Ipnosi dinamica: Stefano Benemeglio e Marco Paret…

Ciao,

fra i molti tipi di ipnosi che circolano, noi in Italia ne abbiamo una tutta nostra l’Ipnosi Dinamica di Stefano Benemeglio. Te ne ho già parlato altrove e, nonostante non mi faccia impazzire, bisogna dargli tutti il merito di aver cercato una

ipotesi alternativa di ma per come la vedo, con una”fumosa esoterica”…

Ho frequentato alcuni seminari, visto molti video e conosciuto alcuni dei suoi “trainer analogici”…e ovviamente l’ho sperimentata. Se ti piace l’ipnosi da palcoscenico questo genere di tecniche è quello che fa per te. Infatti l’ipnosi dinamica (nome azzeccatissimo dato che ci sono molti concetti “dinamici”) è l’unica che arriva dritta dritta dagli spettacoli teatrali…e dalle sedute medianiche:-O

Hai visto il video? hai avuto qualche effetto? chi conosce la arzigogolatissima teoria sa che cosa significano i “3 segni”.In pratica funziona così: il cerchio è l’ego, l’asta rappresenta il padre ed il triangolo…indovina? bravo/a…la madre;-) Ma non finisce qui, questi tre segni si intersecano con altre teorie degne del trapassato Freud, che ti risparmio 😉

La domanda chiave è: funziona? certo che si…quando fai chiudere gli occhi ad una persona, la metti in piedi, con le braccia lungo il corpo, i piedi attaccati (posizione ortostatica)questa, dopo poco tempo inizia a perdere i riferimenti ed entra in trance. Si quindi manda in trance le persone ma questo non significa che funzioni a livello clinico

nonostante abbia una folta schiera di sostenitori.

Se hai letto i bellissimi libri di C. Tart sai esattamente come funziona questo genere di cose… Solo un altro personaggio,guarda caso italiano anche lui, si è cimentato in qualcosa di molto simile…ed è Marco Paret. Con la “leggera” differenza che lui li prende direttamente alla fonte (citandola).

Questa “comunicazione analogica” ha delle radici lontane, ma mentre Parte la annette fra le diverse tecniche che insegna, Benemeglio ne ha fatto un sistema chiuso di consulenza.

Paret ha fatto qualcosa di simile, ma ti dice esattamente da dove è stata presa…da Virginia Satir. Se hai letto il primo e pesantissimo libro “la struttura della magia” sai di che cosa sto parlando. Infatti l’abilissima terapeuta della famiglia aveva notato che le persone hanno principalmente 3 modi di usare il linguaggio non verbale:

1 – “Direttivo”: queste persona danno ordini diretti e, di solito, quando lo fanno puntano il dito…come se fosse un bastone con il quale intimano i loro ordini…

2 – “Propiziatorio”: queste persone ti supplicano e ti chiedono per favore di fare le cose. E nel farlo,metteranno i palmi delle mani verso l’alto, come per chiedere l’elemosina…

3 – “Super logici”: sono quelli che quando ti chiedono qualcosa lo fanno dandoti tutte le ragioni del caso…cercando di dare un senso logico a quello che stannofacendo.

Paret poi, ha mescolato questa semplice ed elegante teoria con l’enneagramma…ma questo è un altro discorso che a me,personalmente non piace molto (perché penso esistano modi più efficaci per osservare le persone -> spiegazione da superlogico;-))…

In poche parole, il lavoro di Benemeglio e quello di Paret si assomigliano, ma alla lontana, anche se io preferisco Paret.. mi piace sapere da dove arrivano le cose con precisione. Ma Benemeglio ha fatto davvero di più, in senso teorico…

…se hai visto il video e hai fatto l’esercizio ti sarai reso conto che il tuo corpo ondeggiava davvero. Questi sono semplici segnali ideomotori, hai presente il dito si/no di tutti i libri in cui Bandler parla di ipnosi? esattamente quelli, con l’unica differenza che si usa l’ondeggiamento del corpo…

e per quanto ne so io, la maggior parte della pratica si basa sul fare accordi con “le parti interiori” utilizzando i segnali ideomotori si/no per integrarli. Facendo domande del genere “Io bambino mi stai ascoltando?”…e il soggetto ad esempio, oscilla in avanti (segnale analogico del si)”sei disposto a far fare X al soggetto?”…e avanti così cercando di ottenere delle “integrazioni fra parti“.

Ho ridotto tantissimo l’argomento, perché in ogni teoria,per quanto strampalata ci sono cose interessanti da utilizzare…e adoro approfondire i punti di vista più inusuali. Oltretutto bisogna ricordare che Benemeglio è citato all’interno del “Trattato di Ipnosi” di Franco Granone.

Fammi sapere che cosa ne pensi, lasciami un commento qui sotto ed iscriviti alla Audio Newsletter lasciando il tuo nome ed email nella casella che vedi qui sopra. Riceverai ogni settimana esercizi audio Mp3 gratis.

A presto
Genna

Ps. per chi mi ha chiesto nei commenti e in privato come faccio a conoscere questi modelli, la risposta è che ho tutti i loro video. Ero e sono appassionato,per cui li ho studiati e praticati, ma con scarsi risultati. Come faccio ad averli? conosco un sacco di persone gentili 🙂

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Crescita Personale: Un Mindset per cogliere le opportunità della vita
Ipnosi: ipnotizzare i telespettatori?
Ipnosi e meditazione: il “sé come contesto”…
Ipnosi: 18° Congresso mondiale di Ipnosi Roma (ISH)
A scuola di Ipnosi Vol.6 “le presupposizioni”
Meditazione e Ipnosi: Come Funzionano ?
Ipnosi: Stephen Lankton video intervista da Phoenix
Ipnosi: furto ipnotico e induzioni istantanee…con Angelo De Micheli
91 Commenti
  • Ho preso un master con il dottor Paret..trovo che l'oscillazione per interrogare il proprio inconscio, da soli o con una guida, sia uno strumento molto utile, quindi con o senza specchio, al di la dell'utilizzo dei simboli di Benemeglio, il messmerismo e la"presenza" sono strumenti potenti che mancano moltissimo a molte persone, per il loro sviluppo personale.

  • Ciao a tutti,
    son capitato per caso in questo blog e mi sono letto tutti i commenti d'un fiato!!! Anche io appassionato di psicologia ma ahimé non sono psicologo e può rimanere solo una passione… Ho letto molti interrogativi e dubbi sul simbolismo di Benemeglio e provo a dare questa risposta: esiste o non esiste? E' vero o è falso? A me sembra vero!!! Perché??? Perché il primissimo riscontro lo noto nelle coppie (uomo/donna): le persone si innamorano e accoppiano secondo lo schema di Benemeglio!!! In uno dei suoi corsi Benemeglio spiega che il simbolismo asta, cerchio, triangolo viene collegato a padre, se stesso, madre ma ammette che l'origine di questi simboli è probabilmente molto più lontana, archetipica, ancestrale… Ammette, in sostanza, di non sapere nemmeno lui da dove derivino i simboli ma di averne capito alcune implicazioni pratiche sia nel collegamento con le figure ed il vissuto familiare, sia nella relazione tra i diversi simboli. Benemeglio si riferisce proprio a Pavlov e basa quasi tutta la sua psicologia sul comportamento dell'istanza analogica/emotiva che si comporta proprio con stimolo/risposta in base ad una ANALOGIA tra gli stimoli memorizzati nel passato, grazie ad un ancoraggio. A me comprendere la Psicologia Analogica è stato veramente d'aiuto nel mio percorso di crescita personale e di comprensione di me stesso, della mia emotività, del rapporto tra logica ed emozioni e soprattutto il ruolo fondamentale dei vincoli oggettivi e soggettivi!!!

    Fabrizio

  • Ciao Genna, grazie per la risposta…purtroppo se ero mediamente positivo adesso lo sono meno!!! Non sono uno psicologo e non lavoro nel settore medico. Ho provato a visitare il sito AMISI e non ho possibilità di accedervi in quanto non laureto in una delle due discipline… non mi resta che leggere tutta la documentazione disponibile per puro spirito di conoscenza…

  • Ciao Fabrizio,
    si la mia opinione espressa in questo post non è cambiata. Se vuoi fare ipnosi seriamente devi avere una preparazione psicologica alle spalle. Perchè l'ipnosi "seria" di per sè non esiste…o almeno esiste ma non funziona per fare "le cose serie" 🙂 Fortunatamente esiste la psicoterapia ipnotica, che è il percorso "serio" che ti consiglio se desideri davvero fare questo lavoro.

    Si è vero che non hai bisogno di lauree per qualificarti come esperto con certificazioni internazionali, ma in soldoni non puoi per la legge italiana fare psicoterapia se non sei psicologo o medico specializzato. Per cui il primo consiglio che do a chi davvero ha una profonda passione per la materia è quello di iscriversi a psicologia, che ovviamente ritengo essere un percorso propedeutico più importante di quello medico (anche se questo detiene ancora molto più potere dal punto di vista formale).

    Si puoi fare "il consulente analogico", ma cosa succede se un tizio dopo il tuo intervento, maleaugratamente finisce sotto una macchina? chi tutela in tribunale se gli dicono che stavi usando l'ipnosi?

    E' giusto questo? non lo so, perchè alcune persone che sono naturalmente portate non possono magari spendere questa loro dote al servizio delle persone. Mentre dall'altro lato però, il fatto che con alcuni corsi (spesso brevissimi) si inizi a mettere mani nell'inconscio delle persone, spesso senza un'adeguata preparazione,può essere pericoloso.

    Studiare psicologia non ti permette solo di avere una mappa molto ampia sul funzionamento della mente…ma anche di metterti alla prova. Perchè affrontare esami, tirocini ecc… non è una passeggiata… e fa parte di un lungo percorso con solide fondamenta.

    Magari sto sprecando "fiato" perchè tu sei già psicologo e/o medico e allora devi trovare la tua scuola di psicoterapia ipnotica. Io ho frequentato l'Amisi di Milano, ma in Italia ce ne sono tante altre…le puoi cercare su google e stare attento che siano riconosciute dal MIUR.

    Se invece non hai la più pallida intenzione di laurearti in altre cose, perchè ritieni che la tua preparazione sia sufficiente per operare sulle persone…è una tua scelta, magari sei una persona dotata e forse è giusto che tu possa condividere il tuo dono con altre persone facendole stare bene…ricordando di evitare di nuocere e proteggere il cliente.

    Ecco la mia poco sintetica risposta… alla tua domanda 🙂

  • Ciao Genna, avevo necessità di info. Sto partecipando a un corso di ipnosi dinamica (quasi gratuito). Vorrei diventare un ipnologo/ipnotista(??) serio e, dopo aver letto alcune "discussioni", se avevo alcuni dubbi si sono moltiplicati!!! Mi piacerebbe sapere come impostare la preparazione teorico/pratica.. grazie Fabrizio

  • scusa non ho risposto bene alla tua domanda dopo le prim 3-4 sedute l'ansia e scesa diciamo del 30% pero ti ripeto penso che ci sia stato un grande impatto dovuto al fatt di aver cominciato a fare qualcosa che mi permetteva di trovare una causa effetto.

  • ciao anonimo all'inizio ho avuto una grande abbassamento dell'ansia erchè era la prima volta che facevo una qualsiasi tecnica terapeutica e dare un minimo di causa effetto al cervello ha fatto abbassare il sintomo.
    Poi non potendo per motivi logistici continuare questa tecnica ho optato per la tcc ma ho fatto un paio di sedute. In questa sede mi sono stati spiegati razionalemete i meccanismi dell'ansia e questo mi ha aiutato tanto. Ora ho avuto la possiiblita in questi giorni di rifare qualche seduta di ipnosi dinamica ma le ipotesi di questa disciplina sono diverse rispetto ad altre ed utilizza anche parole in modo differente( credo)…gia per esempio la definizione di sintomo del disturbo d'ansia…questo mi ha destabilizzato e ho la sensazione che mi ha aumentato l'ansia…poinon lo so vedremo nei prossimi giorni

  • Ciao Marco,
    volevo chiederti un tutta serenità potresti dirci da una scala da zero a dieci di quanto è diminuita la tua ansia e in quanto tempo.
    Mi farebbe piacere avere la tua testimonianza in merito.
    Saluti
    Marcello

  • Ciao Marco,
    certamente…fammi sapere su genna78@gmail.com

  • ciao gennaro grazie per la rapida risposta.
    Sarebbe possibile parlarti in privato? vorrei chiederti dei consigli e delle spiegazioni.

  • Ciao Marco
    e grazie per aver condiviso la tua esperienza…di certo una psicoterapia cognitivo comportamentale può essere risolutiva, ma se ti piace l'ipnosi c'è la psicoterapia ipnotica (il mio modello di riferimento si chiama neo-ericksoniana) che è molto efficace…ed anche quella strategica è molto efficace per l'ansia.

    Fai le tue ricerche prima di contattare qualche professionista.

  • Salve a tutti volevo postare la mia esperienza per quanto riguarda l'ipnosi dinamica. Ho fattto 6 sedute con un operatore brnrmrgliano. Era la prima volt che andavo da uno psicologo. Effettivamente il corpo oscilla alle richieste ma mi chiedo….con gli occhi chiusi i nervi tirati per l'ansia e l'insonnia è normale che oscillo no? Devo dire la verita che la piu parte degli avvenimenti che sono evocati in seduta ipnonica non sono veri. Con l'operatore facendomi oscillare evochiamo traumi d'abbandono o altri con persone e luoghi cronologicamente impossibili…tuttavia le emozioni e diciamo le tematiche delle problematicheemerse sono giuste e quindi in un modo o nell'altro ho la possibilità di parlare di avvenimenti e sensazioni della mia vita accantonate o diciamo mal digerite. Me ne sono accorto dalla seconda seduta di questo ma ho continuato perchè comunque ho cvisto dei miglioramenti nel mio disturbo d'ansia. Ora pero dopo aver letto questo bellissmo post mi rendo conto della inattendibilita scientifica di questa tecnica . Una delle cose che mi vengono dette dal terapeuta è che anni di ricerca hanno dimostrato…ma mi viene di chiedergli ma quale ricerca…dammi la bibliografia dammi itest medici. Volevo chiedervi cosa ne pensate se passassi ad una terapia cognitivo comportamentale che attualmente è considerata la piu scientificamente provata per i disturbi di ansia

  • Grazie Samuela
    per la interessante notizia…vado subito sul tuo portale a dargli un'occhiata.

    Mi dispiace averti pubblicata in ritardo, ma mi stanno arrivando valanghe di commenti che si "nascondono"…spero di risolvere al più presto il problema.

    Genna

  • E' con grande gioia che comunichiamo a tutti la grande vittoria di Stefano Benemeglio nei confronti d l'Ordine degli psicologi del Lazio con la sentenza d'appello 333912, nella quale la Corte d'Appello di Roma ,annulla la delibera e la sanzione del Consiglio dell'Ordine degli Psicologi del Lazio con detta delibera comminata a Stefano Benemeglio e condanna i Consiglio dell'Ordine degli Psicologi del Lazio alle spese processuali del giudizio d'appello.
    Potrete trovare l'intero testo della sentenza a brevissimo sul sito

    http://www.accademianalogica.com

    Un cordialissimo saluto a tutti
    vince in bono malum

    Samuela Stano

    Presidente AIDA

  • Alessandro,
    di solito Benemeglio fa un sacco di corsi e può darsi che debba venire lì in Sicilia a tenerne qualcuno. Non credo (o almeno speralo per i tuo portafogli…dalle utlime notizie pare che prenda 150 ad incontro) che venga lì appositamente per te.

    Se stai tanto male, vai su google e cerca "psicoterapeuta" Sicilia…poi se vuoi postami il suo curriculum o contatto e ti faccio sapere se può esserti davvero d'aiuto.

  • però sto tanto male

  • ciao Gennaro si mi sono ricordato che c'è altro lui mi disse di andare da lui perchè lui in un paio di sedute certamente mi poteva portare fuori dal mio problema, mi disse di chiamare la sua segretaria e che raffrattempo lo avrebbe fatto gia lui così era già informata.
    Il fatto è che se io non potevo venire da lui era lui che veniva da me e io sono molto lontano in Sicilia, mi è sembrato che uno pur di guadagnare soldi venga da lontano ad aiutare la gente, una brava persona che si rispetti non deve scomodarsi ma si deve scomodare il paziente; almeno credo.
    Mi sembra uno che vorrebbe guadagnare soldi facili e sapendo che sono solo un ragazzo ne approfitta e comunque non credo che sia gratis ciao risp. se puoi

  • Ciao Alessandro,
    cavoli mi dispiace non poter cancellare i tuoi dati personali…se mi dici lo faccio immediatammente.

    Allora, "lui si è offerto"? cioè ti ha proposto lui gratuitamente di aiutarti? allora forse vale la pena di tentare.

    Credo che nel mio articolo sia evidente cosa penso di lui e della sua "ipnosi dinamica"… ma molte persone sostengono comunque di essere state aiutate.

    Per cui, se lui stesso (come credo di aver capito) si è fatto avanti per aiutarti, accetta il suo invito e vedi che succede.

    Ti invito anche a visitare questo forum dove parlano di lui http://www.intopic.it/forum/salute/power-balance/67077/

    fammi sapere
    Genna

  • Ciao Gennaro mi chiamo Alessandro, è ti scrivo perchè stefano Benemeglio si è offerto di guaire o meglio risolvere decidi tu, un mio problema, ecco anche se lui mi aspetta non ho il coraggio di andarci perchè io non mi fido di lui, cosa mi consigli?
    è veramente così bravo come dicono loro?
    e soprattutto mi conviene andare da lui ho mi danneggia ancora di più; vorrei che tu mi rispondessi ti mando il mio indirizo e-mail, e anche il mio numero di cellulare fatti sentire ti aspetto.
    ale_sottilelove@hotmail.it 3806850088

  • si ma la domanda che tutti fanno e che nessuno risponde é:

    1)Perchè il Prof Benemeglio è stato sospeso per sei mesi dall' ordine degli psicologi

    2)Perchè uno che dovrebbe rassicurare la gente si presenta come psicoterapeuta quando non lo è mai stato.

    Riuscireste a fidarvi.

    Non riesco a trovare risposte. Grazie

  • Mi ero dimenticato di dire riguardo al Simbolismo che non è nient'altro che una tecnica induttiva, ritengo che abbia un fondamento scientifico e una sua precisa logica e spiegazione che non è quella data da Benemeglio il quale molto spesso ama mischiare le carte per rinc…. chi lo segue, per altro basta fare il Corso Base per rendersi conto che così come viene spiegato da lui i conti non quadrano, per esempio lui differenzia 4 tipologie Padre Madre Ego maschio Ego femmina ma i simbolismi sono solo tre Asta Triangolo e Cerchio, quindi solo il cerchio per due tipologie????? Uuhmmmm non torna è così altre cosette. Tutto sommato devo dire che creare confusione torna spesso a suo vantaggio.

    Consiglio prima di pensare al Simbolismo di approfondire l'Energetica, tecnica che oggi nei corsi di Benemeglio non viene quasi più spiegata ma che lui continua ad usare in maniera prevalente. E se lui continua ad usarla in maniera prevalente nonostante il simbolismo vuol dire che……

    Lunga vita alla discussione:-)))

    Ciao a tutti
    Marco

  • Ciao Marco,

    hai reso perfettamente l'idea con l'esempio della macchina 😉

    si sono d'accordo, alla fine ciò che conta è "l'amore"…sempre finche c'è 😉

    Ehi…abbiamo dato vita proprio ad una bella discussione non trovate?

  • Anche la mia personale esperienza è convergente con quella dell’ANONIMO.
    Dopo anni, infatti, sono arrivato alla conclusione che il metodo della P.A o se preferite ristrutturazione benemegliana è da intendersi come cassetta degli strumenti all’interno di un piano più ampio che personalmente ho individuato negli insegnamenti tipo Anthony Robbins.
    Il metodo, infatti, si preoccupa di porre l’individuo nelle condizioni analogiche “ottimali”, mettendolo nelle condizioni di potere eseguire le proprie investiture emozionali.
    Quando la persona effettua una traslazione del proprio bersaglio emozionale, viene lasciato solo e quindi:

    L'amore guarisce tutte le malattie, finché c'è. come dice l’anonimo)

    Perché la nuova investitura emozionale alla fine sarà destabilizzato e questa situazione potrebbe riportare l’individuo nella situazione precedente.

    Per questo motivo io ho preferito imparare le tecniche e metterle nel mio cassetto degli attrezzi e utilizzarle al momento opportuno quando altre tecniche più leggere si mostrano meno efficace.

    Anche se dobbiamo dire che ultimamente l’attenzione per l’istanza razionale in questa tipologia di corsi negli ultimi anni è molto cresciuta.
    Ci sarebbe moltissimo da dire ……ma mi fermo qui.
    Saluti a tutti
    Marcello Annunziata

  • Grazie Genna per il complimento, ma purtroppo devo rinunciare all'appellativo di esperto.
    Se lo fossi veramente sarei già in lizza per il Nobel e non è così :-))

    Ovviamente non esistono degli studi seri sul Simbolismo Benemegliano, se non quelli fatti da Benemeglio stesso:-))))
    Di cui ovviamente non c'è nessuna pubblicazione.

    Questo perchè gli studi seri sono stati fatti da altri prima di lui, e non ti annoio dicendoti da chi.

    Ora il fatto se il Simbolismo abbia o no una valenza terapeutica è una cosa un pò complicata da definire se prima non ci mettiamo d'accordo su che cosa intendiamo per "valenza terapeutica" e quindi chiedo a genna ma anche agli altri che leggono, LO STRUMENTO CHE L'OPERATORE USA PER INDURRE IL TRANFERT HA UNA VALENZA TERAPEUTICA??? se la risposta è si allora ce l'ha anche il Simbolismo, se la risposta è no allora il Simbolismo non ha valenza terapeutica.

    Dò per scontato che si sia tutti d'accordo sul fatto che il Tranfert viene indotto consapevolmente dall'operatore e che non è un evento che si sviluppa causualmente nel corso delle varie sedute.

    E spero di non scatenare un vespaio su cosa sia il "Tranfert".:-))

    E visto che ci sono lancio un altro sasso ma il Transfert ha una valenza terapeutica??

    Genna non mi sorprende che molte persone che prima sono andate da Benemeglio poi siano andate da qualcun'altro, proprio per il tipo di intervento che fa Benemeglio, che per certi aspetti è utile ma non esaustivo consiglio a chiunque sia andato da Benemeglio dopo aver finito di iniziare un percorso di crescita personale altrove anche se hanno la "sensazione" di stare bene.

    Questo perchè quello che fa Benemeglio non ha niente a che vedere con la crescita personale, potremmo paragonare metaforicamente Benemeglio ad una unità di crisi che interviene in maniera molto efficiente sul luogo del disastro, ma che non si preoccupa minimamente delle motivazioni per cui il disastro è avvenuto, rimesse a posto le cose senza che la persona ne abbia la minima consapevolezza, inevitabilmente fa si che prima o poi la sudetta persona si ritrovi punto e a capo. (Ovviamente questo modus operandi non è solo tipico di Benemeglio)

    Essendo io uno di quelli che (circa 20 anni fa) è stato da lui vi racconto come in un sogno mi sono rappresentato l'intervento di Benemeglio.

    Il sogno è questo:

    Sono possessore di un'Alfa 164 (allora era l'ammiraglia dell'Alfa Romeo) tutta incidentata, potrei dire semi distrutta e la porto in carrozzeria da Benemeglio il quale mi dice non ti preoccupare in brevissimo tempo ci penso io.
    Esco dalla carrozzeria ad aspettare e dopo un pò mi chiama e mi dice che la macchina è pronta, io entro e guardo un pò perplesso come era stata rifatta la macchina, in pratica la carrozzeria era stata risistemata, ribbattuta e stuccatta alla meno peggio ma non era stata riverniciata quindi la macchina si presentava "rattoppata" entro dentro al posto guida e mi trovo in mezzo ad una serie di collegamenti elettrici volanti, fili che andavano da tutte le parti all'interno dell'abitacolo, una giungla di cavi, prendo le chiavi, le inserisco e….. incredibile nonostane i rattoppamenti e il caos di cavi volanti la macchina parte, tutto sembra funzionare regolarmente, cammina, quindi prendo e me ne vado.

    A voi le conclusioni.

    La mia è

    il "metodo Benemeglio" consente all'Operatore di tirare fuori le persone da grosse crisi personali in tempi rapidi ma poi è bene andare a rifinire il lavoro da qualche altra Parte.

    L'amore guarisce tutte le malattie, finchè c'è.

  • Ciao Marcello,

    si hai colto nel segno "l'anonimo" è un vero esperto.

    Personalmente, quando ho fatto i test (da poco esperto in ipnosi benmegliana) non mi hanno dato risultati concreti. Ovviamente la gente oscillava perchè tutti oscilliamo… però nessun risultato legato al simbolismo.

    Sono molto curioso di sapere se esistono degli studi o qualcosa del genere che dimostrino questo "simbolismo" e forse l'unico che può illuminarci è proprio "l'anonimo".

    Per quanto riguarda, invece, la valenza terapeutica di quella non ne sono affatto convinto…sia per i punti esposti da Mauro e sia perchè ho avuto molti clienti che arrivavano da Benemeglio in persona 😉 Chiaramente è ipnosi direttiva ed una certa percentuale di persone risponderebbe a qualsiasi suggestione… per cui, in un certo qual senso agisce. Ma per quanto mi riguarda penso che la "psicoterapia" sia altro.

    Genna

  • salve sono appena tornato dalle vacanze e ho avuto il piacere di leggere questi post. Mi piacerebbe, ma forse non è il blog giusto, che l'anonimo ci parlasse del simbolismo "benemegliano" dandoci la sua opinione. Personalmente credo che sia molto preparato nella materia e credetemi io che seguo Benemeglio da oltre 22 anni ( avevo 18 anni quando ho iniziato e attualmente ho 47 anni) dico che trovare delle persone realmente preparate in questa tematica è abbastanza difficile. Tutti fanno un corsetto e poi diventano esperti …..
    Poi se mi consentite dirvi che quando si stimola con il simbolismo con un soggetto per vedere le oscillazioni non basta andare avanti e indietro con il simbolismo ma bisogna individuare il punto di minima oscillazione e poi tirare …tornare al punto di oscillazione e ritornare a tirare e vedrete che il soggetto risponde …e la stranezza e che se fai l'esperimento alle spalle del soggetto ( dove il soggetto non vede il simbolismo espresso ) avrai le stesse oscillazioni.
    Poi possono capitare le persone con bassi indici di tolleranza e qui entra in gioco l'esperienza dell'operatore.
    Saluti a tutti e ben tornati dalle vacanze.
    Marcello

  • ciao ragazzi
    finalmente riesco a portare un commento..dalla bellissima Sardegna con il cellulare.:-)

    Chiaramente appezzo e condivido tutto quello che ha scritto il mio caro amico e collega Mauro. Non solo perché è mio amico ma perché penso sia uno dei più bravi e seri professionisti in Italia.

    Condivido anche quello che ha scritto Andrea… nonostante non lo conosca personalmente mi sembra…da quello che hai scritto che sei una persona preparata.

    Vorrei che questa serie di commenti possa diventare un "luogo" di condivisione di conoscenze che accresca la competenza di tutti noi.

    Grazie a tutti

    Ps per tutti gli appassionati del blog che arriveranno a leggere sino a qui…ho appena ricevuto la audio intervista del mentalista Francesco Tesei..sono certo che l'appezzerete.:-)

  • ciao ragazzi, su consiglio di genna, provo a lasciare il mio personale commento …
    condivido pienamente mauro quando parli dell'aspetto pragmatico dell'ipnosi; a volte si rischia di perdersi in teorie sull'ipnosi o a proporle, ma ritengo invece necessario coltivare la consapevolezza di come vanno le cose "realmente". secondo me una seduta di ipnosi è unica e rappresenta fondamentalmente un'esperienza peculiare del soggetto ma anche dell'ipnotista; sarebbe meglio "non parlarne", perderebbe probabilmente la sua importanza…;)
    complimenti genna per il blog..
    a presto
    andrea

  • Ciao a tutti,
    a tutti,
    la ricerca in psicoterapia sta portando e porterà nei prossimi anni un grandissimo contributo nel campo dell'ipnosi.
    E' qualcosa di nuovo, perché questi dati proverranno da Centri Privati di Psicoterapia che si occupano di Ipnosi Clinica applicata.
    Perchè questo non è avvenuto fin'ora? A livello italiano sono le università o gli ospedali a produrre ricerche. Tuttavia qui la psicoterapia non ha molto spazio. Nei primi si fa ricerca sopratutto in psicologia generale o sperimentale (psicofisiologia, psicobiologia etc) e nei secondi è raro trovare un equipe di psicologi-psicoterapeuti che producono una grande mole di ricerche (sia per una questione economica "gli psicologi dell'azienda sanitaria nazionale" sono pagati per fare prevenzione, consulenza e intervento…non ricerca, sia per una questione politico-oranizzativa della classe medica…negli ospedali giustamente le risorse sono destinate soprattutto alla prevenzione/cura/studio delle malattie del corpo).
    Quindi, stimo che tra 2/3 anni cominceremo a vedere gli effetti di questa rivoluzione.
    Per darvi solo un anticipazione ora, grande parte del nostro interesse, non è focalizzato sulle manovre di induzione o sui fenomeni della trance ma sullo studio dell'ESPERIENZA IPNOTICA.
    Parlare di ESPERIENZA fa si che ci sia anche una NUOVA consapevolezza non solo tecnica, ma teorica e metodologica. In altri termini, se parlo di IPNOSI posso analizzarla con un ottica SCIENTIFICA (STUDI DI PAVLOV)-OGGETTIVA (STUDI DI HILGARD)-FANTASCIENTIFICA (STUDI SU UNIVERSI PARALLELI) – ESCATOLOGICA (STUDI SULLE VITE PRECEDENTI)etc… (tutto ciò perché il termine ha subito distorsioni a livello semantico..con questa parola posso intendere sia la tecnica, che lo stato che la metodologia…storicamente è stata utilizzata in diversi campi del sapere e da diversi personaggi con diversi ruoli che ne hanno determinato il significato).
    Ora, il contributo di diverse discipline (fisica inclusa) ci permette di sostenere che la realtà può essere vista, letta interpretata, analizzata a diversi livelli. Quindi parliamo di diversi livelli di realtà fisico-simbolico-ipotetico (es. gli astronomi vedono nelle STELLE particelle di materia, gli astrologi connessioni con il futuro e i poeti emozioni). Categorie come oggettivo-soggettivo, scientifico-non scientifico. causa-effetto, etc sono perfette ad un livello di realtà di realtà di primo ordine, ma possono essere limitate e generatrici di errori metodologici ad altri livelli.
    La psicoterapia ipnotica contemporanea (quella che persone come il dott. Mauri, dott. Romagnoli –“Genna” ;)- e io stiamo utilizzando) si muove all'interno di una concezione dell'uomo che è visto come CREATORE di una delle realtà (quella di secondo ordine o dei significati) di cui ne subisce anche gli effetti (sia positivi che negativi). Quindi, visto che il nostro interesse è soprattutto PRAGMATICO non ci interessa scoprire cosa è vero o falso, giusto o sbagliato, ma a capire cosa funziona e come funziona.
    Circa 4 anni ABBIAMO FATTO UN IMPORTANTE SCOPERTA: se un APPASSIONATO DI IPNOSI VUOLE EVOLVERE deve avere ben chiaro con QUALI LENTI VEDE IL MONDO (Teorie Implicite che utilizza) e poi A CONFRONTARSI CONTINUAMENTE con certi nuovi elementi del sapere (es. il concetto di uomo come costruttore di realtà ipotetiche-simboliche e che queste influenzano il suo benessere!) che lo portano a MODIFICARE COMPLETAMENTE il suo modo di vedere e di agire nel mondo. In tutto questo processo l’utilizzo dello STATO DI COSCIENZA IPNOTICO è quello che ci permette di far avvenire questo CAMBIAMENTO in maniera armonica.
    Concludo facendo i complimenti a chi a inserito i commenti!
    A presto.
    Mauro 🙂

  • ah ah magari ce l'avessi più lungo ma in fondo finchè non si lamentano……..

    Si lo so sono un pò caustico ma il primo contatto con l'Ipnosi è avvenuto quando avevo 21 anni e adesso ne ho 44 e sinceramente ormai ne ho viste di tutti i colori con benemeglio poi che te lo dico a fà. Trovare qualcosa di nuovo è sempre più difficile anche se ultimamente mi sono imbattuto in alcune tecniche molto particolari di cui una in particolare consentirebbe di ripulire la Time Line integralmente, se ti dicessi da dove è stata estratta ti metteresti a ridere, però sembra che funzioni anche se è un pò lunghetta, l'unico limite e che ognuno può ripulire solo la propria, ovviamente in tutti questi anni sono rimasto un pò deluso da una psicologia che fa molte chiacchiere e pochi fatti.

    Buon ferragosto anche a te.

    Ciao Marco

    P.S. non c'è nulla di più stimolante di una sana simmetria…:-)))

  • Ciao Marco,

    ancora simmetria…dai ok lo hai più lungo tu 😉

    so perfettamente che hai inteso che cosa intedevo con "tutto a che fare con tutto"… ed il metamodello usato così sarebbe proprio da newbe della PNL 😉 i veri professionisti non lo usano in quel modo…e infatti, non lo hai fatto 😉

    Il tuo atteggiamento è un pò pessimistico nei confronti della nostra amata disciplina… intendo la psicologia … si vede che sono più ottimista di te oppure più "credulone di te" 😉

    Buon ferragosto
    Genna

  • Scherzi a parte
    forse quel matematico dovrebbe leggergi qualcosina in più sulle piramidi è noto che oltre le varie correlazioni matematiche nelle piramidi ci sono una serie di piccoli ma lunghi cunicoli che dall'interno sfociano all'esterno che puntavano (al tempo) alle stelle della cintua di Orione, sirio, ecc. Questo è un fatto non una dimostrazione matematica, certo può essere un caso, cos'ì come può essere un caso che i Maya avessero così approfondite conoscenze astronomiche e non conoscessero la ruota.

    Non ci rimane che sperare nel salto di coscienza del 2012.

    Grazie dell'offerta e dell'opportunità che mi offri, passato agosto ne parliamo in maniera più approfondita.

    Effettivamente io parto da concetti come una teoria mille applicazioni, cosa fare come farlo, conoscenza comprensione cambiamento, in fondo cerco di emulare quello che fanno i fisici con il loro modello standard con cui cercano di spiegare con un modello unico il funzionamento dell'universo, sarebbe ora che qualcuno si decidesse ad elaborare una teoria unificata della mente, sarebbe un bel passo avanti, mentre qui per ora ognuno dice la sua cercando di portare acqua al proprio mulino (e l'umanità va sempre più affondo), personalmente io cerco di perseguire il risultato poco importa se lo raggiungo con le idee o le teorie di qualcun'altro basta che non siano metamodellabili, perchè se sono metamodellabbili allora siamo sul soggettivo e non sull'oggettivo
    e allora difendo la mia idea a menoche non mi venga metamodellata o non mi accorga io stesso che è metamodellabile in questo caso sono il pimo ad abbandonarla e se l'altro ne ha una migliore della mia ben venga la sua idea diverrà sicuramente la mia, insomma se qualcuno mi dimostra che dico stronzate o evidenzia dei miei limiti a me mi fa un piacere perchè mi dà l'opportunità di migliorarmi.
    Quindi ben venga il confronto e anche lo scontro se necessario purchè l'obiettivo sia comune.

    Ciao Marco

  • Ok vedrò se trovo qualcosa su Bongartz.

    Palo Alto non l'ho commentato perchè un pò deludente, cioè comunicazione simmetrica, comunicazione complementare e poi? Certo la strategico o la sistemico relazionale all'inizio sembrava un'ottima cosa ma poi nella sua essenza si è rivelata un pò riduttiva. Elaborare modelli standard di approccio e soluzione al sintomo l'ho trovato un pò riduttivo, certo può andare bene quando affronti le stesse piccole e medie problematiche che hanno un focus ben preciso e ben individuato ma quando la persona si presenta con una problematica che ha una natura esistenziale è tutta un'altra storia, ovviamente ed è una mia opinione la strategico non ha niente a che vedere con l'evoluzione e l'aumento di consapevolezza delle persone, in fondo ti sposto l'attenzione e ti faccio fare ciò che il sintomo non ti permette di fare che è la soluzione, e anche qui diventerò noioso sempre Pavlov.

    E il priming? E' arcinoto che le persone non sfruttano il loro potenziale, ma questo non vuol dire che in loro non ci siano le risorse per esprimerlo, quindi io le attivo e ottengo un perfomance maggiore, BHO che hanno scoperto di nuovo?? Erikson con la tecnica della disseminazione era un "mago" nell'inviare comandi che attivavano risorse che permettevano alle persone di uscire dalle loro gabbie e poi siamo sempre a… no stavolta non lo dico:-))))

    Tutto è riconducibile a tutto, dai Genna non mi fare metamodellare questa affermazione:-))

    Potrei risponderti che se tutto è riconducibile a tutto allora niente è riconducibile a niente ma se tutto è riconducibile a tutto e niente e riconducibile a niente allora tutto non è riconducibile a niente e niente non è riconducibile a tutto quindi cos'è tutto cos'è niente in fondo tutto e niente sono la stessa cosa e se tutto e niente sono la stessa cosa allora la regola è che non ci sono regole e non è vero ciò che è vero e non è falso ciò che è falso ma allora sarà vero ciò che è falso e falso ciò che è vero ma se non è falso ciò che è vero allora non è vero ciò che è falso Ma alla fine Cos'è vero e cos'è falso Ma sono la stessa cosa è ovvio:-)))
    Spero di aver detto tutto.
    Oddio ma allora se ho detto tutto non ho detto niente!!!!
    Ma che ho detto????
    Non ci sto capendo più una mazza:-)))
    Forse se vado al CIM (centro igene mentale) mi risolvono il problema con qualche pasticcuccia:-)))
    Ok OK NON LI CHIAMATE CI VADO DA SOLO:-)))

  • Sul quotidiano “Repubblica del 6 settembre 09 è stato pubblicato un articolo dal titolo “Ipnosi, è boom fa bene al sesso e aiuta la carriera”.
    In sostanza è una pubblicità molto manifesta all’Accademia Benemeglio, che è una sorta di organizzazione che da anni vende corsi sulla comunicazione, pnl e ipnosi e che ha a capo Stefano Benemeglio, che sul giornale si propone come psicologo ipnotista.
    L’articolo presenta l’ipnosi come risolutiva di tutti i mali e meno impegnativa della psicoanalisi (ma penso si riferisca alle psicoterapie in generale).
    In pratica, i vari problemi si risolverebbero con 10 sedute ad 80 euro l’una. Si parla di problemi quali smettere di fumare, dimagrire, ritrovare l’autostima, ma anche recuperare un ex partner.
    Lettera firmata

    Nota della Redazione dell’OPM – In data 6 ottobre 2009 la nostra redazione riceve dall’Ordine degli Psicologi del Lazio la seguente comunicazione in risposta alla nostra richiesta di informazioni più dettagliate sulla qualifiche professionali del dr. Stefano Benemeglio:

    Prot. n. 6199 del 06/10/2009

    in riscontro alla sua nota prot. n. 6183 del 06/10/2009, sono a significarLe che il sig.Stefano Benemeglio non è abilitato all’esercizio dell’attività psicoterapeutica.

    Inoltre la informo che il Consiglio dell’Ordine, in data 25/09/2009, con delibera disciplinare n. 320-09 ha sospeso il sig. Benemeglio dall’esercizio della professione di psicologo per sei mesi ai sensi dell’art. 26, comma 1, lett. c) della legge 18 febbraio 1989 n. 56.

    Distinti saluti

    Segreteria Commissione Deontologica dell’Ordine degli Psicologi del Lazio

    (dott.ssa Marzia Meloni)

    TESTO DELL’ARTICOLO:

    La Repubblica, 6 settembre 2009
    Prima pagina, continua a p. 19
    Autore: Alessandra Retico

  • Ciao Marco,

    Bongartz ha pubblicato una valanga di cose..e non su "riviste" tipo "psicologia contemporanea" ma sulle varie riviste di settore. Ha anche contribuito in molti manuali di ipnosi clinica…come

    qui dovresti trovare qualcosa
    http://atgstg01.uk.sagepub.com/editorDetails.nav?contribId=521601

    Tutto è riconoducibile a tutto…questa è la mia "semplice spiegazione" su Pavlov. Ovviamente nulla toglie che il suo lavoro sia stato fra i migliori e, soprattutto, più "scientifici, nella storia della psicologia. Qualche tempo fa avevo letto un libro di un matematico che diceva "datemi una cabina telefonica qualsiasi nel Regno Unito e io vi dimostrerò matematicamente le stesse correlazioni che gli scienziati fanno da anni con le piramidi" 😉

    Il priming, come sicuramente sai, è una metodologia di ricerca davvero fighissima… molto al di là (sempre secondo me) del condizionamento, pur partendo da esso in un qualche modo.

    Non mi hai commentato le ricerche del MIR di Palo Alto, quelle sono state davvero rivoluzionare nel campo della psicoterapia. Ad esempio, anche se la nostra discussione è iniziata con una certa dose di "simmetria"…adesso noto che questa si sta affievolendo, perchè (forse) siamo due persone intelligenti che amano il confronto…e non due persone che cercano di fare a gara a chi lo ha "più lungo" ;-DDD

    Leggendoti vedo un sacco di esperienza che probabilmente io non ho ancora è sono davvero incuriosito dal conoscerti…(grazie per la mail ;-)))

    Si, credo che tu abbia espresso ancora meglio quello che volevo dire su come uso l'ipnosi. Ma a volte lo faccio "contemporaneamente" mentre altre volte lo faccio un "pezzettino alla volta". La maggior parte prendono tutto il pacchetto e se lo portano a casa, altre invece hanno bisogno di essere accompagnate a casa con il "pacco in mano" 😉

    Dopo la mail mi spingo oltre e ti chiedo…che ne diresti, magari in un futuro dopo le ferie, di fare una audio intervista con me? sarebbe davvero interessante avere un super esperto in questo ambito, che non arrivi da "percorsi accademici".

    Tutto quello che voglio…è imparare sempre di più e migliorare me stesso e le persone che hanno deciso di seguire il mio blog 🙂

    Grazie
    Genna

  • Ok vada per Bongartz, ha pubblicato qualcosa? Ovviamente mi riferisco a libri e non a articoletti su riviste varie.

    Riguardo agli studi sul priming avevo iniziato ad interessarmene qualche tempo fa, ma poi ho abbandonato appena mi sono reso conto che era la solita acqua calda, non so forse ho abbandonato troppo presto e il mio giudizio è stato troppo precipitoso, ma sinceramente mi sono rotto le ***** di leggere sempre le stesse cose poste in chiave diversa o chiamate diversamente ecc.
    Alla fine il cervello è uno e posso leggere tremila cose ma inevitabilmente non possono non avere un denominatore comune e io lo ritrovo sempre in Pavlov.
    Ma in fondo quasti studi sul priming cosa mi vogliono dire?
    Mi sono andato a rileggere al volo qualche esperimento su internet e quello che trovo te lo spiego con la PNL con Erikson e con Pavlov, tenendo in considerazione il fatto che l'ultimo ti dice pure perchè funziona.

    Uso l'ipnosi per creare la condizione affinchè la persona volontariamente rimetta a posto le cose che precedentemente non riusciva a rimettere a posto, contemporaneamente gli passo gli strumenti per farlo e per continuare a farlo da sola quando sia necessario, questa fino ad oggi e la strategia che mi ha dato più soddisfazione, ovviamnte ho provato anche altre strategie ma inevitabilmente vi erano effetti collaterali.

    Ciao Marco

  • Ciao Marco,

    cavoli sai che non ho proprio nulla da contestarti 😉 Però se puoi, vatti a leggere i lavori di Bongartz sono davvero interessanti, quella che ho riportato io è una "tecnicuccia".

    tranne per il fatto che non si sia fatto "un passo in avanti". Prova a pensare agli studi sul priming in psicologia, con il quale si potrebbe spiegare tutto il lavoro degli ipnotisti.

    Uso l'ipnosi per rimettere le cose apposto dove la persone non è riuscita volontariamente. Poi, una volta che ci riesce gli mostro il modo per poterlo fare da sola 😉 di solito, fare il contrario non mi riesce ;-))

    Vediamo un pò, ti chiami Marco… eheheh la mia curiosità cresce sempre di più 😉

  • Dai genna facciamo una discussione seria, ho visto il link quella sarebbe la moderna ipnoterapia??
    Apparte il fatto che come tu stesso dici è una tecnica della pnl, ma poi quando raccogli una risorsa e la utilizzi contro il sintomo indovina un pò cosa fai?
    Usi un condizionamento per inibirne un altro e questa robba è robba di Pavlov niente di nuovo sotto il sole.
    Ci possono essere mille metafore o interpretazioni del funzionamento del cervello ma ritorniamo sempre a lui.
    Con queste tecniche se ti capita un VERO disturbo d'ansia sorto in età preoggettuale ci fai la birra.
    In fondo piennelisticamente parlando il collasso tra ancore mediamente funziona, il problema sorge quando ti trovi a dover risolvere un sintomo talmente forte per cui non si riescono a raccogliere sufficenti risorse per contrastarlo, inoltre in genere quando l'ancora con cui contrasti il sintomo viene meno il sintomo si ripresenta.

    Si dice che l'amore cura tutti i mali io aggiungo "finchè c'è".

    Non so se hai capito cosa intendo dire.

    Il giorno in cui qualcuno troverà una tecnica, un modello, o qualunque cosa tu voglia, in grado di tirare fuori un autistico dalla gabbia in cui è richiuso, quello avrà fatto, inventato, creato qualcosa di eclatante.
    Ovviamente i vari capi scuola ricercatori ecc. quando pubblicano mica ti vengono a raccontare i loro fallimenti, loro decantano i successi e occultano gli insuccessi.

    Qui siamo al solito punto per cui una lobby come quella dei medici si arrogano il diritto di decidere chi può avere il lasciapassare del MIUR.
    Il Miur poi che non riesce a fare un tests di selezione per medicina, test che se non erro è di 80 domande a scelta multipla senza che ogni volta ce ne siano due o tre sbagliate, poi non parliamo dell'Ordine degli Psicologi, quello di Roma è arrivato a contestare la divulgazione di tecniche psicoterapiche in corsi eterogenei,
    Una cosa pietosa e ridicola quando posso andare da Feltrinelli e mi posso comprare tutti i manuali di psicologia e psicoterapia che voglio, inoltre senza tenere conto che non esiste nessuna legge che impedisca la divugazione della conoscenza.

    Per farla breve qui si continua a scoprire e riscoprire l'acqua calda, e chi di dovere continua a pensare solo al proprio giardino.

    Ma torniamo alle cose serie è ovvio che con l'ipnosi si ottengono più risultati, ma ti sei chiesto perchè??

    E poi hai mai pensato che utilizzando l'ipnosi di fatto impedisci alla persona di padroneggiare la soluzione del problema??

    Ma lavoriamo per svegliarla o addormentarla la gente??? :-))

    Ciao Marco

  • Ciao Anonimo,
    effettivamente sta diventando una super discussione, altro che post, ci scrivo un libro ;-)))

    Sono state fatte delle bellissime scoperte dopo Pavlov…dagli studi del MRI di Palo Alto, quindi la pragmatica della comunicazione umana agli studi della Junko logic di Robert Anton Wilson… quindi dal mondo accademico a quello dello sviluppo personale. Tutti studi che non hanno nulla a che fare con il condizionamento.

    Già di per se il modello di Skinner era più avanzato di quello di Pavlov, ma se non ho capito male intendi "qualcosa che non c'entri nulla con Pavlov".

    La psicoterapia ipnotica moderna fa capo a Bongartz,

    http://pnl-ipnosi.blogspot.com/2009/11/ipnosi-walter-bongartz-e-il-trattamento.html

    partendo dagli studi di Hilgard ci sono stati dei radicali cambiamenti nel modo di fare e concepire la "ipnositerapia". Il loro più grande merito è stato quello di costruire dei modelli coerenti che potessero essere accettati dallo estabilishment medico. E' per questo che scuole come l'AMISI di Milano o quella di Loriedo a Roma hanno ottenuto il lascia passare del MIUR.

    Un altra super ricercatrice è la Banyai (cavoli mi dispiace non essere a Padova davanti alla mia libreria perchè potrei darti dettagli più precisi) che, ancora prima di Rizzolatti, aveva sub annusato i neuroni specchio facendo esperimenti con l'ipnosi.

    Anche Marco Margnelli e il suo collaboratore Giorgio Gagliardi hanno fatto degli studi ultra interessanti sugli stati modificati di coscienza. Se ti piace un pò "la parapsicologia" leggiti il loro bellissimo libro "stati modificati di coscienza". Dove analizzano centinaia di casi "paranormali" (stigmate ecc.)e ne traggono insegnamenti davvero fighi 😉 (altro che gli studi sulle sedute spiritiche di Benemeglio)…

    Sono perfettamente d'accordo con te, è la persona e non la tecnica a creare il cambiamento. Ma nonostate questo, se la persona "portata" ha una buona tecnica la cosa cambia. Io lo vedo nel mio studio da anni (non tantissimi 6…ma neanche pochissimi visto che lavoro quasi tutti i giorni)… cioè se uso la tecnica che amo (quella ipnotica;-)) ho molti più risultati. Mentre altre volte uso tecniche e modalità che non mi portano troppo lontano.

    Si …dipende proprio dall'operatore 😉

    Dai su, mandami una mail in privato e fammi sapere chi sei…"non lo dico a nessuno" :DDD

  • EH EH la discussione si fa interessante.

    Effettivamente su Albert hai ragione, se ne dicono di tutti i colori sulla sua fine. Mha forse non lo sapremo mai con certezza.

    E' vero oscilliamo sempre, infatti quello che si deve notare è la variazione in ampiezza dell'oscillazzione.
    Cioè stabilisco una linea di base e rispetto a quella prendo in considerazione le variazioni, come si fa per la comunicazione non verbale, se entro nella stanza del capo di mia iniziativa e lo trovo in una posizione di chiusura, non penserò di certo che è nei miei confronti, prenderò atto che la chiusura connota un suo stato emotivo e da li prenderò in considerazione tutte le variazioni che la mia comunicazione può determinare.

    Per quanto riguarda Pavlov continuo a ritenere che dopo di lui nessuno ha crato più nulla, (nel senso che devo trovare ancora qualcuno che abbia detto qualcosa che non sia riconducibile a lui ovvero alla nozione di riflesso ecc.. se tu dici che esiste ti prego nome e cognome) sicuramente molti hanno evoluto trovandogli delle applicazioni pratiche i suoi studi come Wolpe, Seligman e altri, ma questo lo stava facendo anche Pavlov solo che (sfortunatamente)è morto proprio quando stava incominciando a traslare il risultato dei suoi studi sull'uomo. Se fosse campato altri dieci anni ne avremmo viste delle belle!!!

    Alla fine e' irrilevante almeno per me chi è o non è o chi ha detto o non detto a me personalmente mi interessa solo funziona o non funziona e cosa come perchè. Il resto credo lo sappia anche tu che sono mere disquisizioni dialettiche che servono solo per farci passare un pò di tempo.

    Hai citato il vero disturbo d'ansia, se ho capito bene ti riferisci a un disturbo d'anzia generalizzato sorto in una fase preoggettuale quindi senza (per il soggetto) relazione di causa effetto (il soggetto dice che ce l'ha da sempre, che non sa perchè è ansioso, che non esiste un momento in cui non ce l'abbia ecc. L'ansia per il soggetto è totalmete decontestualizzata)
    Ecco questo è un argomento interessante, è giusto sfidare il piennellista e non la pnl perchè ti posso assicurare che il problema, quando non si raggiunge il risultato, non è nella tecnica ma in chi la usa, non è la tecnica ha fare potente l'uomo, ma è l'uomo che fa potente la tecnica, se ho una ferrari e la guido come una cinquecento otterro i tempi di una cinquecento, in pratica molte volte anzi molto spesso una tecnica viene inficiata dai limiti (paure) dell'operatore e dalle varie regole etiche e deontologiche a cui "dovrebbe sottostare", immaggina di poter risolvere una grossa sofferenza ad una persona, ma che la soluzione sia fuori dall'etica e dalla deontologia che fai????

    Perchè Freud ha rinunciato all'Ipnosi?? Semplice non era in grado per sue problematiche personali di gestirne gli effetti.
    Il controtranfert è sempre in aguato;-))))

    Ora tu hai parlato di "moderna psicoterapia ipnotica", mi sorprendi "moderna" mi sono perso qualcosa??? Se si ti riprego nomi e cognomi.

    Benemeglio, Granone potrei dire che loro usano la tecnica di Pavlov:-))

    Ciao a presto

  • Ciao Anonimo,

    andando a memoria, mi pare di aver letto fra i "gossip psicologici" che non riuscirono mai a decondizionare il piccolo Albert. In realtà (sempre a memoria) mi pare che fosse perchè la procedura di Watson non erano anocra così "sofisticate"….ma poco importa…

    …si, è vero che oscilliamo, ma non da stimoli che non possiamo percepire. Tutto oscilla nel nostro corpo e "tutto" lo fa in modo inconscio 😉

    la mia obiezione a quello che tu hai scritto all'inizio non è che Pavlov abbia detto cavolate ma che ci sono persone, come ad esempio Wolpe da te citato, che sono andate avanti e hanno creato il cognitivismo e tante altre cose "anni luce da Pavlov". Grande merito lo si deve a Chomsky che, guarda caso è stato il "capo" di Grinder… poi c'è Seligman con la sua impotenza appresa… insomma ci sono tantissimi studi che superano Pavlov…

    …ma questo non significa che Pavlov sia stato uno stolto…anzi senza di lui non avremmo la psicologia moderna.

    Ti ho detto di Albert e del televisore, perchè questa era la condotta di quel tempo… sappiamo che se faccio X ottengo Y…ma non mi chiedo che cosa accade nella testa delle persone. Magari non è assolutamente necessario chiederselo 😉 però…dal momento in cui hanno iniziato a chiederselo sono nate forme di intervento decisamente migliori del condizionamento pavloviano.

    Come ho detto in diversi articoli, sfido qualsiasi Piennellista (che utilizza una tecnica appunto cognitivo-comportamentale) a togliere un vero disturbo d'ansia con le sue tecniche e con la stessa efficacia nel tempo della moderna psicoterapia ipnotica.

    Vedi anche se sembro tanto invasato con la PNL … non lo sono affatto. Mi piace il suo atteggiamento e soprattutto il modellamento linguistico di Erickson, ma penso che molte cose siano profondamente "inefficaci". Ma anche qui potremmo perderci in una super discussione senza fine 😉

    Ps. voglio "correggere" una casualità: è Benemeglio che usa la tecnica di Granone e non il contrario, anche per un motivo storiografico.

  • Certo che puoi pubblicare le nostre discussioni.

    per quanto riguarda l'esperimento a cui mi riferivo non è quello del piccolo Albert.
    L'esperimento del piccolo albert prova che effettivamente il riflesso condizionato si può installare anche nell'uomo, per ciò che riguarda il fatto che si sia generalizzato anche questo processo è stato studiato e sviscerato totalmente da Pavlov
    Che fine ha fatto Albert?
    Controlla bene le tue fonti perchè a me risulta che il condizionamento sia stato eliminato
    d'altro canto Pavlov spiega benessimo come si fa, da qui nasce la tecnica di desensibilizzazione sistematica o progressiva di Joseph Wolpe e poi tutta la parte skinneriana, se non si potessero eliminare i condizionamenti sarebbe una cosa veramente drammatica ma per fortuna non è così anche la PNL in fondo ha questo obiettivo così come altre scuole.
    E' chiaro che non apriamo la testa alle persone, non è necessario basta la parola.
    Il discorso dell'oscillazione avanti o indietro è un discorso complesso che ha un suo fondo scientifico, ovviamente non di benemeglio, ma ti posso dire che funziona, ovviamente il soggetto deve ricevere uno stimolo che non sia neutro, pensaci bene è logico semplice e anche scientificamente provato, ci avviciniamo a ciò che ci piace, ci allontaniamo da ciò che non ci piace, in realtà un qualunque stimolo che non sia neutro per il soggetto inevitabilmente provocherà una risposta in avanti e indietro, funziona come per la kinesologia è uguale. magari più avanti approfondiremo il tema sul simbolismo benemegliano su cui ho parecchio da dire e su molti punti sono in totale antitesi con lui.

    Bhe la località è quella ma il mio nome di battesimo non incomincia con la G ne con la R ovviamente non sono ne il figlio ne il fratello e non lo frequento da almeno due anni

    ciao a presto

  • Ciao Anonimo riservato 😉

    si il sistema di dobbia segnalazione di Pavolov è stato un primo abbozzo per la spiegazione di quello che hai descritto…di certo fondamentale per far nascere il tutto.

    L'esperimento a cui ti riferisci è quello fatto sul povero Albert, un bambino di pochi anni condizionato ad avere paura dei conigli. Peccato che Albert poi ha generalizzato questo al colore bianco diventando fobico e…aihmè morendo fobico, perchè nessuno è più riuscito a de-condizionarlo.

    Vedi è proprio qui il problema del comportamentismo… se il mio televisore non funziona posso prenderlo a botte. Questo è comportamentismo… ma se sono un elettrotecnico posso aprirlo e guardare che cosa non funziona dentro. Lo so la metafora è un pò forzata, perchè noi (immaginando che tu sia una sorta di mio collega) non apriamo la testa delle persone.

    Ovviamente senza Pavlov non esisterebbe nulla di quello che oggi noi chiamiamo psicoterapia cognitivo-comportamentale (PNL compresa)… E, probabilmente senza Benemeglio molti studi sulla ipnosi non sarebbero stati effettuati.

    Ti racconto che cosa ho fatto durante un mio corso…ho circa 20 testimoni… Ho preso 3 partecipanti e gli ho chiesto di osservare le oscillazioni del corpo di una persona, li ho "addestrati per benino" a osservare i minimi movimenti del corpo e a segnarli su un pezzo di carta.

    Poi ho chiesto ad un altro ragazzo di fare le stimolazioni analogiche alla Benemeglio… non solo le ho anche disegnate, su una lavagna a fogli mobili. Risultato del mio esperimento con una decina di soggetti è stato: NESSUNO ha seguito le stimolazioni come afferma Benemeglio. Per me, quello che accade nei suoi corsi è che i soggetti "si aspettano" di vedere ciò che vedranno. E quando il soggetto è ignaro (quello che oscilla) è il "trainer analogico" a fargli fare ciò che desidera (vedi effetto pigmaglione, neuroni specchio e compagnia bella).

    Sono stra curioso, vorrei tanto sapere chi sei 😉 puoi dirmelo in privato su genna78@gmail.com? e ti faccio la stessa domanda, anche se francamente non ho bisogno del tuo permesso… posso pubblicare le nostre discussioni?

    Ho una mezza idea di chi potresti essere perchè il mio software di traking mi dice di dove sei… ma non chi sei 😉

  • ovviamente il tuo blog è seguito anche da altri e per ora rimango anonimo senno rischiamo che i toni della conversazione salgano troppo.

    Per quanto riguarda la ricerca te ne dico una che tu sicuramente già conoscerai ma che farà felice tanti tuoi lettori e corsisti di Benemeglio che forse non l'hanno ben capita (è una delle cose che Benemeglio non dice).

    faccio una premessa:

    Pavlov definisce due sistemi di segnalazione, il primo più propriamente appartenente alla sfera animale, sfera a cui anche noi apparteniamo, il secondo più propriamente appartenente alla sfera umana a cui gli animali non appartengono, tradotto funzioniamo allo stesso modo di un cane solo che in più abbiamo la parola che ci consente di fare tante cose in più. La parola è definita secondo sistema di segnalazione, tutto il resto ricade nel primo.

    Passiamo alle cose serie, l'esperimento è quello classico di Pavlov se faccio vedere la carne ad un cane affamato il cane saliva,
    se mentre il cane vede la carne associo il battito di un metronomo ed effetttuo la ripetizione varie volte ad un certo punto il battito del metronomo si sostituirà alla vista della sola carne, in sostanza il cane saliverà al battito del solo metrono, ora uno dirà embee che ce frega noi non siamo cani, peccato che in uno studio (ora non mi ricordo gli autori che lo condussero ma se necessario li ricercherò) questo stesso esperimento è stato fatto sull'uomo con i medesimi risultati,solo e qui viene il bello il condizonamento poteva essere stimolato anche solo con la parola METRONOMO, mentre al cane potevi dire metronomo quante volte volevi non succedeva niente.

    quindi ricapitoliamo il cane saliva per prepararsi ad ingerire l'alimento e lo sperimentatore può decidere (purchè il cane non sia sazio) quando farlo salivare, la differenza con l'uomo è che non ho bisogno di farvi sentire il battito del metrono mi basta pronunciare la parola "METRONOMO",
    più semplicemente la differenza è questa avete fame passate di fronte ad una rosticceria e vi viene l'acquolina in bocca, oppure avete fame incontrate un amico e lui vi parla dei cannelloni che si è appena mangiato e a voi viene l'acquolina in bocca, ora la fame è un istinto, il sesso è un istinto, l'attaccamento è un istinto traete le logiche deduzioni, domandatevi perchè molte pubblicità battono sul sesso, la famiglia, i figli ecc.

    ovviamente sarebbe riduttivo usare questi meccanismi per portarsi a letto qualcuno, ma questo per dire che certi processi mentali sono stati studiadi prima di Benemeglio, prima della PNL, senza Pavlov la pnl e Benemeglio e altri non esisterebbero.

    Alla base di qualunque teoria compreso qualunque metodo induttivo ipnotico troveremo sempre un processo tipo Stimolo-Risposta.

    Mi fermo qui non vorrei aver già detto troppo (perchè altro ci sarebbe da dire).

    Ciao

    P.S. per chi non avesse capito sostituite alla fame i sesso.

    Tutto questo serve per una crescita personale?

    Personalmente credo di si, bisogna conoscere la macchina per governarla e guidarla efficacemente.
    Se ti conosci puoi cambiarti, se non ti conosci cosa cambi?

  • Anonimo…
    il link funziona
    ora me lo leggo 😉

  • Ciao Anonimo 😉
    resti ancora anonimo …perchè non hai scritto come ti chiami.

    Ho immediatamente preso la responsabilità del "genio di turno", pur avendo capito che non parlavi direttamente con me…perchè è evidente a qualsiasi persona conosca l'italiano…ma se qualcuno sporca a casa mia, sono sempre io il primo a pulire e prenderne la responsabilità 😉

    Mi piace la tua preparazione che sembra essere davvero approfondita e ti credo perchè non dovresi farlo? 😉 conosco personalmente molti certificati alla NGH…anche molti italiani.

    L'ipnosi è solo uno strumento sono ultra d'accordo con te, infatti preferenzialmente io non parlo di ipnosi ma di "psicoterapia ipnotica" nella accezione di Bongartz. Non voglio dirti che sono psicologo, psicoterapeuta ipnotico, master pratictioner in PNL e che collaboro con persone della Milton Erickson Foundation…conosco i migliori allievi di Benemeglio ecc…ecc.. ops l'ho fatto 😉

    Purtroppo il tuo link non funziona…me lo rimandi? sono un ultra curioso ed entusiasta della materia e non mi interessa dire "sono figo" ecc…ecc… se qualcuno mi mostra e dimostra qualcosa che non sapevo ne suono ultra ultra felice. Per cui aspetto il tuo link funzionante …

    Grazie…

    Ps. i metodi moderni della ricerca in psicologia sono davvero fighissimi, ti consiglio di approfondirli perchè non c'è solo Pavlov.

    Pps. se mi dici il tuo nome e cognome ci scrivo un post su questa interessante discussione 😉

  • Mi devo scusare perchè forse non mi sono presentato, ma per quello che riguarda l'Ipnosi sono solo certificato Hypnotherapist dal National Guild of Hypnotist, e per quello che riguarda la PNL ho letto tutto quello che c'era da leggere e ho una sorella che ha fatto "per quello che riguarda la formazione" tutto quello che si poteva fare in Italia, trai la logica conseguenza.
    Ah dimenticavo Benemeglio, se ti dico che conosco benissimo sia lui che la sua materia ci credi? Bene credici, anzi ti dirò di più come lo conosco io "lui e la sua materia" sul pianeta ce ne sono veramente pochi.
    La marea di studi oggettivi che citi guardacaso sono solo una mera rilevazione degli effetti dell'Ipnosi, mi permetto di ricordarti che ciò che dovrebbe interessare è invece uno studio oggettivo sulle cause di certi effetti.
    Gli autori che hai citato, niente di nuovo sotto il sole.
    Per dirtene una anni fa in una conferenza sull'Ipnosi tenuta da Sodaro (un'altro grande dell'Ipnosi leggi il link su come conduceva le sue ricerche http://wildgreta.wordpress.com/2008/10/27/ipnotizzava-e-violentavaanoressiche-due-degli-avvocati-del-caso-rignano-avversari-in-un-altro-processo/)ho incontrato alcuni allievi di Granone che mi hanno descritto la tecnica induttiva che adottava nei suoi "esperimenti con i suoi pazienti" e sorpresa usava la tecnica induttiva di Benemeglio (nello specifico non quella denominata Simbolica, ma quella denominata energetica), grande ricercatore, mi pare se non ricordo male che nel suo trattato dedichi un paio di righe al Benemeglio.
    Ci sarebbe poi da discutere se quello che Benemeglio dice essere una sua "scoperta" sia veramente una sua scoperta, idem Bandler e compagni.
    Rimane un fatto su cui non credo si possa discutere che la Fisiologia per quanto riguarda l'oggettività batta la psicologia 10 a 0.
    Per chi ha voglia di studiarsi le ricerche condotte da Pavlov, (andandosi a ricercare anche testi non più in commercio)con un minimo di apertura mentale sarà inevitabile prendere atto che la definizione di Ipnosi data da Pavlov e la più corretta, ovvero Pavlov c'ha preso alla grande, lui ne dà una spiegazione oggettiva, tutti gli altri interpretano.
    Visto il link che ho consigliato prima devo chiarire che l'ipnosi in se non è altro che uno strumento, quindi come strumento non ha nulla di pericoloso (anche una pistola e solo uno strumento poi se qualcuno preme il grilletto…), cosa diversa è chi la usa, chi la usa può e dico può essere pericoloso, quindi se ritenete che l'ipnosi possa esservi di aiuto e vi garantisco che se usata bene è uno strumento molto potente scegliete bene da chi andare, non scegliete solo in funzione della bravura ma scegliete anche in funzione della persona, molti sono bravi ma sono anche dei grandi F di P.
    Tenete conto che i più bravi non usano l'Ipnosi in maniera diretta
    (del tipo ora si metta in piedi, o ora si stenda, ecc. in funzione del metodi induttivo adottato)ma chiacchierano chiacchierano e la magia accade tutto in modo semplice e naturale per farla breve alla Erickson.

    Caro Genna mi scuso per lo sproloquio, ma mi è sembrato che tu sia un ricercatore, quindi tieni conto del fatto che certe verità quando sono scomode vengono seppellite sotto colti di fumo dall'egoismo di chi per avere più potere poi le usa per il propri fini personali. Ora se tu hai già acquisito queste verità avrai capito quello che voglio dire, se ancora non le hai trovate non fare il "cercatore" ma fai il "ri-cercatore" perchè altri (non io) le hanno già cercate e trovate, quindi ri-cerca nel passato perchè tutto quello che si doveva dire sull'Ipnosi Pavlov lo ha già detto e non ti fermare al suo classico esperimento con i cani.
    Ovviamente questa non vuole essere una paternale, ma solo uno stimolo.

    Ciao

    P.S. con genio di turno non mi riferivo assolutamente a te strano che tu….. ;-))

  • Ciao Anonimo,

    io Genna (alias Gennaro Romagnoli) divulgo informazioni sull'ipnosi…e molte volte ci allego gli studi sperimentali annessi. E' zeppo di metodologie che si rifanno ai tempi di reazione, alle scale interpretative dei parametri fisiologici ecc…tutto materiale OGGETTIVO…

    Pavolov è stato un grande, e ha anche dato una spiegazione all'ipnosi…ma non ci aveva beccato neanche lontanamente. Hilgard, Bongartz e altri studiosi moderni hanno fatto studi interessantissimi…per non citare gli italiani come "Granone, Mosconi, Margnelli, Gagliardi"…

    mi dipisce…ma sei tu ad essere poco informato 😉

    Ps. Non sono il genio di turno, sono solo un appassionato, studioso della materia. Bandeler e Benemeglio sono due ottimi venditori…vatti a leggere gli articoli scientifici dei personaggi che ti ho sopracitato.

  • Scusate ma non capisco perchè insistete a parlare di argomenti come l'ipnosi basandovi unicamente su interpretazioni puramente soggettive, la PNL la così detta Ipnosi Dinamica, l'analisi di qualunque tipo, la psicologia in generale, si basano solo unicamente su osservazioni e ricerche che hanno un carattere soggettivo.
    L'unico vero studio oggettivo che a me risulta sia stato fatto è stato fatto in ambito fisiologico da un tizio di nome PAVLOV.
    PAVLOV vi dice niente?
    Bandler, Benemeglio e altri non fanno altro che dichiarare di aver scoperto qualcosa che invece era già stato studiato e PROVATO SCIENTIFICAMENTE da PAVLOV.
    Strano che questi mitici bandler e benemeglio per le loro eccezionali
    scoperte non siano dei Nobel.
    Strano come in ambito psicologico, analitico e psicoterapeutico si continui ad occultare la verità, riguardo meccanismi e processi mentali su cui PAVLOV ha detto quasi tutto se non tutto.
    Già siamo alle solite, se la massa capisce come funziona la propria mente come riempiranno i loro portafogli tutti questi psicologi, analisti, psicoterapeuti, ecc.

    Ora aspetto che il genio di turno mi risponda "noi non siamo cani"
    anticipatamente gli rispondo "BRAVO HAI CAPITO TUTTO CONTINUA COSI'".

  • Ciao Marcello,

    nel caso di "Bandler" no, non esistono studi. Sulla PNL si e sono molti, ma quando mi riferivo "alla grande mole" mi riferivo alla psicoterapia ipnotica e alla ipnoterapia.

    Gli studi più fichi sulla PNL li trovi qui, se non ricordo male: http://www.eanlpt.org/

  • Salve sono Marcello Annunziata mi chiedevo, per personale curiosità, se nel caso delle tecniche di BANDLER esistono " davvero una ENORME mole di studi e,se molti di questi provano l'efficacia (medicine evidence) delle submodalità nella risoluzione di diversi problemi".
    Ti ringrazio per l'attenzione che vorrai dedicarmi.
    Saluti
    Marcello

  • grazie mille Genna!

  • Ciao Fabio,

    esiste davvero una ENORME mole di studi e, molti di questi provano l'efficacia (medicine evidence) della psicoterapia ipnotica nella risoluzione di diversi problemi.

    Allora darti dei riferimenti è un pò come svenire 😉 perchè ce ne sono tantissimi: allora partiamo dall'Italia dove abbiamo due riviste davvero interessanti – la prima è quella dell' AMISI (la mia scuola di riferimento) – la seconda è quella della scuola di Roma edita dalla Franco Angeli (la trovi anche alla Feltrinelli).

    Fra gli autori stranieri che hanno contribuito a questo enorme step scintifico ci sono personaggi come Bongartz, la Banjai ed altri…

    I riferimenti diretti a loro riviste "non esistono quasi" perchè sono in circuiti accademici. Non so se ne sei a conoscenza ma per avere accesso a certe riviste devi essere iscritto come ricercatore o come studente. Noi (forse tu sei un collega psicologo) possiamo andarci a vedere molte riviste gratuitamente sul sito http://www.psy.it oppure, nel mio caso, ho accesso a molte riviste dall'Università di Padova.

    Ti basta trovare i ricercatori seri, in Italia rappresentati dalle due scuole che ti ho detto sopra e scartabellare gli archivi.

    Nessuna psicoterapia è "scientifica" secondo i dogmi del "metodo scientifico" (che oggi sappiamo essere limitato) – Ma si basa sulla "evidenza" della guarigione e la psicoterapia ipnotica è una delle terapie moderni con il più alto tasso di evidenza, soprattutto per quanto riguarda i disturbi d'ansia…

    Genna

    Ps. fai le tue ricerche e se trovi dei referenti "dubbi", passa pure a chiedermi se sono "seri" o meno 😉 (per seri significa che devono essere veri studi e non "ricerche fatte in casa" – studi fatti in ambienti sanitari, con campioni rappresentativi, con ipotesi chiare e…soprattutto pubblicati su riviste con Rating alti.

  • Ho letto che parli di enormi mole di lavoro sulla terapia ipnotica….sapresti indicarmi qualche sito dove posso trovare tali studi? ti chiedo questo perchè di solito in generale sull' ipnosi si dice che non esistono studi sul rapporto efficacia, efficienza, con casi clinici accertati e follow up, Si troverebbe qualche cosa, solamente nel testo di Rossi, sulle terapie non convenzionali.
    Grazie

  • Ciao Fabio,
    si conosco la "scusa" che si è inventato Benemeglio per proclamare la "sua ipnosi" come il metodo migliore. Ti dico "scusa" perchè non ci sono studi davvero approfonditi e gli unici che esistono lasciano a desiderare rispetto alla mole di studi che ci sono sulla psicoterapia ipnotica piuttosto che sulla ipnosi sperimentale.

    La sua ipnosi non è mai stata "riconosciuta"…e lui è stato più volte sanzionato dall'albo degli psicologi (compreso quest'anno). Io ho studiato e sperimentato il suo modello con persone molto vicine a lui e nessuno…mi ha davvero mai convinto 😉

    Tuttavia se credi che per te vada bene, ti fa sentire meglio e ti permette di avere più successo nelle interazioni sociali, allora ben venga, continua pure a seguire il suo modello. Perchè questo singnifica che è "la metafora giusta per te" 😉

  • Comunque ti spiego il significato di come l'hanno insegnata a me. Mettiamo il caso che ad un paziente con problema xy, il terapeuta gli dia un compito a casa da svolgere, ed alla seduta successiva, alla richiesta del terapeuta di come sia andato l compito a casa la paziente risponda di non ricordarsi nemmeno che compito dovesse fare…..
    è implicito pensa che il terapeuta non abbia creato vero rapport con il paziente, non sia riusito a toccarlo dentro, ecco del perchè sevirebbe induro ipnoticamente attraverso la simbologia.
    ciao

  • Ciao Fabio,

    tu hai scritto: "la simbologia ASTA, CERCHIO, TRIANGOLO,ha una sua fonte, e non è legata a Freud ma ad Jung"..

    io di certo non mi riferivo all'ipnosi, ma alla "simbologia asta…bla…bla…bla" 😉

  • si, conosco i simboli della Satir, ma anche storicamente è nato prima Jng e l'ipnosi la studiò da Bleur proprio come Freud, quindi anche storicamente sono antecedenti alla Satir.
    ciao

  • Ciao Fabio,
    i simboli non sono presi ne da freud ne da Jung ma da Virginia Satir (per maggiori informazioni leggi "cambiare le famiglie" di V.S.)..

    Jung ha studiato i simboli patendo dalla sua intuizione sugli archetipi…Ho praticamente divorato le sue opere anni fa e lo apprezzo molto 🙂

    Genna

  • Scusate ma c'è un equivoco suL'IPNOSI SIMBOLICA. Sto frequentando anche io un master in ipnosi clinica, e la simbologia ASTA, CERCHIO, TRIANGOLO,ha una sua fonte, e non è legata a Freud ma ad Jung, fu lo pscicanilsta Svizzero a parlare del simbololismo legato al'inconscio collettivo (patrimonio genetico ereditato a livello universale), oltretutto questi simboli non servono per l'ipnosi da palcoscenico ma per un approccio clinico, la simbologia serve a cosa vi chiederete voi? a creare rapport, vi risponderò io! difatti lo scopo sarà quello di arrivare a ricalcare il simbolo egemone, chiave per far arivare la persona dove noi vogliamo e portarlo poi con domande più approfondite a capire meglio se il soggetto in questione sarà un distonico dell'essere o dell' avere. Per fare un paragone, è un po come il lavoro sui movimenti oculari della pnl, quando dopo aver trovato il canale di elaborazione,potremmo entrare in quello più intimo.
    Spero di essermi spiegato sufficientemente.
    grazie
    ciao Fabio

  • Caro complimenti per la correttezza del tuo blog,ho visto che si parla del dott di Benedetto,so che conosce benemeglio da30 anni il suo sito e' http://www.ipnoionoterapia.com. Lui non ama applicare l'ipnosi dinamica se non per il controllo del dolore credo che di Benemeglio ne sappia molto ma per correttezza ne parla poco visto i trascorsi che fanno nascere l'ipnosi dinamica tra messe nere e sedute spiritiche.Vale la pena di valutare il suo abbinamento di queste tecniche in fisioterapia .ciao e buon lavoro

  • Ari ciao Genna e anonimo: avevo telefonato al numero che compare sul sito di Benemeglio e la sig. che rispose neppure si presentò: "Chi è" fu la sua domanda…poco professionale direi; ho chiesto info su tempi e costi e un'ora scarsa costa 150 euro, anche questo è secondo me poco professionale. Continuo ad andare dalla mia psicologa arteterapista-bioenergetica che mi dice sempre che non ha la bacchetta magica, che lei non cura, che si crea un rapporto tra due TU e insieme si lavora, ma mi spiega tutto quello che faccio col colore, cosa significa usare il colore o il bianco o il nero e come centrano con le leggi della fisica, perciò se interiormente io sono in equilibrio. ecc.ecc
    giovanna

  • Ciao Anonimo,
    devo ammetterlo…la penso proprio come te in molte parti del tuo commento, anche se dovrei essere un pò più imparziale da studioso. Ma la prima volta che ho letto il suo libro, appunto quello dove racconta delle sedute spiritiche ci sono davvero rimasto di "sasso" 😉

    Non ricordo se l'ho scritto o meno, comunque, io ho provato a testare i simboli su persone che non sapevano nulla e…. "non funzionano" 😀

    Mi piacerebbe sapere come lo hai approcciato e come ha risposto alle tue domande…grazie
    Genna

  • Stefano Benemeglio è un ciarlatano. La sua apparente innovazione è solo riverniciare vecchi concetti e impressionare gli incompetenti.
    Non esiste, ripeto NON ESISTE nessun fondamento scientifico o studio valido sulla sua teoria dei simboli applicati all'ipnosi e alla analisi della personalità. L'ho interrogato personalmente al riguardo. Mentre ipnotizzava con tecniche ultraconosciute da ogni ipnotista da palcoscenico diceva che i soggetti avrebbero risposto ai simboli. Mentre mostrava i simboli diceva "ora va avanti", "ora va indietro" oppure mimava il gesto di tirare o di spingere facendo i suoi cerchietti, le sue aste e i suoi triangoli. Praticamente c'era un VIZIO METODOLOGICO. Suggestionava il soggetto perché rispondesse in base alla sua teoria. Quando gli ho chiesto come avesse scoperto i simboli mi ha rispsoto "con l'esperienza". Si è inventato tutto di sana pianta. Ha copiato Freud per la teoria per giustificare l'ipnosi tradizionale che si faceva anche prima di lui. Poi pretende di diagnosticare i mali (sempre gli stessi e buoni per tutti come l'oroscopo) in pochi minuti. Ciò non è serio e deontologicamente corretto. Inoltre le tecniche più moderne ed etiche come la pnl portano una persona a stare meglio e non a peggiorare la situazione o a far rivivere i traumi come fa lui (utilizzando vecchie teorie freudiane superata). Non solo non cura, ma crea dipendenza, discepoli pronti a spendere cifre da capogiro per lui. Leggete il suo primo libro. Parla di come ha creato il suo metodo partecipando alle sedute spiritiche. È un personaggio poco raccomandabile, un cialtrone in malafede avido solo di denaro. Quelli che lo circondano sono adepti plagiati e la sua è una setta distruttiva. Saluti.

  • caro Genna volentieri, intanto se l'argomento ti interessa probabilmente puoi vedere qualcosa sui siti dell'associazione antroposofica R. Steiner italiana.
    Viene spesso usata anche coi ragazzi nelle scuole Waldorf
    Da quello che ho capito può essere inzialmente usata come metodo diagnostico in quanto rivela(non da sola, si parla delle emozioni che emergono durante i lavori),rileva dove la persona si trova,come percepisce se stessa, quanto è centrato il suo io ,che energie ha a disposizione per sopravvivere e poi per Vivere.I lavori per diagnosi non si toccano più, anche se osservandoli io stessa ho notato un senso di abbozzo, di incompletezza, ma non avrei saputo cosa cambiare(questo su un lavoro dove dovevo togliere oscurità creata col carboncino per arrivare ad un raggio di luce.) Una cosa non ti ho detto: prima si stende il carboncino su tutto il foglio, poi si lavora con i palmi delle mani per renderlo omogeneo e trovare la propria gradazione di grigio quindi eventualmente si aggiunge o si toglie.
    Mi ha chiesto di fare anche un disegno con specie di pastelli a cera pensando al primo settennio della mia vita.
    Osservare se stessi mentre si mette e toglie luce, cambiar mano che fa(modalità d'azione) osservare il proprio lavoro appena fatto da vicino, guardarlo poi a distanza…tutte cose che poi in effetti son da portare nella vita di tutti i giorni.
    Ciao Genna ora ti saluto se no ti prendi una stufata.
    Giovanna;-)

  • Ciao Giovanna,
    si l'ho inoltrata io, ma senza mettere la precedente che conteneva l'url, guarda caso, dello stesso professionista nominato dall'anonimo 😉

    Si è molto interessante, considerando che io ne so davvero poco di "arte terapia" 😉 Per cui sarebbe interessante se "di tanto in tanto" mi raccontassi qualcosa di più…chiaramente nel rispetto della privacy tua e del terapeuta.

    Genna

  • CIAO GENNA, a me l'hai inoltrata tu la mail dell'anonimo? Comunque non andrò per ora da nessun ipnotista…150 euro è decisamente troppo e sinceramente non reputo etico guadagnare in modo così sfacciato sul dolore della gente. Ovvio che aiutare di professione ha un valore ed è giusto chiederlo in cambio, ma a tutto c'è un limite, quello della decenza.
    A parte ciò, mi son fatta una bella risata per come hai messo a posto l'anonimo…grazie..per il buon umore.
    Con la mia terapeuta ho cominciato dei lavori col carboncino, si lavora con luce e ombra e con quel che le mani fanno uscire. Si fa tutto scuro col nero e poi si toglie quanto ,come e dove si vuole.Mi è uscita nel centro una sfera chiara, poca luce che scende dall'alto a sin, l'oscurità intensa che sale da destra in basso e dei guzzi di luce a sin, dei guizzi di nero a dx.
    Interessante vero? L'eterna ricerca di equilibrio che l'essere umano attua tra terra e cielo, tra materia e astrazione, tre Arimane e Lucifero.
    Un caro saluto e apresto Giovannaa

  • Ciao "Anonimo",
    quando si postano nomi e riferimenti chiedo cortesemente di inserire i propri dati, corredati di nome cognome ed email (che posso leggere solo io, quindi tranqui).

    Visto che tu stesso te la sei "cantata e suonata"…mi spiego meglio, prima mi invii un commento con un sito ed una testimonianza (che io non ho pubblicato) e poi arriva la tua risposta, che è questa pubblicata 😀

    Domanda, come fai a confermare la testimonianza precedente se non l'ho pubblicata? semplice l'hai scritta tu…e questo nel mondo di internet si chiama SPAM…severamente vietato sul mio blog 😉

    Bene…a questo punto i miei carissimi lettori sapranno con chi hanno a che fare.

    Genna

    Ps. la prossima volta, stai più attento 😉

  • Posso confermare che l'ipnoionoterapia ( terapia che coniuga l'ipnosi dinamica con l'elettroionoterapia) ha risolto problemi seri a me e a tanti amic,ritengo che il Dott.Gilberto Di Benedetto sia uno dei migliori rappresentanti delle scoperte del grande maestro Stefano Benemeglio

  • Ciao Genna, intanto comincio un percorso di psicoterapia energetica abbinata alla pittura terapia e allo studio della biografia, entrambi questi ultimi di carattere antroposofico. Il costo è tutto sommato contenuto e mi interessa molto l'arte terapia come strumento da portarsi poi a casa. Poi vedremo. E visto che nulla viene a caso, comunque tutte le ricerche fatte mi hanno permesso d'incontrare via mail delle persone gentili e disponibili.Grazie ancora ti farò sapere come va…
    un caro saluto Giovanna

  • Ciao Giovanna,
    il mio intento non è quello di sbugiardare Benemeglio, ma solo quello di documentare quanto ho saputo sul suo conto. Ci sono molte persone che trovano aiuto nelle sue metodiche e altre che non lo trovano, ma questo succede in tutte le forme di terapia e di intervento.

    Ti dico, nella mia piccola esperienza, che l'ipnosi non è il migliore strumento per trattare i disturbi alimentari e pare…che il numero uno sia la terapia sistemico familiare. Entrambe, purtroppo sono molto costose, ancor di più la sistemico familiare perchè porta "in analisi tutta la famiglia".

    Fammi sapere
    Genna

  • ciao Genna, io forse sarò una futura paziente di Benemeglio. Dico forse perchè il timore di fare un buco nell'acqua o peggio prendere una fregatura è alto. devo dire però che i vostri post mi rassicurano sulla fregatura ,ma non sul buco.In realtà sto cercando in Trentino dove abito un medico psicoterapeuta specializzato in ipnosi per affrontere bulimia e depressione, ma l'accattivante sito di Benemeglio mi ha distratto attirandomi in Veneto… effetto della PNL applicata all'immagine o di qualche "formula magica" che ora mi fa sembrare poco speciale tutto il resto?
    Scherzi a parte ho davvero bisogno e nonstante la disoccupazione sono abbastanza sul disperato. Grazie per l'ospitalità e buon lavoro a voi training delle nostre anime.
    Giovanna

  • Io ho fatto per anni analisi c/o Benemeglio. Non so valutare se sono migliorato o meno, avendo dei problemi interiori molto complicati.
    Posso di dire che innova rispetto a molte analisi tradizionali e dice molte cose nelle quali mi riconosco.
    Ma anche la cidcnv ha i suoi limiti: mi pare troppo schematico pensare che esistono solo 8 tipologie. Poi una seduta, e anche il corso, sono costosissimi, tanto che andavo 1 volta ogni 3-4 settimane, e alla fine l'ho sospeso; poi,nelle singole sedute, dopo la conversazione iniziale e il test, "spariva" e faceva sentire dei nastri con le meditazioni guidate (dinamica mentale) senza seguirmi più se avevo qualche cosa da dire.
    Quindi molte luci (oggi ho visto un video) ma anche qualche ombra (con me il miracolo non c'è stato).

  • Ciao Elisa,
    benne sono contento che ti sia piaciuto Charlie è proprio bravo. Per quanto riguarda la questione "certificati" la storia è davvero lunga… 😉

    Intanto ti dico che Charlie è uno dei pochi che può dare certificazioni…di counselor…poi che sia giusto o non giusto darle ai "non psicologi" è un'altra questione. Mi spiego meglio…a questo punto non sarebbe neanche giusto che un medico si possa iscrivere ad un corso di psicoterapia…ma tant'è…

    Ci vorrebbero sicuramente dei criteri di selezione più rigidi e anche a me piacerebbe che alcune cose restassero "a casa nostra"…ma nonostante questo esistono degli strumenti che è innegabile non condividere con altri professionisti…ad esempio la comunicazione efficace, la PNL e quant'altro. Purtroppo la responsabilità ricade tutta sul nostro albo…insomma è un vero guazzabuglio 😉

    Grazie
    Genna

  • Ciao Genna
    a proposito di trainer italiani, ho partecipato a una serata sull'ipnosi con Charlie Fantechi(come mi avevi consiglito tu) devo dire che è un abile comunicatore e bravo in ciò che fa. Tuttavia io diffido sempre un pò di chi offre titoli vari di counselor..master o quanto altro a chiunque, basta che paghi. Non credi anche tu, in quanto psicologo, la nostra professione vada tutelata, per evitare di denigrarla paragonandola a qualcosa che tutti possono fare (vedi maghi pseudo consiglieri filosofici etc). Anche riguardo all'ipnosi( che io reputo una cosa seria) credo che certe tecniche vadano insegnate solo a psicologi o medici, e non "vendere" strumenti che alla fine screditano la stessa ipnosi.Mi interessava il tuo parere visto che scrivi cose intelligenti e interessanti (soprattutto per psicologi;)
    Grazie
    Elisa

  • Ciao Francesco,
    intanto ti ringrazio per i complimenti 🙂

    Non ho mai pensato di usare l'ipnosi a questo scopo, ma sicuramente può essere un valido aiuto nell'apprendimento di "qualsiasi cosa". Detto un pò "alla carlona"…l'ipnosi può essere considerata come una accelleratrice di risultati, qualsiasi cosa tu abbia intenzione di raggiungere 🙂

    Genna

  • Ciao Genna
    sono un appassionato (da poco tempo)di ipnosi e pnl (di lavoro faccio tutt'altro), comunque, volevo farti i complimenti per il blog che è una vera miniera di risorse e i complimenti per la tua partecipazione alla trasmissione di oggi pomeriggio su rai uno,detto ciò, mi interessava avere una tua opinione su dei corsi che promettono di insegnarti l'inglese con l'ipnosi e, se non erro, vengono fatti dal dott.Paret.
    Ciao,
    Francesco.

  • Ciao Giovanni,

    parto dalla fine 😉 le lusighe a Paret non sono tanto per le sue abilità di trainer e comunicatore, quanto per le sue ricerche…vedo Paret più come un ricercatore che come un trainer.

    E' stato un collaboratore di Benemeglio a dirmi che J. Casella è stato suo allievo 😉

    Personalmente ho seguito solo il primo corso di Benemeglio ed ho visionato tutto il suo materiale video. L'ho praticato e applicato in studio e per me ci cose che funzionano meglio 😉 forse non ho compreso a fondo "la sua opera" 😉

    Genna

  • Sono felice che si parli di Benemeglio in modo positivo, sinceramente se lo merita.

    Vorrei allontanare quelle voci che sostengono benemeglio il maestro di J. Casella (a sentire Casella a ribadito più volte che non lo ha mai visto, ne conosciuto), ma si sà, intorno a questi grandi personaggi aleggiano sempre delle leggende.

    Prima di parlare però di ipnosi dinamica alla buona, è bene conoscere sul serio la P.A. e dire "sul serio" significa frequentare non un corso, ma tutto l'A.P.S. e fare sopratutto delle ristrutturazioni personali con un master trainer del centro di ipnosi dinamica.

    Sono felice che a tutt'oggi siano molti a parlare di Ipnosi Benemegliana e PNL, addirittura un allievo di Benemeglio: Pandiscia Fabio (anche lui italiano), è uscito con un libro dove cerca di integrare le conoscenze di PNL (lui è un master trainer di PNL) e ipnosi dinamica, il titolo del libro credo che sia: Comunicare Bene, la comunicazione come forma mentis, e un altro allievo di Benemeglio Marco Pacori (anche lui grazie a Dio italiano) grazie alla P.A. sta rivoluzionando il mondo del linguaggio non verbale e ha già ottenuto grandi successi con i sui libri: I segreti della comnicazione e Messaggi del corpo.

    Una cosa però di quanto detto mi stona un pò, i riferimenti a Paret secondo me, sono troppo lusinghieri. Personalmente ho fatto solo due corsi con lui e sinceramente l'ho trovato un pessimo comunicatore.

    Un saluto, e complimenti per il tuo impegno.

    Giovanni.

  • Ciao C.S.

    ti ringrazio tantissimo per la tua testimonianza estiva 🙂

    visto che sei dalle parti di Padova magari un giorno potremmo incontrarci così mi racconti meglio nei dettagli 😉

    Grazie
    Genna

  • Caro Genna, ho letto con naturale interesse i post pubblicati in merito a S.Benemeglio. Vorrei solo testimoniare quanto segue: ho conosciuto Benemeglio nel 2007, con il quale collaboro tutt'ora. Che dire? E' solo da conoscere e da provare. Se non erro è il padre della Ipnosi Idnamica. Sbaglio? Chiaramente, sai meglio di me in quanto ricercatore, Benemeglio (da oltre 30 anni) partendo indubbiamente dalle basi già scritte da altri ricercatori nel campo, partendo da "mago Otelma" per acquisire notorietà negli anni 80-90 oggi, se permetti, nel campo clinico fà miracoli. Io ne sono un esempio e continuo a vederne altri di "miracoli", specie dalle parti di Padova. E' chiaro che ognuno "porta acqua al suo mulino" e pur essendo, io stesso, un suo collaboratore diretto avanzo nei suoi confronti alcuni "gap" relazionali. Bisogna accettarlo per quello che è (per quanto mi riguarda) un genio, ed in quanto tale un pò "strano", vive nel suo mondo "Analogico" 24 ore su 24. Il mio sogno? Dare giusto merito ad un "uomo" che dopo più di 30 anni di ricerche ci ha donato delle pietre miliari sia nel campo della psicologia Analogica che nell'ipnosi. Come dice lui: "non sono la reincarnazione di Freud, Freud è la mia reincarnazione", io ci credo e sono convinto che tra qualche anno finalmente avrà il giusto riconoscimento. Non lascio il mio nome poichè prima di me è giusto che Lui venga tutelato da chi, sino ad oggi, gli ha remato contro (psicologi in primis). Ti ringrazio per aver aver pubblicato il mio videotest della personalità e colgo l'occasione per farti i miei più vivi complimenti per il lavoro svolto. A presto. C.S.

  • Ciao Marcello,

    penso di averne parlato in modo piu in questi:

    http://pnl-ipnosi.blogspot.com/2009/02/ipnosi-non-verbale-vol-1.html

    http://pnl-ipnosi.blogspot.com/2009/02/ipnosi-non-verbalevol-2.html

    Il "codice si/no" è una cosa semplice da fare ma davvero difficile da spiegare. Infatti ci sono teorie legate all'inconscio, altre legate ai micromovimenti del corpo…ed altre legate alle energie…

    Il modo più semplice per spiegarlo è con un "convincer"…una sorta di ricalco guida per convincere le persone che quello che sta accadendo è reale.

    Evita di allarmarti, è solo la spiegazione più razionale…

    In pratica dici al soggetto che l'incnoscio è in grado di muovere una parte del corpo per dire si o no (nel caso della P.A. sono le oscillazioni…ma anche nella kinesiologia)..

    Quando questo accade…perchè accade 😉 li distingui e rinforzi il comportamento. Il soggetto rendendosense parzialmente conto si "convince ulteriormente" e il suo fattore critico viene abbassato permettendo alle suggestioni di fare il loro lavoro.

    Genna

  • Ciao Genna,
    un argomento di largo interesse potrebbe esssere il codice del si/no che viene utilizzato in p.a sia per l'induzione ipnotica e sia in ristrutturazione: In particolare mi, e credo ci piacerebbe, capire il meccanismo o la dinamica psicologica che nasconde.
    Saluti
    Marcello Annunziata

  • Ciao Marcello,

    intanto ti ringrazio per la testimonianza di prima mano 😉

    L'ipnosi sono un insieme di tecniche per raggiungere uno stato naturale della mente…la trance…per questo motivo le manovre induttive possono essere moltissimissime 😉

    Apprezzo Benemeglio perchè ha creato diverse di queste tecniche…e in tempi in cui l'ipnosi era appannaggio di maghi e prestigiatori (lui stesso ha ottenuto la notorietà come ipnotista da palcoscenico).

    Penso che, nonostante appaia così diverso e rivoluzionario, in ogni sua tecnica si possano intravedere le "classiche" manovre dell'ipnosi. Che seguono le regole della "induzione standard"…se fai una ricerca sul blog trovi sia analisi di alcune induzioni che la teoria sottostante.

    Per quanto riguarda il suo modello psicoterapico, trovo che sia una applicazione non diversa dalla "negoziazione fra le parti"…in cui si negozia con "l'io bambino" (nel caso di Benemeglio) per ottenere dei benefici. Tecniche che erano già presenti da molto tempo in questo campo.

    Ne approfitto per dire che, con le mie osservazioni NON voglio screditare il lavoro della P.A. (psicologia analogica per chi non lo sapesse) ma solo cercare i riferimenti dai quali è partita.

    Penso che la PA e la PNL abbiano molto in comune perchè entrambe sono un modello per utilizzare gli stati modificati di coscienza in vista di un obiettivo specifico.

    Marcello, se hai altre testimonianze/esperienze/andettoi ecc…da raccontare fallo apertamente 🙂

    Grazie
    Genna

  • Salve Genna,
    sono Marcello Annunziata seguo da moltissimo tempo Stefano Benemeglio come ho seguito altri formatori . In particolare la p.a.mi è servita moltissimo perche, grazie a delle tecniche autoindotte, ho superato in particolare l' ansia che non mi consentiva di relazionarmi al meglio con i miei oggetti del desiderio ( obiettivi).
    A mio avviso la teoria che accompagna la p.a è molto affascinante e di facile applicazione. A dire il vero è da tempo che volevo chiedere la tua opinione in merito per quanto riguarda non solo l'induzione ipnotica ma anche l'intervento teraupetico ( tap, coefficienti , equazione spazio tempo, chiavi regressive , ecc, ecc), ma non ho "osato" perchè tutti parlano dei grandi formatori stranieri ma pochi , pochissimi parlano di questa formazione "diversa".
    Personalmente credo che le due discipline P.a.E pnl si completano a vicenda.

  • Esatto Genna,
    sono sempre io che avevo già commentato un post su Benemeglio.

    Aspetto i prossimi approfondimenti, tnx.

    Ciao,
    Paolo

  • Ah…dimenticavo Paolo…
    approfondirò sicuramente;-)

    Tra poco per chi ama l'ipnosi ci sarà un'opportunità pazzesca…

    Due miei colleghi andranno in Arizona alla Erickson Foundation per seguire l'intensive training… sono due esperti che hanno deciso di fare "gli inviati per il mio blog:-)".

    Intervisteranno gli allievi di Erickson e faranno delle video lezioni direttamente da Phonix…

    Le domande le potranno fare tutti i lettori che come te, postano un commento 😉

    Genna

  • Ciao Paolo,

    grande, se non ricordo male avevi anche commentato un altro post su Benemeglio o sbaglio?

    Personalmente lo conosco poco, come persone, mentre come "ipnotista" un pò meglio;-)

    Nasconde un segreto? una delle componenti dei bravi persuasori è proprio questa, nel dire e nel non dire… facendo credere a tutti che ci sia un segreto dietro al segreto…e di saperne sempre una più di te 😉

    Grazie
    Genna

  • Ciao Genna,
    certo che sono interessato!!!
    Se ho conosciuto la PNL, Derren Brown, te e il tuo bel blog è perchè avevo sentito parlare prima del "codice del si e del no" di Benemeglio.

    Ma ho l' impressione che lui non dica tutta la verità e cerchi di sviare l' attenzione dai veri motivi. E capisco che voglia tenere segreti i suoi trucchi …. ma sono molto curioso 😀

    Ciao,
    Paolo

  • Ciao Enrica,

    sono contento di risvegliare vecchie passioni…e quando "una passione ritrona" c'è semmpre un motivo;-)

    Finalmente hanno deciso di ristramparli… cara Enrica ti invidio perchè hai avuto la fortuna di conoscere personalmente Granone. E sarei tanto curioso di saperne di più…non tanto sulle sue "opere", che conosco, ma sull'uomo…

    Aspetto un tuo feedback per Rilassamento Dinamico, spesa di cui mi sento responsabilissimo 😀

    Grazie
    Genna

  • Tanti, tanti anni fa ebbi occasione di seguire un corso di ipnosi. Non vorrei errare, ma credo fosse il primo che si teneva a Roma. Fu in quel periodo che conobbi sia Benemeglio che il Prof. Granone (di cui ho già avuto occasione di dirti quanto mi abbia affascinato).
    I tuoi post hanno risvegliato la voglia di riprendere in mano un capitolo dal quale mi ero allontanata.
    Intanto mi sto spulciando il tuo Rilassamento Dinamico. Poi … ho scoperto con gioia che il trattato di Granone è stato ristampato.
    Insomma … sei responsabile di spese che sto affrontando :-)))
    Enrica

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK