Ipnosi: il riscaldamento mentale di M. Erickson

Ciao,

Milton Erickson è stato in assoluto il genio più accreditato di questo secolo nel mondo dell’ipnosi. Se segui il mio blog sicuramente sai molte cose sul vecchietto di Phoenix…il suo modo di fare ipnoterapia è stato unico e copiato in diverse salse.

Durante le prime fasi di terapia con Erickson i clienti erano tutti piuttosto “confusi e provati”… spesso infatti le persone pensano che l’ipnosi sia qualcosa di magico dove si chiudono gli occhi, si “perde coscienza” per poi ri-svegliarsi cambiati e/o guariti, senza il minimo”sforzo cosciente”…

…non è affatto così, il processo ipnotico è spesso un vero e proprio lavoro per la mente del cliente ed è per questo che spesso Erickson iniziava le sue sedute…in modo particolare quelle successive alla prima, con unasorta di riscaldamento mentale/associativo. Ma che cosa faceva di specifico?

Semplicissimo… Erickson iniziava le sue sedute ponendo una serie di domande, apparentemente di poco senso, in cui chiedeva di ricordare eventi della vita quotidiana.Ad esempio poteva chiedere “che cosa ha fatto subito dopo essere uscita dal mio studio?”…oppure chiedere che cosa aveva acquistato per la spesa una settimana prima…

…e se la persona rispondeva Erickson insisteva fino a chiedere che cosa avesse mangiato a pranzo ed anche che cosa avesse visto durante una semplice passeggiata in centro per negozi. Questo modo di “riscaldamento”ha anche un secondo aspetto davvero interessante per chi si occupa di terapia:

permette all’inconscio di iniziare a fare connessioni con materiale pressoché innocuo…poco carico emotivamente, perché legato alla quotidianità…

L’innocenza delle cose ricordate dal paziente hanno l’effetto di “apri pista” per contenuti emotivamente più carichi. Una sorta di sciolina che permetta alla mente di entrare in un flusso di associazioni che successivamente potranno essere utilizzate anche durante il lavoro di trance…

Come al solito le cose molto efficaci sono quelle più semplici e tutto il lavoro di Erickson ne è una spesso una prova.Attualmente io, Manuel e Mauro stiamo lavorando per rendere molta di questa maestria anche nella nostra bella lingua. Infatti per quanto si conosca il suo modo di fare ipnosi…pochi hanno realmente “codificato” il suo reale modo di fare “ipnosi”…

Ti è piaciuto il “riscaldamento”? lasciami un commento qui sotto

A presto
Genna

Ps. per qualsiasi riferimento bibliografico sul”riscaldamento”, trovi tutto su “Ipnoterapia” Astrolabio M. Erickson ed Ernest Rossi

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Sviluppare il “linguaggio ipnotico” parte 2
PNL: “DHE vs. Silva Mind …e… Rilassamento Dinamico” ;-)
Corso di … “Comunicazione Persuasiva Applicata”
Psicologia: “imitarsi non è sempre funzionale”
PNL: training on-line di Steve Andreas
“Il Momento della Verità” e Acuità Sensoriale
Ipnosi: “6 consigli dalle Arance di Erickson” ;-)
Crescita professionale: “il Blog è meglio del Curriculum”
4 Commenti
  • Ciao Ragazzi…
    vi rispondo solo ora perchè sono in "quel di Mantova" a praticare la professione 😉

    X Elia: yessss…era davvero un grande e solo attraverso certe concoscenze che si può guardare dalle "spalle dei giganti" 😉
    grazie…

    X Andrea: bello il "cuscinetto di vita reale"…non so dire se sia una "tecnica empatica" ma di certo aiuta l'isturarsi del rapport…perchè casualmente Erickson ci buttava dentro un sacco di "yes set" 😉

    X Manuel: i preliminari sono sempre importanti, soprattutto quando devi penetrare……l'inconscio di una persona 😀 e nessuno lo sa meglio di te… :-X Ok..non posso anticipare nulla, ma i nostri contenuti sconvolgeranno il mondo dell'ipnosi italiano…e non solo 😉

    Grazie a tuti
    Genna

  • Bravo Genna stai iniziando a disseminare;-)

    La "sciolina" verso la trance è la fase più importante..come infatti sapranno tra poco i nostri studenti se non ci sono i "preliminari" nella costruzione del "rapport" ipnotico non si riesce ad ottenere un gran che..

    Le vie per rendere questa fase efficace son molte ma non voglio anticipare nulla.

    Ciao,
    Manuel

  • Ciao Genna! Mi piace l'idea del "riscaldamento"!
    Una specie di cuscinetto tra la vita reale e il setting terapeutico, quasi come se volesse rendere più "dolce" il passaggio ai contenuti più decisivi. Una tecnica empatica? 😉

  • Veramente ottimo articolo, non sapevo questa cosa di Milton, ma era veramente geniale, abbassa le difese dell'incoscio e permette di poter lavorare meglio.

    Complimmenti

    Elia Issa

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK