Ipnosi: Stephen Lankton video intervista da Phoenix

Ciao,

ricordi l’intervista a Brent B. Geary? è parte di questo grande progetto che stiamo mettendo in piedi, io, Manuele Mauro…che ormai sono certo hai imparato a conoscere.Loro sono la, in Arizona, e stanno davvero raccogliendo del materiale pazzesco…

Questa volta è il turno di Stephen Lankton, di cui abbiamo parlato moltissime volte… Lankton oltre ad essere stato allievo di Erickson si è occupato di argomenti molto belli,come la PNL 😉 in italiano esistono solo 2 libri suoi e sono uno più bello dell’altro…(magia pratica e la risposta dall’interno)..

NB. Purtroppo la video intervista è stata cancellata dai due autori. Per tanto ti dovrai accontentare della sua descrizione qui sotto!

Hai visto il video? questa volta non ho fatto la traduzione parola per parola…perché molte cose che dice Lankton sono per me davvero incomprensibili 😉 ma prima o poi ci sarà la traduzione completa.

Manuel inizia con la prima domanda: “come ha iniziato a studiare l’ipnosi?” Lankton risponde in modo giocoso dicendo che, per tanto tempo avrebbe voluto andare a vedere Fritz Perls ma ha sempre rimandato. E quando ha deciso di andarci, Perls è morto. E per questo motivo,quando ha scelto di lavorare con Erickson lo ha fatto per tempo.

Lankton racconta di aver letto “Strategy in Psychoterapy”di Jay Haley (“terapie non comuni) e di aver iniziato con Gregory Bateson a Palo Alto con la terapia della famiglia, Erickson era il consulente sulla comunicazione del M.R.I. (Weakland, Watzlawick, Jey Haley). In quel periodo studiavano come si potevano ipnotizzare i bambini e Gregory Bateson gli disse di chiedere a Milton Erickson…insomma tutto è nato in questo ambiente stimolante.

Poi Manuel chiede che cosa ne pensa della auto-ipnosi mostrando anche l’ultimo testo di Lankton “tools of intention”in cui si parla proprio di come migliorare la propria vita attraverso l’autoipnosi. Lankton “I cambiamenti riguardano qualsiasi cosa di cui hai bisogno nel tuo cuore e nella tua mente…ed essere abile di usarle nel contesto dove ne hai bisogno…”

“…così ogni cosa che permette di alzare la mia coscienza la mia esperienza, come la mia esperienza sensoriale o le mie sensazione, la mia percezione, le mie cognizioni e la visualizzazione…sono tutti strumenti utili…l’auto ipnosi è uno stato di alta concentrazione interiore dove tu puoi semplicemente stare li, oppure andare più veloce…l’autoipnosi è un buono strumento”

poi dice che l’autoipnosi può essere utilizzato per qualsiasi cosa, dalla gestione dell’ansia al miglioramento personale. Poi Manuel gli chiede di un metodo del suo nuovo libro “theHeart of Joy protocol” e Lankton svia la risposta dicendo”Heart of Joy protocol è qualcosa di molto simile alla stessa autoipnosi stessa…si tratta di un set di esercizi”

Mauro: “Quale è lo sbaglio più comune che puòfare un ipnoterapeuta?”

Lankton: “l’errore più comune è pensare che si possa dare suggestioni sul sintomo…quando sarai sveglio non avrai dolore…e non avrai ansia la prossima volta…è pensare che rispondere alle lamentele (del paziente) sia la soluzione…e penso che non ci sia cultura e poca attenzione verso l’esperienza interna..il terapista non può permettersi di fare un buon programma di psicoterapia.”…

…così non si possono avere esperienza di crescita personale…come con il controllo cognitivo, la terapia cognitivo-comportamentale ha fatto lo stesso errore…se dico a mestesso “io sono una orribile persona dentro e gli altri miodiano” e questo mi fa sentire male. Devo smettere di farlo.Questo è corretto…sostituirlo con “sono una buona persona”può non avere lo stesso effetto…”

Mauro: quale pensa che sia lo strumento migliore?

Lankton: “per essere certi devi prendere gli obiettivi piùgrandi e dividerli in pezzetti più piccoli…in questo modo puoiprendere i piccoli pezzi dell’esperienza e costruire…”

Manuel: Dove possiamo trovare più informazionisu di lei sul suo lavoro, il suo sito è lankton.com?

Lankton: “le pubblicazioni sono li, tutto il genere di info-romazioni sono li…il mio indirizzo è tutto li”…

Saluti

Ti parlo di Manuel Mauri e di Mauro Barachetti da molto perché ci conosciamo da tantissimo tempo. La nostra storia è davvero singolare, dalla sperimentazione all’università alla scuola di psicoterapia ipnotica. Con loro si lavora davvero benissimo… e stiamo preparando progetti meravigliosi…per chi è davvero appassionato di ipnosi e per chi vuole conoscere le più moderne metodologie in questo campo.

Insomma come forse avrai già intuito, da questa super avventura, oltre alle interviste e a tutte le informazioni che vedi e che vedrai, faremo un prodotto che sarà lanciato fra settembre e ottobre… Non posso dirti altro,solo che il 90% del materiale è inedito… non solo in Italia 😉 e ti assicuro che è la pura verità, non ho mai visto nulla di simile in oltre 10 anni di studi 😉

 

A presto
Genna

 

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
A scuola di Ipnosi: “i 5 passi per utilizzare il contenuto in ipnosi…”
Inconscio ericksonianano e la memoria implicita
Ipnosi: ipnotizzare i telespettatori?
Ipnosi e meditazione: il “sé come contesto”…
Ipnosi: Induzione bandler…”imparare l’iduzione ipnotica”
Ipnosi: A scuola d’Ipnosi Vol.1
Ipnosi pericolosa? Ipnosi = manipolazione mentale?
PNL: “Pulp Fiction e il linguaggio ipnotico” :-)
4 Commenti
  • Ciao Enrica,

    assolutamente si 😉 poi quando dice di spezzettare gli obiettivi in parti più piccole, credo anche io che si riferisca in parte alla logica strategica…

    tra le altre cose, Manuel è un super esperto in questo campo…ha studiato 4 anni con Nardone 😉

    Si…l'esperienza emozionale correttiva è di fondamentale importanza per ottenere un VERO cambiamento.

    Cara Enrica, tutto quello che vediamo in Italia da Nardone arriva dritto dritto da quel genio di Erickson, per capirlo basta leggere "terapia non comuni di Haley" 😉

    Grazie
    Genna

  • "…come con il controllo cognitivo, la terapia cognitivo-
    comportamentale ha fatto lo stesso errore…se dico a me
    stesso "io sono una orribile persona dentro e gli altri mi
    odiano" e questo mi fa sentire male. Devo smettere di farlo.
    Questo è corretto…sostituirlo con "sono una buona persona"
    può non avere lo stesso effetto…"

    Sono assolutamente d'accordo, per vissuto personale.

    :-))) E' un po' come se mi dicessi: devi volerti bene "spontaneamente" (Il mitico sii spontaneo di Wratzlawick). Non funziona perchè non genera emozioni.

    Ed altrettanto d'accordo sono sul fatto che piccole esperienze emozionali correttive, possono produre grandi cambiamenti.

    … Aspetto il resto. Non riuscendo a capire niente del video … aspetto pazientemente. (anche se il solo gustarsi le immagini merita egualmente)

    Enrica

  • Ciao ragazzi…

    il video è meraviglioso e lo recupererò di certo quando dovrò parlare di come si instaura il rapport…

    Infatti Manuel non solo ricalca alla grande, ma a tratti guidi Lankton..in una splendida danza "dell' influenza" (non quella suina :-D)

    Genna

  • Ciao Genna!
    L'intervista e' stata davvero stimolante..Lankton racconta un sacco di barzellette quando insegna e cosi' nel video vedi che cerchiamo di influenzarci a vicenda..
    Molto divertente
    Ciao
    Manuel & Mauro

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK