quelle teorie, se non sbagli si chiama "la margherita delle possibilità".

    Ora francamente non mi ricordo cosa ho scritto su questo post 😉 Ma per me il non prendere obiettivi non indebolisce la progettualità, semmai la indebolisce il fatto di non desiderare più nulla. Cosa che sembra molto simile ma di cui ci servirebbero 5 post per rispondere 😉

    Magari gline dedico uno appost di post… grazie

  • Ciao genna…ho una domanda su "desiderio e progettualita". Ho visto un'intervista interessante fatta ad uno psicologo del lavoro, il quale affermava che, la societa', ci parla del desiderio ma come se avesse delle caratteristiche di bisogno, come se fosse una necessita', ma cosi' non e' perche' il bisogno richiede una soddisfazione a breve termine, mentre il desiderio puo' essere rimandato. La mia domanda e': se il desiderio e' alla base della progettualita'…il non fare progetti e non porsi obbiettivi potrebbe indebolire la capacita' di progettare ? Potrebbe risentirne anche la "forza" di quello specifico desiderio?

  • Ciao Genna! avrei una domanda un po' sciocca da farti mi spiego:
    ok queste tecniche sono sicuramente utili (io stesso le ho provate in prima persona, anche il "nutella pattern" e aiutano)…ma se un'obbiettivo non lo sentiamo "nostro" magari perchè auto-imposto….mi sà che servono a poco o a nulla….dico bene?

  • Genna non avevamo una ricerca che diceva di starsene zitti quando si voleva raggiungere un obiettivo?

    io tra l'altro non trovo stimolante l'impegno con gli altri, non più di quello con me stessa… sono l'unica?

    un abbraccio
    elisa

  • Avere obiettivi o avere l'obiettivo di non averne è comunque settare un obiettivo. Quindi è secondo me decidere di posizionare dei paletti. Il solo fatto di "pensarci", ma scriverli è maledettamente più efficace, fa in modo di constatare quante occasioni la realtà ti offre per mettere in atto ciò che hai appunto pre_visto di fare. Insomma se penso profondamente al colore giallo ed esco di casa… noterò quante cose gialle ci sono intorno. Le stesse che ci sarebbero comunque state ma che non avrei mai notato. Ecco: per me è come andare incontro a quelle che si chiamano "coincidenze". A volte sembrano miracolose.

    Ciao Genna, si vede e si sente lontano un miglio al di là dello schermo che tu ti sei davvero motivato alla grande! Scommetto che a te le cose già vengono incontro senza più alcuno sforzo se non stare bene allenato sul surf della Psi_Nel
    :-))

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK