Ipnosi e Parapsicologia

Ciao,

ricordi le ricerche sulla para-psicologia? in pratica sono anniche ricercatori nel campo della mente si cimentano in studi,che ormai hanno raggiunto tecniche e metodologie in gradodi darci risposte attendibili. Ma, in realtà non si è ancoragiunti ad un risultato definitivo… Tuttavia si è notato chealcuni fattori facilitano il comparire di questi fenomeni euno di questi è l’ipnosi.

Ok, ma prima di parlarne è utile fare un piccolo disclaimer.Infatti uno dei fardelli che più pesa ancora sulle spalle dellaipnosi è proprio il suo alone magico e misterioso. Se tu haiseguito i miei articoli sull’ipnosi sai che non è assolutamentecosì. L’ipnosi è uno dei pochi “strumenti di cambiamento”che viene costantemente studiato il laboratorio…

Tuttavia essendo che, la maggior parte dei fenomenidescritti dalla parapsicologia si presentano quando le personesono in uno stato modificato di coscienza, l’ipnosi è utilizzatamolto in questo campo. Detto in modo più semplice: l’ipnosinon ha nulla di magico, ma il suo modo unico di alterare lacoscienza ci permette di studiare come la coscienza vienemodificata in qualsiasi contesto … da quando ascolti lamusica a quando hai precognizioni 😉

Così nascono studi interessanti come quello svolto qui aPadova da Del Prete e Tressoldi (2005). In cui i ricercatorihanno costruito un esperimento sulla “chiaroveggenza”…dove i soggetti dovevano scegliere fra alcuni target (ingergo si chiama scelta forzata), delle immagini, poste allointerno di una stanza. In questo esperimento i candidatierano ipnotizzati e in uno stato “ipnotico” gli venivasuggerito di scegliere la “risposta giusta”.

Rilsultato: la ricerca ha confermato le ipotesi di partenzacioè che l’uso dello stato modificato di coscienza ha reso isoggetti più abili nell’individuare i target corretti. Questorisultato è stato statisticamente significativo. Ma lascio ate l’interpretazione dei dati leggendo lo studio relativo…anche perché, nonostante gli studi siano davvero moltointeressanti … mi sento ancora un po’ San Tommaso 😉

Che gli stati modificati di coscienza abbiano un potere sudi noi è innegabile…l’uomo li utilizza da secoli nei suoirituali e durante la vita di tutti i giorni. Forse, comeafferma qualcuno, lo sviluppo dei “poteri dell a mente”non sarà relegato solo al corpo ma influirà anche sullecose che ti circondano? cioè sulla materia? …

Fammi sapere che cosa ne pensi lascia un commentoqui sotto, e se vuoi seguire i miei aggiornamenti puoifarlo dai miei feed rss o da facebook.

A prestoGenna

Ps. Domani ci pubblicherò un post bellissimo sulCold Reading…ti aspetto ;-))

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Emozioni: 5 consigli per far “sbollire la Rabbia”…
PNL: Stili cognitivi e la P300
Persuasione: Manipolazione mentale…”fra bene e male”…
Comunicazione non verbale: occhi specchio dell’anima…
Benessere Psicologico: “non solo patologia ma Wellness”
Psicologia e Consulenza: “parlare al telefono riduce lo stress”…
Inconscio: Rete di Default e libere associazioni…da Freud ad Erickson
Formazione on-line: “la qualità delle informazioni”
1 Commento
  • Sarei molto interessato a sapere qualcosa di più sulle misure della precognizione condotte all'Università di Padova sottoponendo i soggetti a suoni neutri o sgradevoli. Sono un fisico e mi occupo di calcolo quantistico. Penso di avere scoperto che il calcolatore quantistico raggiunge la soluzione di un problema con meno calcoli di un calcolatore classico perché conosce in anticipo la metà (dei bit della) soluzione che lui stesso produrrà nel futuro. Questo darebbe un fondamento scientifico alla precognizione e quindi mi interesserebbe molto sapere se esistono risultati empirici probanti circa le nostre capacità di precognizione. Ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti, Giuseppe Castagnoli

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK